GIANLUIGI PA­RA­GO­NE

Gli al­tri lea­der con­ti­nue­ran­no a igno­ra­re il pro­ble­ma, fi­no a quan­do non gli arriverà in ca­sa

Libero - - Da Prima Pagina - GIANLUIGI PA­RA­GO­NE

La si­tua­zio­ne non so­lo è dram­ma­ti­ca per i nu­me­ri im­po­nen­ti de­gli sbar­chi, ma si sta ma­le­det­ta­men­te com­pli­can­do per tut­to ciò che sta at­tor­no. In­nan­zi­tut­to le na­vi stra­nie­re che sot­to le in­se­gne del­la pes­si­ma Unio­ne Eu­ro­pea por­ta­no an­zi sca­ri­ca­no con il me­ne­fre­ghi­smo dei bu­ro­cra­ti que­sti uo­mi­ni e que­ste don­ne in Ita­lia; co­me se dav­ve­ro ci fos­se un eser­ci­to europeo e un pae­se va­le l’al­tro. A se­gui­re, una ope­ra­zio­ne - la Tri­ton sen­za ca­po né co­da per­ché pri­va di sen­so po­li­ti­co. Poi an­co­ra un go­ver­no ita­lia­no in­ca­pa­ce di de­ci­de­re e di ri­spon­de­re alle pro­vo­ca­zio­ni di Bru­xel­les e dei go­ver­ni de­gli al­tri Pae­si mem­bri che, ne­gan­do la di­stri­bu­zio­ne, ac­con­sen­to­no a una ve­ra e pro­pria in­va­sio­ne. A no­stro dan­no. E in­fi­ne i nu­me­ri at­tua­li e quel­li fu­tu­ri che fa­cil­men­te si pos­so­no pro­spet­ta­re: l’Ita­lia po­treb­be chiu­de­re la sta­gio­ne esti­va con la crea­zio­ne di una pro­vin­cia nuo­va di zec­ca.

LE CHIAC­CHIE­RE

Tut­to que­sto, di­ce­vo, sta ac­ca­den­do no­no­stan­te fos­se chia­ra, me­si fa, la pie­ga de­gli even­ti. Ogni di­scus­sio­ne ades­so è inu­ti­le an­che per­ché fi­ni­reb­be con l’in­gros­sa­re il ma­re di chiac­chie­re, tra l’al­tro sem­pre le stes­se. Da an­ni a Roma ci han­no fat­to cre­de­re che tut­to fos­se sot­to con­trol­lo, che la vo­ce dell’Ita­lia a Bru­xel­les fos­se più con­si­de­ra­ta di pri­ma, e che lo­ro - i buo­ni - ave­va­no la ri­cet­ta per de­cli­na­re emer­gen­za e di­rit­ti. Nul­la di più falso. Igno­ran­za e in­ca­pa­ci­tà stan­no crean­do un mix ar­ro­gan­te e pe­ri­co­lo­so. Com­pli­ci una stam­pa per­be­ni­sta e in­far­ci­ta di com­men­ta­to­ri più che di cro­ni­sti vec­chia scuo­la e una pat­tu­glia di pen­sa­to­ri coi pie­di sot­to i ta­vo­li dei po­ten­ti fi­lan­tro­pi, han­no sven­du­to gli ita­lia­ni, la cui di­fe­sa de­gli in­te­res­si di­ven­ta raz­zi­smo, so­vra­ni­smo, po­pu­li­smo e sce­men­ze va­rie. I cit­ta­di­ni ita­lia­ni ven­go­no pri­ma per­ché la Co­sti­tu­zio­ne ne pre­ve­de la di­fe­sa.

La po­li­ti­ca si fa per com­pia­ce­re le éli­te e le mi­no­ran­ze in­tel­let­tua­li.

Ren­zi, il qua­le tut­te le vol­te che ap­pa­re in tv pre­di­ca un mi­ra­co­lo che so­lo egli ve­de, ha ac­cet­ta­to le con­se­guen­ze del de­ci­sio­ni­smo te­de­sco per go­de­re di un extra de­fi­cit da spen­de­re in bonus. Ora ecco che la real­tà pre­sen­ta il con­to. L’uni­ca via d’ac­ces­so dal Me­di­ter­ra­neo è l’Ita­lia; la rot­ta bal­ca­ni­ca è bloc­ca­ta dall’ac­cor­do eco­no­mi­co con il sul­ta­no Er­do­gan, co­sì co­me il flusso che pas­sa­va per la Spagna di fat­to è ste­ri­liz­za­to da­gli ac­cor­di tra Ma­drid e il Ma­roc­co.

