Ap­pun­ti No­van­ta In­da­gi­ne d'ar­te

Leggo (Roma) - - We Mostre - Va­le­ria Ar­nal­di

Il fi­gu­ra­ti­vo più tra­di­zio­na­le, ma ri­pen­sa­to in dia­lo­go con l'astrat­to, nel­le ope­re di Si­mo­ne Ber­ti, ve­sti­te di lu­ce ri­fles­sa, in un ap­po­si­to gio­co di spec­chi. Poi i “fi­li” di lu­ce di Cuo­ghi Cor­sel­lo, po­sti in­ve­ce in dia­lo­go con il fi­gu­ra­ti­vo sto­ri­co, in un per­cor­so buio, do­ve so­no pro­prio i neon a crea­re pun­ti di ri­fe­ri­men­to e di at­ten­zio­ne. So­no gli anni No­van­ta, co­me sce­na­rio di azio­ne e cre­sci­ta, non­ché ispi­ra­zio­ne, il cuore del­la ri­fles­sio­ne di Ap­pun­ti di una ge­ne­ra­zio­ne, ci­clo di mo­stre a cu­ra di Co­stan­ti­no D'Ora­zio, che al Ma­cro, in via Niz- za, ac­cen­de i ri­flet­to­ri, ap­pun­to, su Ber­ti e la sua ri­cer­ca sul te­ma del­la pre­ca­rie­tà, in­da­ga­ta nel­le sue di­ver­se sfu­ma­tu­re, e su Cuo­ghi Cor­sel­lo, tra i pio­nie­ri del­la street art ita­lia­na, che han­no la­scia­to il lo­ro “se­gno” in più cit­tà già dal­la me­tà de­gli anni Ot­tan­ta. Le mo­stre so­no con­ce­pi­te co­me ma­xi-in­stal­la­zio­ni. Ber­ti ha svi­lup­pa­to un ine­di­to si- ste­ma di il­lu­mi­na­zio­ne, per dif­fon­de­re le lu­ci sul­le ope­re, “con­ta­mi­nan­do­le” con le om­bre de­gli spet­ta­to­ri. Cuo­ghi Cor­sel­lo ha usa­to co­me sce­na­rio per le pro­prie crea­zio­ni ol­tre due­cen­to di­pin­ti rea­liz­za­ti tra gli anni '50 e '70, par­te del­la col­le­zio­ne per­ma­nen­te del mu­seo, po­co in­da­ga­ta e mai espo­sta. Al Ma­cro, fi­no al 29 ot­to­bre, pu­re l'espo­si­zio- ne fi­na­le de­gli ar­ti­sti in re­si­den­za, Fran­ce­sca Fer­re­ri e Marco Gob­bi, vin­ci­to­ri del ban­do 2016-2017, che li ha vi­sti la­vo­ra­re, vi­ve­re e in­con­tra­re cu­ra­to­ri e cri­ti­ci per sei me­si, nel mu­seo, da mar­zo a fi­ne ago­sto. Te­ma di ri­cer­ca, il vuo­to, da col­ma­re di sug­ge­stio­ni, sti­mo­li e vi­sio­ni, tra as­sem­blag­gi, ci­ta­zio­ni, me­mo­rie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.