Un pap­pa­gal­lo per ami­co «Lui è l’uni­co che mi par­la»

La sto­ria di Vin­cen­zo, ul­tra ot­tan­ten­ne che com­bat­te la so­li­tu­di­ne gra­zie al suo in­se­pa­ra­bi­le com­pa­gno vo­la­ti­le: «Per Lo­re­to fa­rei di tut­to»

Libero - - Attualità - AZ­ZUR­RA NOE­MI BAR­BU­TO RIPRODUZIONE RISERVATA RIPRODUZIONE RISERVATA

Per­si­no nell’era del­la co­mu­ni­ca­zio­ne di­gi­ta­le e dei so­cial net­work che ci per­met­to­no di en­tra­re in con­tat­to con chiun­que, in qual­sia­si mo­men­to e ovun­que ci si tro­vi, non sia­mo riu­sci­ti ad ab­bat­te­re un pe­ri­co­lo­so vi­rus: quel sen­so di vuo­to e di iso­la­men­to, rea­le o an­che so­lo per­ce­pi­to, che può fa­re pre­ci­pi­ta­re chi lo pro­va nel ba­ra­tro del­la ma­lat­tia fi­si­ca e psi­chi­ca e del­la de­pres­sio­ne. Di so­li­tu­di­ne len­ta­men­te si muo­re. Non han­no dub­bi mol­ti scien­zia­ti che da di­ver­si an­ni con­du­co­no ri­cer­che in que­st’am­bi­to. Nel 2012 il “Bri­gham and Wo­men’s Ho­spi­tal” di Bo­ston ha in­da­ga­to le con­se­guen­ze del­la so­li­tu­di­ne su sog­get­ti car­dio­pa­ti­ci, con­clu­den­do che co­lo­ro che vi­vo­no da so­li, sen­za un fa­mi­lia­re o un part­ner o an­che so­lo un ani­ma­le do­me­sti­co, so­no più espo­sti al ri­schio di mor­te ri­spet­to ai pa­zien­ti che pos­so­no con­ta­re su una re­te so­cia­le di so­ste­gno o sui pro­pri ca­ri. Se­con­do una ri­cer­ca del­la “Uni­ver­si­ty of Ca­li­for­nia”, ri­sa­len­te al­lo stes­so pe­rio­do, co­lo­ro che so­no isolati han­no più pos­si­bi­li­tà di svi­lup­pa­re ma­lat­tie mor­ta­li, in par­ti­co­la­re gli over 60, le cui ca­pa­ci­tà co­gni­ti­ve po­treb­be­ro es­se­re in­fluen­za­te in mo­do ne­ga­ti­vo dall’as­sen­za di so­cia­liz­za­zio­ne.

VUL­NE­RA­BI­LI AI VI­RUS

Più di re­cen­te, un grup­po di scien­zia­ti sta­tu­ni­ten­si ha no­ta­to che la sen­sa­zio­ne di es­se­re so­li de­ter­mi­na cam­bia­men­ti a li­vel­lo cel­lu­la­re, in par­ti­co­la­re un au­men­to dei ge­ni col­le­ga­ti all’in­fiam­ma­zio­ne e un ab­bas­sa­men­to di quel­li col­le­ga­ti al­la ri­spo­sta an­ti­vi­ra­le con con­se­guen­te in­de­bo­li­men­to del si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio. In­som­ma, la so­li­tu­di­ne ci ren­de fra­gi­li, più vul­ne­ra­bi­li ai vi­rus, Una cop­pia di pap­pa­gal­li ca­ca­tua: so­no in gra­do di ri­pe­te­re i suo­ni del­le pa­ro­le uma­ne

più pros­si­mi al­la di­par­ti­ta.

Ma non è tut­to. Gli stu­dio­si del­la “Bri­gham Young Uni­ver­si­ty” del­lo Utah so­no giun­ti al­la con­clu­sio­ne che, an­che quan­do l’iso­la­men­to è una scel­ta vo­lon­ta­ria dell’in­di­vi­duo, es­so ha pes­si­mi ef­fet­ti sul no­stro sta­to di sa­lu­te e ci ren­de an­che obe­si.