So­lo Roma è sta­ta ir­re­spon­sa­bil­men­te fer­ma a guar­da­re e a chiac­chie­ra­re. Le uni­che pen­sa­te so­no fer­me al­la di­stri­bu­zio­ne emer­gen­zia­le nei cen­tri di ac­co­glien­za, al­la re­to­ri­ca del «un mi­gran­te per ogni co­mu­ne» e, ora, lo ius so­li. Ma che raz­za di po­li­ti­ca è que­sta? Il go­ver­no ita­lia­no sta guar­dan­do l’oc­cu­pa­zio­ne ter­ri­to­ria­le de fac­to da par­te di que­ste per­so­ne, per ar­gi­na­re la qua­le au­to­riz­za i pre­fet­ti a in­ven­tar­si del­le so­lu­zio­ne a pre­scin­de­re dal­le reali pos­si­bi­li­tà di ac­co­glien­za e di in­se­ri­men­to. È una spe­cie di quel gio­co che si fa­ce­va da bim­bi, un “ce l’hai” sen­za fi­ne giu­sto per cor­re­re sen­za sen­so.

L’Eu­ro­pa se ne fre­ga per­ché è for­te di ac­cor­di pre­si da go­ver­ni mol­li e in­ca­pa­ci. Chi in­ter­cet­ta al lar­go del me­di­ter­ra­neo que­ste per­so­ne le ca­ri­ca sul­le pro­prie na­vi mi­li­ta­ri o ci­vi­li e le la­scia all’Ita­lia con un bi­gliet­to: «Ar­ran­gia­te­vi, i sol­di ve li ab­bia­mo da­ti». La gen­te non ne può più di que­sta si­tua­zio­ne sen­za con­trol­lo. E non si fa più scal­fi­re dal­le eti­chet­te re­to­ri­che do­ve raz­zi­sta è una pa­ro­la che ha per­so pe­so spe­ci­fi­co, per­ché spe­sa a vuo­to. Og­gi il raz­zi­smo non c’è, do­ma­ni pe­rò po­treb­be di­ven­ta­re il ri­gur­gi­to ma­le­det­to di una in­tol­le­ran­za ge­ne­ra­ta dal­la sem­pre più dif­fi­ci­le con­vi­ven­za sen­za spa­zi. Che fa­re al­lo­ra? Bi­so­gna agi­re. Bi­so­gna che Bru­xel­les da una par­te e Ber­li­no, Pa­ri­gi e compagnia bel­la dall’al­tra ab­bia­no pau­ra di ave­re in ca­sa lo­ro i pro­ble­mi che ab­bia­mo noi. Se la si­ni­stra ha pau­ra di guar­da­re la real­tà per quel­la che è, af­far suo; dall’al­tra par­te oc­cor­re che si for­mi una pro­po­sta di go­ver­no sle­ga­ta ai sa­lot­ti e ai po­te­ri fi­nan­zia­ri (in­te­res­sa­ti al­la in­va­sio­ne di que­sto nuo­vo eser­ci­to di gen­te da sfrut­ta­re). La ri­spo­sta non può che com­bi­na­re di­ver­se tat­ti­che.

LE TAT­TI­CHE

In­nan­zi­tut­to la­scia­mo i mi­gran­ti li­be­ri di an­da­re in gi­ro per l’Eu­ro­pa: la so­li­ta fa­vo­let­ta che «tan­to noi sia­mo so­lo una ter­ra di pas­sag­gio» non è più ve­ra. Op­pu­re, pren­dia­mo que­sti immigrati, li ca­ri­chia­mo su au­to­bus mi­li­ta­ri e ne sca­ri­chia­mo (se non vi pia­ce que­sto ver­bo tro­va­te voi uno elegante: nel frat­tem­po noi fac­cia­mo quel che gli al­tri stan­no fa­cen­do con noi) in quo­te con­si­de­re­vo­li ora in Fran­cia, ora in Ger­ma­nia, ora in Au­stria, ora in Spagna ec­ce­te­ra. E poi ve­dia­mo se il pro­ble­ma non di­ven­ta di tut­ti. Del re­sto l’Eu­ro­pa è o non è il con­ti­nen­te sen­za bar­rie­re per mer­ci e per­so­ne? E quan­to alle strut­tu­re ita­lia­ne, pren­dia­mo le vec­chie ca­ser­me, le ria­pria­mo e a spese dell’Eu­ro­pa le at­trez­zia­mo per l’ac­co­glien­za. Ba­sta con al­ber­ga­to­ri e coo­pe­ra­ti­ve che fan­no sol­di ri­du­cen­do spes­so que­ste per­so­ne a be­stie.

Le pa­ro­le so­no fi­ni­te. I mi­nuet­ti con la Com­mis­sio­ne Ue pu­re. Le re­la­zio­ni in­ter­na­zio­na­li non so­no mai esi­sti­te. In­som­ma, si pas­si ai fat­ti. Qui or­mai sia­mo al­la più pla­tea­le pre­sa per i fon­del­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.