Pro­po­sta di noz­ze da­van­ti al Papa Una buo­na ra­gio­ne per de­cli­na­re l’of­fer­ta

Libero - - Attualità -

Si spe­ra­va che que­sta ma­nia del­le ri­chie­ste di ma­tri­mo­nio esi­bi­te in pub­bli­co - an­zi, in oc­ca­sio­ni il più pos­si­bi­le af­fol­la­te e me­dia­ti­ca­men­te vi­si­bi­li - si li­mi­tas­se a ma­ni­fe­sta­zio­ni spor­ti­ve o spet­ta­co­li mu­si­ca­li. Gio­ca­to­ri che chie­do­no la ma­no al­la guar­da­li­nee fem­mi­na (mi­ca un’in­ven­zio­ne, è suc­ces­so in Slo­vac­chia). Ci­cli­sti che si fer­ma­no in cor­sa per in­gi­noc­chiar­si da­van­ti al­la fi­dan­za­ta-spet­ta­tri­ce. Mu­si­ci­sti che fer­ma­no il con­cer­to per di­chia­ra­re amo­re eter­no al­la spet­ta­tri­ce - op­pu­re al­la se­gui­tis­si­ma fa­shion blog­ger Chia­ra Fer­ra­gni, co­me ha fat­to re­cen­te­men­te Fe­dez all’Are­na di Ve­ro­na, e pa­zien­za se le ma­le­lin­gue in­si­nua­no che que­sto, più che un ma­tri­mo­nio, sa­rà un lea­sing. In ogni ca­so, a onor del ve­ro, an­che in que­sti ca­si la co­sa già da tem­po ri­sul­ta ol­tre­mo­do stuc­che­vo­le: non vor­rem­mo ap­pa­ri­re bac­chet­to­ni, non sia mai, ma una ri­chie­sta che do­vreb­be es­se­re an­che una pro­mes­sa in­ti­ma e pro­fon­da in­ve­ce osten­ta­ta con esi­bi­zio­ni­smo è il per­fet­to cor­ri­spet­ti­vo in car­ne, os­sa e te­le­fo­ni­ni del­le foto pub­bli­ca­te su Fa­ce­book sol­tan­to per fa­re il pie­no di “li­ke”. Sen­za con­ta­re che di­co­no me­ni an­che un po’ di sfi­ga. Ma que­sta è so­lo su­per­sti­zio­ne, di­co­no gli scet­ti­ci toc­can­do fer­ro.

Co­mun­que, ec­co­ne un al­tro. Di più: ec­co il cam­pio­ne mon­dia­le di ri­chie­sta di ma­tri­mo­nio. Ti­to­lo che va as­se­gna­to di di­rit­to al po­li­ti­co ve­ne­zue­la­no Da­rio Ra­mi­rez. Che con al­tri ot­tan­ta po­li­ti­ci pro­ve­nien­ti da tut­to il mon­do è sta­to ri­ce­vu­to do­me­ni­ca scor­sa in udien­za pri­va­ta dal Papa che più so­cial non si può. Ra­mi­rez è an­da­to in Va­ti­ca­no per il­lu­stra­re la tra­gi­ca si­tua­zio­ne del Ve­ne­zue­la, ne­gli ul­ti­mi me­si at­tra­ver­sa­to da for­tis­si­me ten­sio­ni, con il pre­si­den­te dit­ta tor ec ha vi­sta Ma­du ro­che ar­gi­na il dis­sen­so in­ter­no a for­za di ar­re­sti e mor­ti in piaz­za.

Ma a mar­gi­ne di te­mi co­sì de­li­ca­ti, il Ra­mi­rez - che pe­ral­tro, in quan­to op­po­si­to­re di Ma­du­ro, è sta­to co­stret­to tre an­ni fa a la­scia­re il suo Pae­se non si è la­scia­to sfug­gi­re l’oc­ca­sio­ne. E pro­prio sot­to gli oc­chi di Francesco si è in­gi­noc­chia­to da­van­ti al­la fi­dan­za­ta Ma­ryan­gel Espi­nal, per chie­der­le di spo­sar­lo e con­te­stual­men­te con­se­gnar­le il fa­ti­di­co anel­lo. Ra­mi­rez ha pre­ci­sa­to che la ra­gaz­za non ave­va idea di co­sa sa­reb­be suc­ces­so. «Pen­sa­va che stes­si­mo so­lo a par­la­re del Ve­ne­zue­la. Ma poi ho det­to al Papa: “C’è un’al­tra co­sa che vor­rei chie­de­re”. Ho spie­ga­to al San­to Pa­dre che quel­la ac­can­to a me è la don­na del­la mia vi­ta. Che l’ho co­no­sciu­ta in chie­sa, Dio l’ha mes­sa nel­la mia vi­ta. Poi mi so­no mes­so in un gi­noc­chio e le ho chie­sto la ma­no».

Ri­spo­sta di lei? Sì, ov­via­men­te: che co­sa vuoi ri­spon­de­re da­van­ti a co­tan­to te­sti­mo­ne? An­che se un ta­le col­po bas­so avreb­be po­tu­to giu­sti­fi­ca­re un ri­fiu­to. Ma tant’è, or­mai il vi­deo è già su Youtu­be. Amen. An­zi, “li­ke”. E che Fa­ce­book non vi se­pa­ri.

AN­DREA SCAGLIA

Il mo­men­to del­la pro­po­sta di noz­ze da­van­ti a Papa Francesco

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.