50 sfu­ma­tu­re di Pa­lah­niuk

La sa­ti­ra con­tro il fem­mi­ni­smo: con i sex toys le don­ne can­cel­la­no i ma­schi

Libero - - Cultura - ADRIA­NO SCIAN­CA

«Sia­mo una ge­ne­ra­zio­ne di uo­mi­ni cre­sciu­ti dal­le don­ne. Sia­mo si­cu­ri che un’al­tra don­na sia la so­lu­zio­ne che cer­chia­mo?». Se lo chie­de­va un tu­me­fat­to Brad Pitt in una lu­ri­da va­sca da ba­gno. Era la fi­ne de­gli an­ni 90 e Fight Club, il film di Da­vid Fin­cher trat­to dall’omo­ni­mo ro­man­zo dell’al­lo­ra qua­si sco­no­sciu­to Chuck Pa­lah­niuk, rap­pre­sen­ta­va l’ul­ti­mo sus­sul­to del ma­schio oc­ci­den­ta­le. Una quin­di­ci­na d’an­ni do­po, la ri­spo­sta a quel­la do­man­da non è an­co­ra ar­ri­va­ta, ma la no­vi­tà è che non ser­ve nean­che più. La pa­ra­bo­la da Fight Club a Beau­ti­ful You ,il nuo­vo ro­man­zo di Pa­lah­niuk tra­dot­to in ita­lia­no (Mon­da­do­ri, pp. 252, eu­ro 20), è pro­prio que­sta: or­mai so­no di­ret­ta­men­te le don­ne che han­no co­min­cia­to a fa­re a me­no de­gli uo­mi­ni.

La tra­ma ri­cor­da va­ga­men­te la sa­ga di Cin­quan­ta sfu­ma­tu­re, so­lo che sta­vol­ta die­tro la mac­chi­na da scri­ve­re non c’è una ca­sa­lin­ga an­no­ia­ta che ar­ros­si­sce par­lan­do di ma­net­te ma un gua­sta­to­re del­la cul­tu­ra ve­ro e pro­prio. La no­stra Ana­sta­sia Stee­le si chia­ma Pen­ny Har­ri­gan: an­che lei è una don­net­ta ano­ni­ma, dall’aspet­to scial­bo e i de­si­de­ri opa­chi. Tut­to cam­bia do­po l’in­con­tro col Mr Grey del­la si­tua­zio­ne, che in que­sto ca­so è il bel Cor­ne­lius Li­nus Max­well. Come può que­sto ric­chis­si­mo don­gio­van­ni ac­cor­ger­si dell’in­vi­si­bi­le im­pie­ga­ta? Può. Non so­lo: Max­well la in­vi­ta a ce­na nel ri­sto­ran­te più al­la mo­da di New York e poi nel­la sui­te di un al­ber­go da miliardari a Pa­ri­gi.

Lì, pe­rò, non ini­zia un raf­fi­na­to gio­co psi­co­lo­gi­co: sem­pli­ce­men­te ci dan­no den­tro come ani­ma­li. In­som­ma, la fa­vo­la di Ce­ne­ren­to­la sen­za i ta­gli del­la cen­su­ra. E in­ve­ce no, per­ché la sto­ria ini­zia pro­prio lì: co­sa han­no fat­to Max­well e Pen­ny? No, non è so­lo ses­so. È sta­to un espe­ri­men­to. Me­glio: un col­lau­do.

La ti­mi­da se­gre­ta­ria ha fat­to da ca­via per «Beau­ti­ful You», una li­nea di sex toys per si­gno­re che Max­well sta per lan­cia­re sul mer­ca­to glo­ba­le. Il te­st, co­mun­que, va a buon fi­ne. Pu­re trop­po. Tant’è che il pro­dot­to, una vol­ta im­mes­so sul mer­ca­to, spo­po­la. Le don­ne ne van­no pazze. Let­te­ral­men­te. Non si cu­ra­no di ma­ri­ti, fi­gli, pa­dri, non esco­no più di ca­sa, non man­gia­no più. De­gli uo­mi­ni, sem­pli­ce­men­te, non han­no più bi­so­gno, con­vin­ti che il pez­zo di pla­sti­ca di­ve­nu­to or­mai og­get­to in­se­pa­ra­bi­le sia più uo­mo del più vi­ri­le de­gli stal­lo­ni. È il so­gno del fem­mi­ni­smo ra­di­ca­le, ma vi­sto con gli oc­chi apo­ca­lit­ti­ci di Pa­lah­niuk. Tant’è che la scoperta del­la pro­pria ses­sua­li­tà, del pia­ce­re, dell’or­ga­smo non coin­ci­de qui con al­cu­na li­be­ra­zio­ne, ma con una schiavitù nuo­va.

Schiavitù, pe­ral­tro, di schiet­ta mar­ca con­su­mi­sti­ca, per­ché con­tra­ria­men­te a quan­to pen­sa­va­no le teo­ri­che estre­mi­ste de­gli an­ni 70 (ma qual­cu­na si sta ri­fa­cen­do vi­va sfrut­tan­do il re­vi­val dell’ideo­lo­gia gen­der) la li­be­ra­zio­ne dal pa­triar­ca­to e quel­la dal ca­pi­ta­li­smo non so­no tutt’uno. Il mer­ca­to è mol­to più fur­bo di qual­sia­si col­let­ti­vo fem­mi­ni­sta.

È poi par­ti­co­lar­men­te per­fi­do il da­to, non se­con­da­rio, che que­sta gi­gan­te­sca on­da­ta di ri­fiu­to dell’uo­mo da par­te del­le don­ne sia or­che­stra­to da un uo­mo. Il cat­ti­vo­ne Pa­lah­niuk (di­chia­ra­ta­men­te gay, pe­ral­tro, e for­se è un det­ta­glio che conta) fa quin­di vincere le don­ne, ma mo­stra an­che la lo­ro scon­fit­ta al cul­mi­ne del­la lo­ro vit­to­ria. E for­se Max­well non è al­tro che l’en­ne­si­mo tra­ve­sti­men­to di Ty­ler Dur­den.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.