«Il mon­do non esi­ste, gli el­fi sì»

Il fi­lo­so­fo Ga­briel spie­ga per­ché l’es­se­re non si ri­du­ce agli og­get­ti na­tu­ra­li

Libero - - Cul­tu­ra - MAU­RI­ZIO SCHOE­P­FLIN

For­se non tut­ti so­no al cor­ren­te del fat­to che ver­so l’una e tren­ta del 23 giu­gno 2011 la sto­ria del­la fi­lo­so­fia ha su­bi­to una svol­ta epo­ca­le. In­fat­ti, co­me ci in­for­ma il 35en­ne pen­sa­to­re te­de­sco Mar­kus Ga­briel nel suo li­bro Per­ché non esi­ste il mon­do ( Bom­pia­ni, pp. 254, eu­ro 20), in quel pre­ci­so mo­men­to egli, se­du­to a ta­vo­la con Mau­ri­zio Fer­ra­ris, an­nun­ciò che l’epo­ca del post­mo­der­no era fi­ni­ta e che sa­reb­be sta­ta so­sti­tui­ta da un’al­tra fa­se do­mi­na­ta da una di­ver­sa for­ma di pen­sie­ro, il «nuovo rea­li­smo», di cui Ga­briel stes­so si fa­ce­va pa­la­di­no.

Una vol­ta su­pe­ra­to lo scon­cer­to, cau­sa­to non tan­to dal­la no­ti­zia, quan­to dal mo­do di dar­la scel­to dall’au­to­re, è be­ne che il let­to­re pro­ce­da fi­du­cio­sa­men­te nel­la let­tu­ra dell’ope­ra, per­ché ri­sul­ta dav­ve­ro mol­to in­te­res­san­te e, nel­la mi­su­ra in cui è pos­si­bi­le a un te­sto di fi­lo­so­fia, as­sai chia­ra. Per spie­ga­re la sua po­si­zio­ne (co­me fa­rà al Sa­lo­ne del Li­bro do­me­ni­ca al­le ore 14 - Pal­co Let­te­raTor­ri), Ga­briel af­fron­ta e di­scu­te al­cu­ni te- mi che da se­co­li so­no all’at­ten­zio­ne dei fi­lo­so­fi, in par­ti­co­la­re quel­lo con­cer­nen­te il rap­por­to fra ap­pa­ren­za ed es­se­re che, da sem­pre, è sta­to al cen­tro del­la me­ta­fi­si­ca, ov­ve­ro quel­la par­te del­la fi­lo­so­fia ri­guar­dan­te i ten­ta­ti­vi di svi­lup­pa­re una teo­ria dell’uni­ver­so nel­la sua in­te­rez­za.

Un gran nu­me­ro di pen­sa­to­ri ha pro­va­to a oc­cu­par­si del tut­to, cer­can­do di da­re una ri­spo­sta al­le do­man­de di fon­do ti­pi­che del fi­lo­so­fa­re: per­ché esi­ste qual­co­sa piut­to­sto che il nul­la? Che cos’è e che sen­so ha l’uni­ver­so? Chi è l’uo­mo? Da do­ve vie­ne? Do­ve va? Al­cu­ni han­no ri­te­nu­to di aver tro­va­to ri­spo­ste sod­di­sfa­cen­ti a ta­li in­ter­ro­ga­ti­vi, al­tri, al con­tra­rio, han­no af­fer­ma­to che que­sto sfor­zo si di­mo­stra fal­li­men­ta­re. A ta­le ri­guar­do, le po­si­zio­ni de­li­nea­te­si sto­ri­ca­men­te so­no ri­du­ci­bi­li a tre (con in­fi­ni­te sfu­ma­tu­re): c’è la ve­ri­tà ed è co­no­sci­bi­le; c’è la ve­ri­tà ma è in­co­no­sci­bi­le; non c’è la ve­ri­tà. Ri­guar­do al­la que­stio­ne del mon­do, in­te­so co­me la to­ta­li­tà e l’in­te­ro, so­no emer­se due li­nee: quel­la del­la fi­du­cia me­ta­fi­si­ca, che pen­sa di po­ter de­scri­ve­re co­me il mon­do real­men­te è, e quel­la del co­strut­ti­vi­smo, se­con­do cui l’uo­mo è in gra­do di sa­pe­re sol­tan­to co­me il mon­do gli ap­pa­re. Il nuovo rea­li­smo di Ga­briel giu­di­ca er­ro­nee am­be­due le con­ce­zio­ni ap­pe­na ri­cor­da­te: in­fat­ti es­so di­chia­ra aper­ta­men­te che il mon­do non esi­ste. Esi­ste qua­lun­que co­sa, pu­re gli uni­cor­ni, gli el­fi e le stre­ghe, per­ché «esi­ste an­che tut­to ciò che non esi­ste - so­lo che tut­to que­sto non esi­ste nel­lo stes­so am­bi­to». Ve­ra­men­te ine­si­sten­te è so­lo il mon­do: es­so non pos­sia­mo pro­prio im­ma­gi­nar­ce­lo.

Af­fer­ma Ga­briel: «C’è (esi­ste) qual­co­sa, se ciò si dà nel mon­do... Ora, il mon­do stes­so non si pre­sen­ta nel mon­do» e per­tan­to non esi­ste. L’uo­mo - l’au­to­re ne è cer­to - non po­trà mai af­fer­ra­re l’in­te­ro. Qua­si a vo­ler mi­ti­ga­re l’an­nun­cio ini­zia­le del­la nuo­va era fi­lo­so­fi­ca da lui inau­gu­ra­ta a Na­po­li, Ga­briel ri­co­no­sce che la pre­te­sa di vo­ler di­re qual­co­sa di nuovo sui te­mi af­fron­ta­ti nel li­bro può ap­pa­ri­re in­ge­nua: ma noi co­me lui sap­pia­mo che la fi­lo­so­fia na­sce pro­prio dal­lo stu­po­re e dal­la vo­lon­tà di ri­co­min­cia­re sem­pre dac­ca­po.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.