L’of­fen­si­va con­tro la Le­ga

Ba­sta giu­di­ci in campagna elet­to­ra­le

Libero - - Da Prima Pagina - di GIANLUIGI PA­RA­GO­NE

To­glie­te i sol­di al­la Le­ga di Sal­vi­ni e ve­dia­mo l’ef­fet­to che fa. Fac­cia­mo ve­de­re che la Giu­sti­zia non con­ce­de scon­ti ai po­ten­ti. Que­sto è il re­tro­pen­sie­ro di una mos­sa cor­ret­ta sul pia­no giu­di­zia­rio ma con qual­che dub­bio (...)

(...) su tut­ti gli al­tri pia­ni.

Fermo re­stan­do il rac­con­to con­ta­bi­le scrit­to ie­ri da Fran­co Bechis su Li­be­ro, tro­vo in­cre­di­bi­le il sol­le­ci­to del­la pro­cu­ra di Ge­no­va sui qua­si 49 mi­lio­ni da con­fi­sca­re al­la Le­ga. Scri­vo in­cre­di­bi­le e non «scan­da­lo­sa» co­me pur qual­cu­no ha com­men­ta­to. In mol­ti sta­ran­no pen­san­do: ades­so con qua­le mo­ne­ta fa­rà la sua campagna elet­to­ra­le Sal­vi­ni? Coi dia­man­ti del­la Tan­za­nia? Con le mo­ne­te che gli pre­sta­no Clau­dio Bor­ghi e il fron­te No Eu­ro? In de­mo­cra­zia pe­rò non fun­zio­na co­sì: le par­ti­te po­li­ti­che si vincono o si per­do­no nell’ur­na. Neu­tra­liz­za­re un par­ti­to pro­sciu­gan­do­ne le cas­se ri­schia di es­se­re la giu­sta mos­sa sul pia­no del­la pro­ce­du­ra pe­na­le ma er­ra­ta sul pia­no po­li­ti­co.

Ma la Le­ga ha truf­fa­to lo Sta­to, lo di­ce una sen­ten­za. Ve­ro, lo di­ce una sen­ten­za di pri­mo gra­do. La sen­ten­za pe­rò non di­ce né può di­re se la Le­ga, al mo­men­to del­la sen­ten­za de­fi­ni­ti­va, avrà o me­no i sol­di; quin­di Sal­vi­ni di fat­to de­ve pa­ga­re la truf­fa ai dan­ni del­lo Sta­to ades­so. E po­co im­por­ta se non ci sa­ran­no più sol­di per fa­re campagna elet­to­ra­le o al­tra at­ti­vi­tà po­li­ti­ca. Più che una sen­ten­za da ri­spet­ta­re, c’è un ti­mo­re cui far fron­te. Com’è or­mai no­to, la pau­ra di non tro­va­re più un eu­ro nel­le cas­se del Car­roc­cio ha spin­to la pro­cu­ra a chie­de­re il se­que­stro cau­te­la­ti­vo, cioè l’im­me­dia­ta con­fi­sca del­la som­ma con tan­to di bloc­co dei con­ti cor­ren­ti. E po­co im­por­ta se non ci sa­ran­no più sol­di per fa­re campagna elet­to­ra­le o al­tra at­ti­vi­tà po­li­ti­ca.

