Il la­ti­no è vi­vo e lot­ta con noi e per noi

Da Ox­ford Gar­di­ni spie­ga la bel­lez­za e l’eter­ni­tà di un idio­ma che rap­pre­sen­ta le ra­di­ci del­la ci­vil­tà oc­ci­den­ta­le. Ec­co il per­ché di un ap­pel­lo per sal­va­re il Li­ceo clas­si­co dai pro­get­ti di sman­tel­la­men­to

Libero - - Libero Pensiero - SIL­VIA STUCCHI CI­CE­RO­NE IN TRIONFO RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Ma, di pre­ci­so, a che ser­ve il la­ti­no? Al­la do­man­da ri­spon­de Ni­co­la Gar­di­ni, do­cen­te di Let­te­ra­tu­ra com­pa­ra­ta a Ox­ford, con Vi­va il la­ti­no (Gar­zan­ti, pp. 236, eu­ro 16,90 ), pro­vo­ca­to­ria­men­te sot­to­ti­to­la­to - sul­la scia dell’Uti­li­tà dell’inu­ti­le di Nuc­cio Or­di­ne - Sto­ria e bel­lez­za di una lin­gua inu­ti­le. Ri­cor­da Gar­di­ni che a ge­ne­ra­zio­ni di stu­den­ti è sta­to in­cul­ca­to il man­tra: «Stu­dia la­ti­no! Svi­lup­pa le ca­pa­ci­tà lo­gi­che!» (Ma per­ché, l’al­ge­bra o la chi­mi­ca non ba­sta­no a raf­for­za­re me­mo­ria e lo­gi­ca? Per la me­mo­ria ba­ste­reb­be­ro an­che le Pa­gi­ne gial­le...); «Stu­dia­re la­ti­no svi­lup­pa le ca­pa­ci­tà lin­gui­sti­che» (Ma per­ché li­mi­tar­ci al la­ti­no, che di ca­si ne ha so­lo sei? Stu­dia­mo san­scri­to, che ne ha ot­to, o al­tre lin­gue, che han­no do­di­ci, o an­che di­ciot­to ca­si). Se la di­fe­sa del la­ti­no è que­sta, por­ta so­lo ac­qua al mu­li­no de­gli “inu­ti­li­sti” (quel­li che qual­che an­no fa, per in­ten­der­ci, so­ste­ne­va­no che la scuo­la do­ves­se pun­ta­re tut­to sul­le tre I: In­gle­se, In­for­ma­ti­ca, Im­pre­sa; e ag­giun­gia­mo­ne una quar­ta: Igno­ran­za). Lo stu­dio del la­ti­no, non va ta­ciu­to, è im­pe­gna­ti­vo, ago­ni­sti­co, fa­ti­co­so, e non è fi­na­liz­za­to a ren­de­re agi­li le me­nin­gi. È co­me una bel­la pas­seg­gia­ta in mon­ta­gna, ri­tem­pran­te di per sé. Di­re che lo si stu­dia so­lo per svi­lup­pa­re lo­gi­ca e me­mo­ria è co­me di­re: va­do al Lou­vre, ma so­lo per acui­re la vi­sta.

Si stu­dia la­ti­no, spie­ga Gar­di­ni, per­ché è la lin­gua di una ci­vil­tà; per­ché nel la­ti­no si è rea­liz­za­ta l’Eu­ro­pa, con le sue lin­gue e il pen­sie­ro, che ha co­me so­ste­gno e so­stra­to la lin­gua e la sto­ria e in es­se si ri­flet­te. Per esem­pli­fi­ca­re: se cam­mi­no per le vie di una qual­sia­si del­le no­stre cit­tà, non pos­so igno­ra­re che sot­to le stra­de ci so­no crip­te, ca­ta­com­be, re­per­ti ar­cheo­lo­gi­ci, che l’im­pian­to del­le vie, i mo­nu­men­ti, il no­me stes­so del­la cit­tà so­no esi­to di una sto­ria di cui an­che io, col mio mo­do di pen­sa­re e par­la­re, so­no par­te. E non lo pos­so pro­prio igno­ra­re, an­che se per quel gior­no de­ci­des­si di guar­da­re uni­ca­men­te le ve­tri­ne; an­zi, po­trei, ma­ga­ri, de­ci­de­re di far­lo, ma se il mio oriz­zon­te fos­se quel­lo e so­lo quel­lo, sa­rei in­fi­ni­ta­men­te più igno­ran­te e mol­to più po­ve­ra.

Gar­di­ni, poi, sia con­tro gli “uti­li­sti” che con­tro gli “inu­ti­li­sti”, ag­giun­ge un al­tro mo­ti­vo, an­che più im­por­tan­te, per cui stu­dia­re il la­ti­no: per­ché è bel­lo e la bel­lez­za è il vol­to stes­so del­la li­ber­tà. Non a ca­so, una del­le co­se che più bal­za­no agli oc­chi dei re­gi­mi to­ta­li­ta­ri è, sot­to ogni aspet­to, la brut­tez­za, in ogni am­bi­to. In­ve­ce, il la­ti­no è «bel­lo», per­ché è dut­ti­le, in­sie­me fa­ci­le e dif­fi­ci­le, re­go­la­re e ir­re­go­la­re, con mol­te­pli­ci re­gi­stri e ger­ghi e mil­le pos­si­bi­li­tà sti­li­sti­che.

