Strac­cia­mo i trat­ta­ti che ci fan­no in­va­de­re

In Eu­ro­pa mi­nac­cia­no l’Ita­lia col bloc­co del­le fron­tie­re: co­sa aspet­tia­mo a can­cel­la­re la con­ven­zio­ne di Du­bli­no e i pat­ti di Ren­zi?

Libero - - Da Prima Pagina - Di RE­NA­TO FA­RI­NA

Nes­sun trat­ta­to in­ter­na­zio­na­le è eter­no. Se sta am­maz­zan­do uno dei con­traen­ti, quel­lo Sta­to de­ve esi­ge­re che gli si tol­ga il cappio dal col­lo. E se gli al­tri Pae­si ter­gi­ver­sa­no, il no­do scor­so­io de­ve ta­gliar­se­lo da so­lo, per­ché esi­ste il do­ve­re di tu­te­la­re gli in­te­res­si vi­ta­li del pro­prio po­po­lo. Par­lia­mo dell’Ita­lia. Ac­ca­da quel­lo che ac­ca­da, ci di­chia­ri­no gli al­tri guerre com­mer­cia­li, cen­su­re mo­ra­li, ven­det­te tra­sver­sa­li: pri­mum vi­ve­re. Me­glio rompere il pat­to, bru­cia­re l’ac­cor­do: so­no za­vor­re che ci fan­no spro­fon­da­re, (...)

(...) but­tia­mo­le.

Fac­cia­mo un elen­co di car­te da an­nul­la­re. 1) Via la Con­ven­zio­ne di Du­bli­no, con il suo ul­ti­mo re­go­la­men­to en­tra­to in vi­go­re il pri­mo gen­na­io del 2014. 2) Al­la ma­lo­ra i pat­ti europeo ti­po Tri­ton e So­phia, sot­to­scrit­ti dal go­ver­no Ren­zi. Ba­sta.

È un’ur­gen­za ve­ra. Pri­ma di fir­ma­re car­te con le tri­bù dei be­dui­ni li­bi­ci, fac­cia­mo un fa­lò di quel­le che ci dan­na­no. Im­pa­ria­mo dal­la Fran­cia e dall’Au­stria. La lo­ro fur­bi­zia. Ap­pe­na è di­ven­ta­ta di pub­bli­co do­mi­nio l’idea ita­lia­na di for­ni­re un vi­sto a 200mi­la mi­gran­ti per spo­star­si in Eu­ro­pa, ap­pli­can­do una cer­ta di­men­ti­ca­ta di­ret­ti­va eu­ro­pea del 2001 (la nu­me­ro 500) tut­to­ra vi­gen­te; i 27 ci han­no su­bi­to ri­spo­sto: ah sì, e noi bloc­chia­mo Schen­gen. Ot­ti­mo, bra­vi. E noi bloc­chia­mo Du­bli­no, e la­scia­mo a voi l’esclu­si­va dei soc­cor­si per ma­re, chiu­den­do i no­stri por­ti.

I ca­pi del no­stro Pae­se (ad ec­ce­zio­ne for­se di Mar­co Min­ni­ti) non han­no al­cu­na con­sa­pe­vo­lez­za del di­sa­gio men­ta­le e fi­si­co del­la par­te di­men­ti­ca­ta del­la po­po­la­zio­ne. Per i no­stri ra­gaz­zi di­soc­cu­pa­ti al 44 per cen­to, nien­te; a chi en­tra sen­za bus­sa­re in Ita­lia, vit­to e al­log­gio, man­cia, per tren­ta eu­ro al dì. I pen­sio­na­ti non han­no vi­sto un si­mi­le im­pe­gno di so­sten­ta­men­to a lo­ro de­di­ca­to, so­no ca­ri­chi di pau­ra che di­ven­ta ran­co­re, e con­ta­gia tut­ti. Non par­to­no nem­me­no più dai quar­tie­ri di pe­ri­fe­ria, quei pull­man ca­ri­chi di an­zia­ni che ve­ni­va­no por­ta­ti in gi­ta qua­si gra­tis, e con il sac­chet­to con

la me­ren­da, pur­ché vi­si­tas­se­ro la fab­bri­ca del­le pen­to­le a buon mer­ca­to. In­fat­ti, ban­de mi­ste di al­ge­ri­ni e tu­ni­si­ni so­no lì, pronte a sfon­da­re l’uscio dei lo­ro ap­par­ta­men­ti dell’Aler, e i vec­chi via, al ri­co­ve­ro.

In­tan­to nei por­ti ita­li­ci ur­la­no sirene di na­vi del­la ma­ri­na te­de­sca e inglese ad an­nun­cia­re l’ar­ri­vo di gio­va­ni pa­le­stra­ti dai ne­ri mu­sco­li lu­cen­ti, da man­te­ne­re e tra­sfe­ri­re dap­per­tut­to, a far nul­la, a cion­do­la­re, chie­den­do la ca­ri­tà. Ma che ca­ri­tà è una ro­ba co­sì?

