Fer­zet­ti, tra tv e ci­ne­ma: «Il set è una co­sa se­ria»

Dal­la fic­tion Rocco Schiavone a Sol­di­ni

Leggo (Roma) - - Spettacoli - Mi­che­la Gre­co

RO­MA - «Ho vis­su­to im­mer­sa nel ci­ne­ma da quan­do so­no na­ta, vi­sto che ce l'ave­vo in fa­mi­glia. Ho pro­va­to a fa­re tutt'al­tro mai poi ci so­no ca­du­ta den­tro, an­che se mio papà mi ha pre­ser­va­to di­cen­do­mi “Quan­do sa­rà il mo­men­to, de­ci­de­rai tu”. Era un per­fe­zio­ni­sta, co­me me». Fi­glia del gran­de at­to­re Ga­brie­le, ni­po­te dell'agen­te Fausto (che ha se­gui­to, tra gli al­tri, Gian Ma­ria Vo­lon­té) e cu­gi­na del critico Fa­bio, An­na Fer­zet­ti ha il ci­ne­ma nel dna. E an­che in ca­sa, es­sen­do la com­pa­gna di Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no, con cui ha due fi­glie. Le­ga­mi a par­te, pe­rò, è la sua car­rie­ra di at­tri­ce che sta bril­lan­do: era al­la Mo­stra di Ve­ne­zia con Il co­lo­re na­sco­sto del­le co­se di Silvio Sol­di­ni, il 26 ot­to­bre sa­rà al ci­ne­ma con Te­ra­pia di cop­pia per aman­ti di Ales­sio Ma­ria Fe­de­ri­ci (con Am­bra) e pre­sto tor­ne­rà nei pan­ni di Ra­che­le nel­la se­rie tv Rocco Schiavone. «Quan­do han­no an­nun­cia­to il mio no­me nel­la Sa­la Gran­de del Palazzo del Ci­ne­ma del­la Mo­stra di Ve­ne­zia, pri­ma del­la pro­ie­zio­ne del film, mi so­no emo­zio­na­ta co­me una bam­bi­na: è sta­ta la mia pri­ma vol­ta al fe­sti­val», ha rac­con­ta­to ie­ri, ospi­te del­la re­da­zio­ne di Leg­go in ve­ste di “di­ret­tri­ce per un gior­no”.

Ma c'è an­che un'al­tra pri­ma vol­ta sul gran­de scher­mo a cui tie­ne mol­tis­si­mo: «È il mio pri­mo ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta - spie­ga - in un film sviz­ze­ro che spe­ro usci­rà pre­sto. Si in­ti­to­la Cer­can­do

Ca­mil­le ed è la sto­ria di un papà ma­la­to di Al­z­hei­mer, in­ter­pre­ta­to da Lui­gi Di­ber­ti, che fa un viag­gio con la fi­glia, che so­no io. L'ho gi­ra­to due me­si do­po la mor­te di mio pa­dre, è sta­ta un'espe­rien­za im­por­tan­te». Per lei, a cui non di­spia­ce­reb­be con­fron­tar­si con ruo­li co­mi­ci, i mo­del­li di re­ci­ta­zio­ne so­no at­tri­ci co­me Jen­ni­fer La­w­ren­ce, To­ni Col­let­te e Ka­te Win­slet. «Que­st'ul­ti­ma - sot­to­li­nea - mi pia­ce an­che per­ché è una bel­lis­si­ma “don­na mor­bi­da”, ca­te­go­ria di cui so­no una fan, per­ché rap­pre­sen­ta don­ne nor­ma­li, sa­ne». Tra le ita­lia­ne cita Ma­ria Pa­ia­to e le sue ami­che Va­le­ria Go­li­no, Do­na­tel­la Fi­noc­chia­ro e Ca­ro­li­na Cre­scen­ti­ni men­tre, par­lan­do di col­le­ghi uo­mi­ni, rac­con­ta con pia­ce­re gli epi­so­di di con­di­vi­sio­ne del set con il suo com­pa­gno: «Al ci­ne­ma ave­va­mo la­vo­ra­to in­sie­me due vol­te, ma sen­za mai in­con­trar­ci sul set, poi sia­mo sta­ti in sce­na a tea­tro per tre an­ni con Ser­vo

per due e ci sia­mo tro­va­ti mol­to be­ne: ci ac­co­mu­na il ri­spet­to per il no­stro la­vo­ro e l'amo­re per la pre­ci­sio­ne. Sia­mo en­tram­bi esi­gen­ti».

IN RE­DA­ZIO­NE An­na Fer­zet­ti e Mau­ri­zio Te­sei (nel­la fo­to so­pra con Nuc­cio Sia­no) ie­ri ospi­ti nel­la re­da­zio­ne di Leg­go in ve­ste di “di­ret­to­ri per un gior­no”. Per en­tram­bi, tan­ti i nuo­vi pro­get­ti in ar­ri­vo tra ci­ne­ma e tv

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.