Si­cu­ri che que­sto sia op­por­tu­no? Si­cu­ri cioè che la for­za­tu­ra dei tem­pi ese­cu­ti­vi non di­ven­ti con­te­stual­men­te un mo­do per osta­co­la­re il cam­mi­no spe­di­to di un par­ti­to po­li­ti­co? A me sem­bra che l’or­di­ne di bloc­ca­re i con­ti del­la Le­ga sia un mo­do per col­pi­re (fa­cil­men­te) la Ca­sta po­li­ti­ca in ge­ne­ra­le e un mo­vi­men­to an­ti-si­ste­ma in par­ti­co­la­re. Non è giu­sti­zia a oro­lo­ge­ria. È al­tro: è l’av­vi­so ti­pi­co del si­ste­ma at­tua­le, ste­ri­le e in­no­cuo con i player fi­nan­zia­ri, for­te e «edu­ca­ti­vo» con la po­li­ti­ca. La Le­ga di Sal­vi­ni si è mes­sa sui bi­na­ri di una con­te­sta­zio­ne al si­ste­ma neo­li­be­ri­sta e fa più pau­ra del­la Le­ga di Bos­si. La Le­ga di Sal­vi­ni va im­mo­bi­liz­za­ta esat­ta­men­te co­me si stan­no im­mo­bi­liz­zan­do i cit­ta­di­ni, gli im­pren­di­to­ri e le fa­mi­glie. Per fa­re campagna elet­to­ra­le, la Le­ga po­treb­be do­ver­si in­de­bi­ta­re con quel si­ste­ma che con­te­sta e a cui ri­ser­va fen­den­ti pe­san­ti.

Non ca­pi­sco per­ché lo stes­so ri­go­re e la stes­sa pron­tez­za non sia­no ri­ser­va­ti per pa­ga­re i truf­fa­ti dal­le ban­che. Que­sto Pae­se, a nor­ma di leg­ge, con­sen­te a ex pa­tron di ban­che di ri­sul­ta­re nul­la­te­nen­ti e quin­di di es­se­re im­mu­ni ad azio­ni ri­sar­ci­to­rie. Non ca­pi­sco per­ché al­le ban­che sia­no con­sen­ti­te ri­par­ten­ze so­cie­ta­rie do­ve i de­bi­ti ven­go­no “co­per­ti” dal­lo Sta­to. E lo stes­so do­vrem­mo dir­lo an­che per i dan­ni che le cas­se pub­bli­che han­no ri­ce­vu­to da im­pru­den­ti va­lu­ta­zio­ni di agen­zie di ra­ting. Po­trem­mo poi ag­giun­ge­re del­la straor­di­na­ria len­tez­za con cui la giu­sti­zia sta af­fron­tan­do il te­ma dei crac ban­ca­ri, de­gli npl e di al­tro an­co­ra. «Non c’è spa­zio per quel giu­di­ce» rac­con­ta le stra­ne len­tez­ze e le ri­tro­sie di una par­te del si­ste­ma giu­di­zia­rio ver­so la Po­po­la­re di Vi­cen­za, per esem­pio.

La de­ci­sio­ne del­la pro­cu­ra di Ge­no­va non è scan­da­lo­sa, sia chia­ro, è so­lo pe­ri­co­lo­sa per­ché ipo­tiz­zan­do un to­ta­le am­man­co di cas­sa ri­schia di far esplo­de­re un par­ti­to po­li­ti­co tutt’al­tro che fal­li­to. La po­li­ti­ca e i par­ti­ti so­no an­co­ra l’uni­co spa­zio de­mo­cra­ti­co che ar­gi­na lo scon­ten­to di una cri­si che sta con­su­man­do di­se­gua­glian­ze. Se que­sto ti­po di me­to­do fos­se ap­pli­ca­to co­me me­to­do co­mu­ne e ge­ne­ra­le, il si­ste­ma eco­no­mi­co, in­du­stria­le e fi­nan­zia­rio, sa­reb­be bloc­ca­to. Per for­tu­na non sem­pre è co­sì. Qual­cu­no po­treb­be di­re che è co­sì so­lo con chi di­stur­ba il ma­no­vra­to­re, di chi è con­tro il si­ste­ma; for­se sì, for­se no, di cer­to sia­mo in pre­sen­za di una de­ci­sio­ne asim­me­tri­ca ri­spet­to a quel che si ve­de in gi­ro. La giu­sti­zia sia ve­lo­ce e co­rag­gio­sa ver­so il ri­spar­mio tra­di­to, ver­so le truf­fe fi­nan­zia­rie, di­mo­stri di non fa­re fi­gli e fi­glia­stri. Per­ché, vi­sto da fuo­ri, que­st’im­pres­sio­ne c’è tut­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.