Que­ste co­se fan­no esplo­de­re. L’uni­co mo­do per ta­glia­re la mic­cia che cor­re ver­so una bom­ba so­cia­le, è - ri­pe­tia­mo - di de­nun­cia­re con ef­fet­to im­me­dia­to i pat­ti leo­ni­ni che ci sbra­na­no il pre­sen­te e il fu­tu­ro, e ge­ne­ra­no re­pul­sio­ne per chi ci ar­ri­va ad­dos­so.

Du­bli­no pre­ve­de che i ri­chie­den­ti asi­lo (tut­ti i mi­gran­ti di og­gi, com­pre­si i ni­ge­ria­ni) deb­bo­no presentare do­man­da e re­sta­re nel­lo Sta­to di pri­ma ac­co­glien­za. A ri­go­re, es­sen­do le na­vi ter­ri­to­ri dei Pae­si le cui ban­die­re sven­to­la­no sul pen­no­ne, do­vreb­be­ro ac­co­glie­re le domande sul­la lo­ro tol­da, e quin­di di­ri­ger­si ver­so i lo­ro bei por­ti as­sai più fun­zio­nan­ti e tec­no­lo­gi­ci dei no­stri: vuoi met­te­re Am­bur­go o Rot­ter­dam ri­spet­to a Vi­bo Va­len­tia. Tan­to più do­vreb­be­ro agir co­sì le flot­te mi­li­ta­ri. In­ve­ce no. Esi­ste in­fat­ti un al­tro trat­ta­to che tra­sfor­ma l’Ita­lia nell’im­bu­to ob­bli­ga­to­rio di ap­pro­do per mi­gran­ti da chiun­que sia­no sta­ti rac­col­ti. Lo fir­ma­ro­no Ren­zi e Al­fa­no. Da tre an­ni tri­ton of­fre i servizi di sal­va­tag­gio eu­ro­pei, pur­ché il ca­ri­co uma­no con­se­gna­to lo­ro da­gli schia­vi­sti sia pa­tri­mo­nio esclu­si­vo ita­lia­no.

Un ac­cor­do che l’Ita­lia do­vreb­be su­bi­to di­chia­ra­re in­va­li­do per evi­den­te in­ca­pa­ci­tà di in­ten­de­re e vo­le­re dei sot­to­scrit­to­ri.

Pro­prio in que­ste ore, men­tre la Si­ci­lia non ne può più, e Ci­vi­ta­vec­chia è in ri­vol­ta, giun­ge no­ti­zia che a Bru­xel­les si sta di­scu­ten­do un trat­ta­tel­lo per di­mi­nui­re il pe­so del­le mi­gra­zio­ni sull’Ita­lia: un’aspi­ri­na per un am­ma­la­to di can­cro. È il pro­lun­ga­men­to dell’ “ope­ra­zio­ne So­phia”, che si­gni­fi­ca “sa­pien­za” in gre­co. Fe­de­ri­ca Mo­ghe­ri­ni, il mi­ni­stro europeo de­gli Este­ri, an­nun­zia fe­li­ce: il ne­go­zia­to pro­ce­de «mol­to be­ne». Mol­to be­ne per gli al­tri. Ab­bia­mo un’idea: strac­cia­mo­lo, ap­pal­lot­to­lia­mo­lo quel pat­to pri­ma an­co­ra che ar­ri­vi al­la fir­ma. È in­fat­ti la con­ti­nua­zio­ne di quel mo­struo­so di­se­gno stra­te­gi­co, che è sa­pien­za per gli al­tri 27, e per l’Ita­lia è una gi­gan­te­sca truf­fa.

In­fat­ti pre­ve­de che nel Me­di­ter­ra­neo con­ti­nui­no a na­vi­ga­re le na­vi del­le ma­ri­ne di Sta­ti no­stri al­lea­ti. Aiu­te­ran­no i va­scel­li tri­co­lo­re a rac­co­glie­re mi­gran­ti per ma­re per por­tar­li a ca­sa no­stra. E l’aspi­ri­na, do­ve sa­reb­be? So­no re­go­le per le na­vi Ong, le qua­li pe­rò do­vran­no co­mun­que e sem­pre de­vol­ver­ci il lo­ro dono afri­ca­no. E se il no­stro go­ver­no ci ven­de tut­to ciò co­me una con­qui­sta, al­lo­ra vuol di­re che non han­no ca­pi­to che raz­za di San­ta Bar­ba­ra stia di­ven­tan­do la po­ve­ra gen­te. Es­sa non è af­fat­to cat­ti­va. Ha as­sor­bi­to sì la cul­tu­ra cri­stia­na, per cui se può, dà una ma­no a chi non ce la fa. Il pro­ble­ma è che a non far­ce­la è pro­prio que­sta no­stra gen­te, che me­ri­te­reb­be an­ch’es­sa so­li­da­rie­tà, ac­co­glien­za, sal­va­tag­gi non in ma­re ma su que­sta ter­ra che sa­reb­be poi la sua pa­tria.

[Fo­to­gram­ma]

Fe­de­ri­ca Mo­ghe­ri­ni è Al­to rap­pre­sen­tan­te dell'Unio­ne per gli af­fa­ri este­ri e la po­li­ti­ca di si­cu­rez­za dal pri­mo no­vem­bre 2014

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.