Il crea­to­re del “Mon­do Di­sco” che non vol­le fi­ni­re co­me Tol­kien

Per non la­scia­re ine­di­ti po­stu­mi lo scrit­to­re fan­ta­scien­ti­fi­co in­gle­se pri­ma di mo­ri­re ha chie­sto di di­strug­ge­re il suo pc con lo schiac­cia­sas­si

Libero - - Cultura - MAR­CO RESPINTI RIPRODUZIONE RISERVATA

C’è un mon­do piat­to di­scoi­da­le che, ret­to da quat­tro ele­fan­ti-pi­la­stri in equi­li­brio sul ca­ra­pa­ce di una tar­ta­ru­ga ma­sto­don­ti­ca chia­ma­ta A’Tuin, flut­tua ne­gli spa­zi si­de­ra­li. Vi si svol­go­no vi­te e amo­ri, av­ven­tu­re e dram­mi, ma so­prat­tut­to si sor­ri­de. Nell’uni­ver­so del­la let­te­ra­tu­ra fan­ta­sti­ca, in­fla­zio­na­to qua­si per de­fi­ni­zio­ne, il “Mon­do Di­sco” crea­to da Ter­ry Prat­chett (1948-2015) si è ri­ta­glia­to uno spa­zio in­tel­li­gen­te ca­val­can­do l’in­so­li­to (per que­sto ge­ne­re) te­ma dell’umo­ri­smo. Tut­to co­min­ciò nel 1983 con Il po­po­lo del tap­pe­to, il pri­mo ro­man­zo di que­sto ci­clo (ma non il pri­mo in as­so­lu­to del­lo scrit­to­re), ed è pro­se­gui­to ar­ri­van­do a quo­ta 41 li­bri sud­di­vi­si in va­rie sa­ghe. L’ul­ti­mo, The She­pherd’s Cro­wn ,è sta­to pub­bli­ca­to nel 2015 sei me­si do­po la sua mor­te. Ma è sta­ta un’ec­ce­zio­ne, per­ché nul­la di ciò che “Pter­ry” (com’era no­to agli afi­cio­na­dos) ha la­scia­to in­com­piu­to ve­drà più la lu­ce.

A esi­ger­lo è sta­to lo scrit­to­re stes­so pri­ma di soc­com­be­re 66en­ne all’Al­z­hei­mer e co­sì, spie­ga ora The Guar­dian, è sta­to. Set­ti­ma­na scor­sa i suoi ine­di­ti so­no sta­ti di­strut­ti con l’hard-dri­ve che an­co­ra li con­te­ne­va da uno schiac­cia­sas­si vin­ta­ge del­la John Fo­w­ler & Co, so­pran­no­mi­na­to (con gu­sto un po’ apo­ca­lit­ti­co) Lord Je­ri­cho, du­ran­te la Great Dor­set Steam Fair al vil­lag­gio di Tar­rant Hin­ton, in In­ghil­ter­ra, una gran­dio­sa kermesse un po’ steam­punk che dal 1969 sfog­gia mo­to­ri e vei­co­li a va­po­re di ogni fat­ta. I re­sti del com­pu­ter di­strut­to fi­ni­ran­no al­la mo­stra Ter­ry Prat­chett: His World che si apre il 16 set­tem­bre nel Mu­seo di Sa­li­sbu­ry. Un fi­ne-car­rie­ra ori­gi­na­le, non c’è che di­re, che per con­tra­sto ri­chia­ma al­la men­te J.R.R. Tol­kien. Con lui è an­da­ta in­fat­ti al con­tra­rio. I suoi scrit­ti po­stu­mi so­no un fiu­me in pie­na. Oc­ca­sio­ne ghiot­ta, al­lo­ra, per un con­fron­to a di­stan­za tra i due scrit­to­ri in­gle­si.

