Pri­ma la dan­no via poi fri­gna­no e fin­go­no di pen­tir­si

Ce­de­re al­le avan­ces del boss per fa­re car­rie­ra è pro­sti­tu­zio­ne non stu­pro

Libero - - Da Prima Pagina - Di RENATO FARINA

Har­vey Wein­stein, co­me il 95 per cen­to di chi mi sta leg­gen­do, non lo ave­vo mai sen­ti­to no­mi­na­re. È di­ven­ta­to fa­mo­so tra la gen­te che non è del me­stie­re per aver usa­to il suo po­te­re di pro­dut­to­re ci­ne­ma­to­gra­fi­co per pren­der­si le don­ne più bel­le. Ades­so An­ge­li­na Jo­lie, Gw­y­ne­th Pal­trow e tan­te al­tre so­no fa­mo­se ma al­lo­ra era­no sco­no­sciu­te. Il me­to­do di se­le­zio­ne del ca­st fem­mi­ni­le era spic­cio. Met­te­va ra­gaz­ze mol­to ca­ri­ne e in­di­fe­se da­van­ti al di­lem­ma: se ti fai pren­de­re da me, tu ti pren­di il ci­ne­ma. Que­sta sto­ria è du­ra­ta mol­ti an­ni. La­scio per­de­re i par­ti­co­la­ri di con­tor­no, ma non tan­to, e cioè che tut­ti di quel mon­do sa­pe­va­no, ma ta­ce­va­no, e che in real­tà spe­cie nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo, ma un po’ do­vun­que, il ri­cat­to ses­sua­le è il la­scia­pas­sa­re per le car­rie­re fem­mi­ni­li.

Ora Wein­stein di­ce di es­se­re sta­to ab­ban­do­na­to da tut­ti. Tro­ve­rà fi­nal­men­te pa­ce al­le sue scal­ma­ne in pia­ce­ri so­li­ta­ri? Fi­gu­rar­si. (...)

(...) Fin­ché ha de­na­ro, e ne ha tan­to, ci sa­rà la fi­la. Non è una cat­ti­ve­ria sul­le don­ne, ma la con­sta­ta­zio­ne di com’è fat­ta la na­tu­ra uma­na. È at­trat­ta dal mie­le del po­te­re e del con­tan­te. È un gio­co tri­ste, ma qui non s’in­ven­ta nien­te. La sto­ria che la pro­sti­tu­zio­ne sia il me­stie­re più an­ti­co del mon­do è stan­tia e fal­sa, di­co­no gli an­tro­po­lo­gi: pri­ma ci fu­ro­no la cac­cia, la pe­sca, la rac­col­ta dei frut­ti, spe­cie del­le me­le. Ov­vio. Ci do­ve­va es­se­re per for­za una mer­ce da scam­bia­re.

E sia­mo a Wein­stein. In­di­fen­di­bi­le, co­me ha det­to Geor­ge Cloo­ney. Ma per­ché al­lo­ra sa­reb­be­ro di­fen­di­bi­li le don­ne che han­no ac­cet­ta­to il prez­zo del­lo scam­bio? Per­ché lui era ric­co, for­te, e lo­ro de­bo­li e so­le? Non di­cia­mo scioc­chez­ze. Il pro­dut­to­re del­la fi­li­bu­sta ave­va un con­trat­to che es­se de­si­de­ra­va­no. Qua­le prez­zo era­no di­spo­ste a of­fri­re? Al prez­zo che En­zo Bia­gi de­fi­ni­va «la for­tu­na su cui le bel­le don­ne so­no se­du­te»... Non si giu­di­ca­no le co­scien­ze. For­se Gw­y­ne­th Pal­trow era con­vin­ta che avreb­be sal­va­to il mon­do con i suoi film da sven­to­lo­na, e per que­sto com­pi­to im­ma­ne ha ac­cet­ta­to il sa­cri­fi­cio. For­se.

Un cri­ti­co ci­ne­ma­to­gra­fi­co, Gof­fre­do Fo­fi, ha scrit­to in un li­bro, e mi scu­se­re­te il lin­guag­gio cru­do, ma è una ci­ta­zio­ne mol­to di si­ni­stra: «Può an­che ca­pi­ta­re, per cam­pa­re, di ven­de­re il cu­lo. L’im­por­tan­te è non ven­de­re mai l’ani­ma». Esi­ste un pro­ble­ma in que­sto di­stin­guo. Sap­pia­mo mol­to be­ne che ciò che ac­ca­de sot­to la cin­tu­ra - e non c’è bi­so­gno né di ri­fe­rir­si al ca­te­chi­smo e nep­pu­re a Freud - non ri­guar­da so­lo quei ter­ri­to­ri ana­to­mi­ci. Da­re il cor­po sen­za ce­de­re l’ani­ma è dif­fi­ci­le, in fon­do ap­par­ten­go­no al­la stes­sa per­so­na.

