«A ri­schio la te­nu­ta del Co­mu­ne»

Il Pd va all'at­tac­co del­la sindaca do­po la ri­chie­sta del Pm: «La Rag­gi si de­ve di­met­te­re»

Leggo (Roma) - - Roma - Lo­re­na Lo­ia­co­no

Rin­via­ta a giu­di­zio, la sindaca Rag­gi re­sta sal­da in Cam­pi­do­glio. Im­me­dia­te ie­ri le rea­zio­ni dell'op­po­si­zio­ne che de­nun­cia: «Dal M5S due pe­si e due mi­su­re». Dal­la Pro­cu­ra al Co­mu­ne, la decisione del­la ma­gi­stra­tu­ra è vo­la­ta in un lam­po e, in un lam­po, so­no par­ti­te le po­le­mi­che: «Ver­go­gna – twit­ta­va iro­ni­co il se­na­to­re del Pd, An­drea Mar­cuc­ci - un al­tro sin­da­co rin­via­to a giu­di­zio. Ah no, ri­guar­da Vir­gi­nia Rag­gi, al­lo­ra stia­mo tut­ti zit­ti. Og­gi un nuo­vo epi­so­dio del­la dop­pia mo­ra­le del M5s».

E il con­si­glie­re re­gio­na­le del La­zio e coor­di­na­to­re FI Pro­vin­cia di Ro­ma, Adria­no Pa­loz­zi, rin­ca­ra­va la do­se: «La Pro­cu­ra ha chie­sto il rin­vio a giu­di­zio del­la Rag­gi per l'ac­cu­sa di fal­so nell'am­bi­to dell'in­chie­sta sul­le no­mi­ne e la sindaca che fa? Ri­la­scia di­chia­ra­zio­ni ri­di­co­le e stram­pa­la­te sui so­cial net­work, li do­ve il po­po­lo gril­li­no la ve­ne­ra ed esal­ta: pri­ma si au­toin­cen­sa per l'ar­chi­via­zio­ne del rea­to di abu­so di uf­fi­cio, poi cri­mi­na­liz­za stam­pa e op­po­si­zio­ni e, non con­ten­ta, fa la va­ga sull'al­tro rea­to, quel­lo di fal­so ideo­lo­gi­co. Dal­la Rag­gi ve­ra­men­te il trion­fo dell'in­coe­ren­za e del fal­so mo­ra­li­smo. Per il be­ne di Ro- ma e dei ro­ma­ni, ci ri­spar­mi que­sti tea­tri­ni e se ne va­da via dal Cam­pi­do­glio».

Sull'esul­tan­za del­la sindaca è in­ter­ve­nu­to an­che Fa­bri­zio San­to­ri, con­si­glie­re re­gio­na­le del La­zio di Fra­tel­li d'Ita­lia: «È pa­ra­dos­sa­le l'esul­tan­za del­la Rag­gi per la ri­chie­sta di rin­vio a giu­di­zio. È un po' co­me se una squa­dra esul­tas­se per aver per­so 1-0 in­ve­ce di aver su­bì­to due goal. Pe­ral­tro l'im­pu­ta­zio­ne ri­vol­ta al­la pri­ma cit­ta­di­na ri­guar­da una que­stio­ne gra­ve». Non so­lo, San­to­ri ri­cor­dan­do le vi­cen­de dell'ex as­ses­so­ra Mu­ra­ro ag­giun­ge: «Un de­lit­to ve­ro e pro­prio , un il­le­ci­to de­ci­sa­men­te più pe- san­te ri­spet­to a quel­lo per cui l'ex as­ses­so­re Mu­ra­ro è sta­ta fat­ta di­met­te­re da as­ses­so­re, men­tre la Rag­gi è an­co­ra lì pe­ral­tro pro­tet­ta e ido­la­tra­ta da Gril­lo e Ca­sa­leg­gio. Ro­ma non me­ri­ta si­mi­li at­teg­gia­men­ti, due pe­si due mi­su­re».

Al­la po­si­zio­ne di Ren­zi, ga­ran­ti­sta nel da­re giu­di­zi sen­za una sentenza, ha re­pli­ca­to il ca­po­grup­po del M5S al Se­na­to Enrico Cap­pel­let­ti: «A Ren­zi di­cia­mo che Vir­gi­nia Rag­gi non ha bi­so­gno del­le sue di­fe­se e del suo garantismo di co­mo­do al­tri­men­ti nel Pd non ci ri­mar­reb­be dav­ve­ro più nes­su­no».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.