Im­pe­den­do a chiun­que di met­te­re ma­no al­la pro­pria pro­du­zio­ne in­com­piu­ta, Prat­chett non ha vo­lu­to pri­ma­ria­men­te evi­ta­re le spe­cu­la­zio­ni: quel­le si pos­so­no fa­re sem­pre, e pe­ral­tro il suo “Mon­do Di­sco” esi­ste an­che sot­to for­ma di gio­chi, vi­deo­gio­chi, li­bri-quiz, ri­du­zio­ni ti­vù e ci­ne­ma­to­gra­fi­che, gad­get va­ri. Piut­to­sto ha vo­lu­to bloc­ca­re ogni ten­ta­ti­vo di sca­va­re den­tro la pro­pria crea­zio­ne fan­ta­sti­ca.

Tol­kien, al con­tra­rio, ha sem­pre vo­lu­to scri­ve­re un so­lo, uni­co li­bro, e per di più aper­to. L’idea gli si è chia­ri­ta stra­da fa­cen­do, cer­to, ma è sta­to lui a la­sciar det­to di vo­le­re an­zi­tut­to crea­re un or­di­to co­smo­go­ni­co ed epi­co a cui spe­ra­va che un gior­no al­tri avreb­be­ro con­tri­bui­to at­tra­ver­so l’in­ven­zio­ne di mi­ti, leg­gen­de e fia­be ul­te­rio­ri.

Ora, ogni scrit­to­re è il dio del­la pro­pria crea­zio­ne let­te­ra­ria, sa­pen­do ab­brac­ciar­la tut­ta e in ogni sua par­te in un di­ve­ni­re sem­pre pre­sen­te. Ma il te­sta­men­to dell’uno ci di­ce che il dio di “Mon­do Di­sco” muo­re per sem­pre as­sie­me a Prat­chett, men­tre il la­sci­to di Tol­kien te­sti­mo­nia che il dio del­la “Ter­ra di Mez­zo” è im­pe­ri­tu­ro. Due poe­ti­che e per­si­no due teo­lo­gie dif­fe­ren­ti, for­se per­si­no con­trap­po­ste.

Prat­chett ha co­mun­que dei pre­ce­den­ti il­lu­stri. Per umil­tà, in pun­to di mor­te san Tom­ma­so d’Aqui­no or­di­nò di bru­cia­re tut­to quan­to ave­va scrit­to al suo se­gre­ta­rio che per for­tu­na di­sub­bi­dì. Poi c’è il gran­de poe­ta e dram­ma­tur­go T. S. Eliot. Nel 1934, per i ti­pi del­la “sua” Fa­ber & Fa­ber, pub­bli­cò con il ti­to­lo Af­ter Stran­ge Gods: A Pri­mer of Mo­dern He­re­sy una rac­col­ta di con­fe­ren­ze svol­te l’an­no pre­ce­den­te nell’Uni­ver­si­tà del­la Virginia a Char­lot­te­svil­le. Te­sti pro­fon­di, an­che dif­fi­ci­li di ar­go­men­to let­te­ra­rio e fi­lo­so­fi­co. Gli scap­pò una bou­ta­de su­gli ebrei e fi­nì su­bi­to sot­to il ma­glio fe­ro­ce del­la cri­ti­ca che non ve­de­va l’ora di bol­la­re di an­ti­se­mi­ti­smo un con­ser­va­to­re rea­zio­na­rio co­me lui. Eliot ci ri­ma­se di sa­le, so­prat­tut­to per­ché co­sì si fi­ni­va per non pre­sta­re la mi­ni­ma at­ten­zio­ne a quei suoi ra­gio­na­men­ti se­ri cui tan­to te­ne­va. Die­de quin­di or­di­ne di non ri­pub­bli­ca­re mai più quel te­sto, che la cri­ti­ca in­tel­li­gen­te ri­tie­ne pre­zio­so, fin­ché fos­se sta­to in vi­ta. Eliot se n’è an­da­to nel 1965 se­gui­to nel 2012 dal­la mo­glie Va­le­rie, fer­rea ese­cu­tri­ce an­che po­st mor­tem del vo­le­re del ma­ri­to, ep­pu­re Af­ter Stran­ge Gods gia­ce an­co­ra so­lo nel­le bi­blio­te­che.

Ter­ry Prat­chett (1948-2015) è sta­to uno scrit­to­re in­gle­se fan­ta­sy umo­ri­sti­co co­no­sciu­to dai suoi fan co­me “Pter­ry”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.