Gar­di­ni, in una per­so­na­lis­si­ma an­to­lo­gia che oc­cu­pa buo­na par­te del vo­lu­me (pp. 53-196), pas­sa in ras­se­gna, at­tra­ver­so aned­do­ti e ri­cor­di per­so­na­li, i gran­di au­to­ri la­ti­ni: «Il trionfo di Ci­ce­ro­ne» (1520), af­fre­sco di Fran­ce­sco Giu­di­ci, det­to il Fran­cia­bi­gio, nel sa­lo­ne del­la Vil­la me­di­cea di Pog­gio a Ca­ia­no. A si­ni­stra, la co­per­ti­na del li­bro di Gar­di­ni

Lu­cre­zio, Ca­tul­lo, Vir­gi­lio, Se­ne­ca e co­sì via. Lo­de­vo­le è il co­rag­gio nel pro­por­re i te­sti an­che in lin­gua ori­gi­na­le, e si sen­te la ma­no del tra­dut­to­re e poe­ta in que­sta se­le­zio­ne ca­pa­ce di de­fi­ni­zio­ni di cu­rio­sa fe­li­ci­tas. Sen­ti­te: «Il mon­do di Vir­gi­lio non sta tut­to al so­le» (p. 135, a par­ti­re dall’os­ser­va­zio­ne di co­me ri­cor­ra la pa­ro­la um­bra); «Ta­ci­to è l’es­sen­za del la­ti­no: con­sen­sa­zio­ne, ef­fi­ca­cia, pie­nez­za, chia­ro­scu­ro» (p. 99); «Ora­zio ci vie­ne in­con­tro co­me esem­pio d’op­po­si­zio­ne al­la vol­ga­ri­tà» (p. 198).

Al­tro cli­ché qui smon­ta­to è che il la­ti­no sia una «lin­gua mor­ta», espres­sio­ne in­fe­li­ce na­ta da un con­cet­to er­ra­to del­la di­stin­zio­ne fra scrit­to e ora­le. Il la­ti­no di Ce­sa­re e Ca­tul­lo, quel­lo che stu­dia­mo a scuo­la, è la lin­gua del­la let­te­ra­tu­ra, e co­me ta­le non è mai sta­to par­la­to, nem­me­no in età clas­si­ca. Nean­che Ci­ce­ro­ne, per in­ten­der­ci, par­la­va a mo­glie e ami­ci nel­la lin­gua del­le ora­zio­ni. Noi, in­ge­nua­men­te, iden­ti­fi­chia­mo l’espres­sio­ne ora­le con la vi­ta tout court. Ma sba­glia­mo: il la­ti­no non è più par­la­to, ma è te­sti­mo­nia­to dai ma­no­scrit­ti e dal­la let­te­ra­tu­ra; se dun­que per­ma­ne nel­la for­ma scrit­ta più ela­bo­ra­ta, co­me può es­se­re mor­to? Vi di­ce nul­la Ora­zio? «Ho in­nal­za­to un mo­nu­men­to più du­re­vo­le del bron­zo, e del­la re­ga­le mo­le del­le pi­ra­mi­di...». Il la­ti­no, an­zi, è vi­vo, vi­vis­si­mo, mol­to più di quan­to di­cia­mo agli ami­ci o ai col­le­ghi. Dei mi­liar­di di pa­ro­le e fra­si che si pro­nun­cia­no ora nel mon­do, men­tre leg­ge­te que­ste ri­ghe, tan­ta mo­le è già spa­ri­ta, e ne su­ben­tra un’al­tra, ugual­men­te de­pe­ri­bi­le. Per­ché una lin­gua sia vi­va, non ba­sta che sia­no vi­vi i par­lan­ti: vi­va è la lin­gua che du­ra e pro­du­ce, al­tre lin­gue (quel­le neo­la­ti­ne) o al­tra let­te­ra­tu­ra: Dan­te non avreb­be scrit­to La Di­vi­na Com­me­dia sen­za Vir­gi­lio; Ma­chia­vel­li nei Di­scor­si ha al­le spal­le Li­vio.

Da do­cen­te di la­ti­no, lo so, par­lo un po­chi­no pro do­mo mea: con­ti­nuia­mo a stu­diar­lo, a tra­dur­lo, so­prat­tut­to, a pre­ser­va­re il Li­ceo Clas­si­co. E fir­mia­mo la pe­ti­zio­ne ta­sk­for­ce­pe­ril­clas­si­co.it, che ha già su­pe­ra­to quo­ta 4.400 sot­to­scri­zio­ni. For­se, an­che Gar­di­ni la sta fir­man­do in que­sto mo­men­to...

Ma­nua­le del­le Gio­va­ni Mar­mot­te («C’è un li­mi­te a tut­to, e c’è un tra­mon­to per tut­to. An­che nel­la vi­ta»). No­no­stan­te la sfil­za di scrit­to­ri al­li­nea­ti per dar­ci a in­ten­de­re che ha let­to qual­co­sa ol­tre al re­tro del­le cor­tec­ce di pi­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.