In que­ste ore la po­le­mi­ca più for­te in­ve­ste Asia Ar­gen­to. Di­leg­gia­ta e in­sul­ta­ta, per­ché l’at­tri­ce ha sve­la­to so­lo ora di es­se­re sta­ta av­via­ta al­la car­rie­ra da un ve­ro e pro­prio stu­pro, av­ve­nu­to nel 1996, quan­do ave­va 21 an­ni. Fu ac­com­pa­gna­ta nel­la stan­za di Wein­stein da un ti­zio di cui es­sa ora fa no­me e co­gno­me. Una vol­ta al­la pre­sen­za del Po­ten­te si sen­tì sog­gio­ga­ta, la­sciò fa­re. Fuo­ri da quel­la

Asia Ar­gen­to dal suo ac­count In­sta­gram par­la agli ita­lia­ni. Pub­bli­ca una fo­to che la ri­trae con il di­to me­dio al­za­to, in ri­spo­sta al fat­to che noi ita­lia­ni le “avrem­mo” da­to “del­la t...” per ave­re de­nun­cia­to mol­to “a po­ste­rio­ri” le vio­len­ze del re­gi­sta Wein­stein. Scoop del New Yor­ker, la fir­ma dell’ar­ti­co­lo in que­stio­ne è Ro­nan Far­row, fi­glio di Mia Far­row e Woo­dy Al­len (odie­rà il pa­dre?). Ri­cor­dia­mo che lo stes­so gior­na­le lo scor­so 5 ot­to­bre ha pub­bli­ca­to un ar­ti­co­lo che di­ce che noi ita­lia­ni sia­mo cul­tu­ral­men­te fa­sci­sti per­ché non de­mo­lia­mo le no­stre ar­chi­tet­tu­re ra­zio­na­li­ste, o per­ché non cam­bia­mo no­mi al­le vie.

Scri­ve la Ar­gen­to: «Que­sto di­to me­dio è per que­gli ita­lia­ni, ri­pe­to ita­lia­ni, che ac­cu­sa­no di es­ser­mi cer­ca­ta la vio­len­za su­bi­ta da ra­gaz­za per­ché non ho de­nun­cia­to pri­ma». La stes­sa fo­to era sta­ta pub­bli­ca­ta l’al­tro ie­ri dal suo nuo­vo fi­dan­za­to An­tho­ny Bour­dain (bell’uo­mo, ex-cuo­co, scrit­to­re ec­cel­len­te, au­to­re te­le­vi­si­vo co­me po­chi, front­man) re­la­zio­ne di cui, gra­zie al sa­lot­to of­fer­to da In­sta­gram, or­mai sap­pia­mo tut­to.

A ec­ce­zio­ne fat­ta per gli ha­ter, che so­no stu­pi­di e ba­sta e of­fen­do­no

In­som­ma, la di­scus­sio­ne al­la fi­ne si spiac­ci­ca, co­me una mo­sca sul ve­tro, sem­pre lì. La pro­po­sta in­de­cen­te che han­no ri­ce­vu­ta è in se stes­sa una vio­len­za che le fa es­se­re vit­ti­me qua­lun­que ri­spo­sta ab­bia­no da­ta? L’es­ser­si la­scia­te pos­se­de­re sen­za rea­gi­re è il sim­bo­lo del­la con­di­zio­ne in­fa­me di tut­te le don­ne co­stret­te a com­pro­mes­si igno­bi­li per di­mo­stra­re il lo­ro ta­len­to? Ec­co io vor­rei cam­bia­re mo­sca e an­che ve­tro. C’è una ca­te­go­ria di don­ne di­men­ti­ca­te. Quel­le che han­no det­to di no a Wein­stein & C, for­se an­che no-gra­zie, o ma­ga­ri dil­lo-atua-so­rel­la-por­co. Nes­su­na ha al­za­to la ma­no, e se la al­zas­se­ro, non se le fi­le­reb­be nes­su­no, per­ché han­no un no­me che di­ce qual­co­sa sol­tan­to a chi gli vuol be­ne o tro­va de­li­zio­so il lo­ro sa­lu­to. Le in­con­tria­mo sul tram o al su­per­mer­ca­to die­tro la cas­sa, e nes­su­no le fer­ma per l’au­to­gra­fo. De­ci­se­ro di non pren­de­re quell’ascen­so­re. Nes­sun ascen­so­re.

Se un uo­mo po­ten­te di­ce a una ra­gaz­za: al­za­ti la gon­na e vin­ci la lot­te­ria, c’è chi di­ce no, co­sti quel­lo che co­sti. «Le don­ne ci sal­ve­ran­no», co­me di­ce un bel ti­to­lo di Al­do Caz­zul­lo: non tut­te. La spe­ran­za sta in quei no­mi sco­no­sciu­ti agli al­tri, ma non a noi, sen­za cui le cit­tà, gli uf­fi­ci, le no­stre ca­se, sa­reb­be­ro un de­ser­to de­so­la­to.

Asia Ar­gen­to

Comments

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.