Un ve­ro e pro­prio dram­ma in una so­cie­tà co­me quel­la odier­na, in cui do­mi­na l’in­di­vi­dua­li­smo e do­ve la fa­mi­glia nu­me­ro­sa, com­po­sta da non­ni, zii, cu­gi­ni e ni­po­ti di ogni gra­do, ha la­scia­to il po­sto pri­ma a quel­la mo­no­nu­clea­re e poi ad­di­rit­tu­ra al­la cel­lu­la uni­ca, os­sia il sin­gle, che vi­ve da so­lo e scon­ge­la ci­bi pron­ti da con­su­ma­re da­van­ti al­la tv pri­ma di an­da­re a dor­mi­re in un let­to se­mi­vuo­to. Ec­co per­ché il far­del­lo del­la so­li­tu­di­ne non pe­sa so­lo sul­le spal­le del­le per­so­ne an­zia­ne ma an­che su quel­le dei gio­va­ni, che, no­no­stan­te gli ac­ciac­chi dell’età, ogni gior­no esce di ca­sa con Lo­re­to, il suo pap­pa­gal­lo di trent’an­ni, l’uni­co ami­co che gli re­sta. È fa­ci­le in­con­tra­re nel cen­tro di Mi­la­no Vin­cen­zo e Lo­re­to che fan­no la lo­ro pas­seg­gia­ta quo­ti­dia­na per non re­sta­re tut­to il tem­po chiu­si nel lo­ro pic­co­lo ap­par­ta­men­to. Da po­co l’uo­mo è sta­to di­mes­so dall’ospe­da­le, do­ve ha tra­scor­so due me­si e mez­zo a cau­sa del­la rot­tu­ra del fe­mo­re sen­za la pos­si­bi­li­tà di ve­de­re il suo ca­ca­tua. «Po­ve­ri­no, è sta­to co­stret­to da so­lo in ca­sa. È sta­ta du­ra per en­tram­bi. Co­sì, per re­cu­pe­ra­re, sto cer­can­do di por­tar­lo in gi­ro il più pos­si­bi­le», ci di­ce Vin­cen­zo, al qua­le chie­dia­mo se do­po l’ope­ra­zio­ne all’an­ca non sia pe­ri­co­lo­so por­ta­re sul­la spal­la la gab­bia di ol­tre 4 kg. «Per Lo­re­to fa­rei di tut­to, nul­la è un pe­so», ci ri­spon­de com­mos­so l’uo­mo, che di­ce di pre­fe­ri­re il suo pap­pa­gal­lo ad un ca­ne o un gat­to per­ché «que­sto par­la».

Co­mu­ni­ca­re. Bi­so­gno fon­da­men­ta­le, an­zi vi­ta­le, di ogni es­se­re vi­ven­te. Non pos­sia­mo fa­re a me­no dell’al­tro, chiun­que es­so sia, per­si­no un ani­ma­le. Un gat­to da ac­ca­rez­za­re, un ca­ne da por­ta­re a spas­so, un pap­pa­gal­lo che ci dà il buon­gior­no, che ci aspet­ta, di cui pren­der­ci cu­ra, so­no ele­men­ti che ci con­sen­to­no di respirare, di vi­ve­re.

Ci sia­mo di­men­ti­ca­ti che met­te­re un li­ke su un po­st di un ami­co, man­da­re un sms o un cuo­ri­ci­no vir­tua­le, sem­pre più abu­sa­to, so­no ge­sti che non han­no lo stes­so va­lo­re né il me­de­si­mo ri­sul­ta­to del­lo strin­ger­si la ma­no, del guar­dar­si ne­gli oc­chi, del­lo scam­biar­si un sor­ri­so. i pa­ren­ti dei pa­zien­ti la toi­let­te più vi­ci­na è al pia­no in­fe­rio­re. «Chi ha con­ces­so la pos­si­bi­li­tà di usa­re quei più vi­ci­ni ser­vi­zi, non sa­pe­va che lì era sta­ta si­ste­ma­ta la sal­ma», con­ti­nua il dot­to­re. Il Car­da­rel­li avreb­be de­po­si­ta­to una re­la­zio­ne sull’ac­ca­du­to.

Nien­te a che ve­de­re, sem­bra, con i gra­vis­si­mi ca­si re­cen­ti: l’ul­ti­mo lo scor­so 17 ago­sto, nell’ospe­da­le Lo­re­to Ma­re, do­ve An­to­nio Sca­fu­ri, 23 an­ni, è mor­to per ri­tar­di e omis­sio­ni nei soc­cor­si. Il di­ret­to­re sa­ni­ta­rio fa­cen­te fun­zio­ni è sta­to ri­mos­so. Ie­ri in cen­ti­na­ia han­no pian­to ai fu­ne­ra­li del ra­gaz­zo. Al­tro de­ces­so lo scor­so 3 ago­sto: Ma­rio D’Aiel­lo, af­fet­to da ta­las­se­mia, si era sen­ti­to ma­le ma­le men­tre aspet­ta­va un ami­co al­la sta­zio­ne di Na­po­li. No­no­stan­te ot­to chia­ma­te al 118, nes­su­no era par­ti­to in tem­po per sal­var­lo.

MO­NI­CA DILO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.