Gen­ti­lo­ni fe­li­ce. Pian­ge­rà al Se­na­to?

Per af­fos­sa­re il Ro­sa­tel­lum ser­vi­va­no 140 fran­chi ti­ra­to­ri. In­ve­ce ce ne so­no sta­ti me­no del­la me­tà. La par­ti­ta si spo­sta al Se­na­to

Libero - - Da Prima Pagina - Di FRANCO BECHIS

Con 375 vo­ti a fa­vo­re e 215 con­tra­ri (con 24 as­sen­ti) la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le del Ro­sa­tel­lum è sta­ta ap­pro­va­ta al­la Ca­me­ra dei de­pu­ta­ti. Col vo­to se­gre­to so­no ve­nu­ti a man­ca­re ri­spet­to ai na­stri di par­ten­za ini­zia­le cir­ca una ses­san­ti­na di par­la­men­ta­ri, ma i fran­chi ti­ra­to­ri po­treb­be­ro es­se­re sta­ti an­che di me­no vi­ste le as­sen­ze (la so­la For­za Ita­lia ne ave­va 3 in ma­lat­tia, fra cui la puer­pe­ra (...)

(...) Ma­ria Vit­to­ria Bram­bil­la, che ha par­to­ri­to pro­prio ie­ri). Di­ven­ta co­sì me­no pro­ble­ma­ti­ca ri­spet­to al­le at­te­se con que­sto ri­sul­ta­to la na­vi­ga­zio­ne in Se­na­to, do­ve i nu­me­ri di mag­gio­ran­za so­no più ri­stret­ti ma il vo­to se­gre­to in ma­te­ria elet­to­ra­le qua­si mai è am­mes­so. Il ri­sul­ta­to ar­ri­va­to po­co do­po le 21 di ie­ri se­ra al ter­mi­ne di una gior­na­ta fa­ti­co­sa è sta­to par­zial­men­te una sor­pre­sa, per­ché fi­no all’ul­ti­mo l’om­bra dei fran­chi ti­ra­to­ri è aleg­gia­ta sull’as­sem­blea e di cer­tez­ze sem­bra­no es­ser­ce­ne ve­ra­men­te po­che.

I ti­mo­ri non era­no sta­ti po­chi ie­ri fin dal pri­mo mat­ti­no. Se il gior­no pri­ma tut­to sem­bra­va dor­mic­chia­re, all’al­ba del gio­ve­dì era per­ce­pi­bi­le nell’aria quel­la sor­ta di via­gra che il vo­to se­gre­to na­tu­ral­men­te è su par­la­men­ta­ri che da an­ni deb­bo­no al­za­re il pol­li­ce su o giù sen­za mai po­te­re de­ci­de­re una co­sa in au­to­no­mia e co­scien­za. E ap­pe­na è sta­to per­ce­pi­bi­le quel friz­zi­co­ri­no nell’au­la par­la­men­ta­re è im­prov­vi­sa­men­te com­par­so il mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li, Da­rio Fran­ce­schi­ni, il re­gi­sta di ogni ope­ra­zio­ne in­ter­na al Pd. Ra­ra­men­te lo si è vi­sto co­sì at­ti­vo a Mon­te­ci­to­rio: un in­con­tro do­po l’al­tro, de­ci­ne di fac­cia a fac­cia con espo­nen­ti del suo par­ti­to. E non so­lo: per una buo­na mezz’oret­ta Fran­ce­schi­ni si è ap­par­ta­to an­che con un vec­chio ami­co con cui ha con­di­vi­so gran par­te del­la sua av­ven­tu­ra po­li­ti­ca, quel Pier­do­me­ni­co Mar­ti­no og­gi pas­sa­to con qual­che sor­pre­sa nel­le fi­la del Pd. Gran da far­si di Fran­ce­schi­ni, ma dif­fi­ci­le da in­ter­pre­ta­re: sta­va cer­can­do di con­vin­ce­re i più riot­to­si al vo­to, o sta­va or­ga­niz­zan­do un ag­gua­to al­la leg­ge met­ten­do­si a ca­po del­la spal­la­ta a Mat­teo Ren­zi? Il mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li pe­rò non era il so­lo den­tro quel par­ti­to a muo­ver­si co­me una trot­to­la. Gran la­vo­rio an­che da par­te del te­so­rie­re del grup­po Pd, Da­nie­le Ma­ran­tel­li che con­fi­da­va: «il so­lo mo­do per con­vin­ce­re gli in­de­ci­si è pren­der­li e par­lar­ci uno a uno, e nel rap­por­to di­ret­to mol­te co­se si chia­ri­sco­no e mol­ti dub­bi si sciol­go­no».

Chis­sà se quel la­vo­rìo è sta­to o me­no de­ter­mi­nan­te per por­ta­re a ca­sa il pri­mo gi­ro del­la leg­ge. Ora tut­to si spo­sta a pa­laz­zo Ma­da­ma, do­ve sul­la car­ta il sì al­la nuo­va leg­ge par­te da una mag­gio­ra­na piut­to­sto ro­bu­sta di cir­ca 230 se­na­to­ri. Per non pas­sa­re do­vreb­be ave­re più

fran­chi ti­ra­to­ri di quel­li re­gi­stra­ti al­la Ca­me­ra (fra 70 e 80), che ol­tre­tut­to do­vreb­be­ro es­se­re tal­men­te fran­chi da vo­ta­re con­tro con scel­ta pa­le­se che fa­reb­be sal­ta­re lo­ro ogni ipo­te­si di ri­can­di­da­tu­ra a po­che set­ti­ma­ne dal­le nuo­ve ele­zio­ni. Sem­bra dav­ve­ro im­pro­ba­bi­le che que­sto pos­sa ac­ca­de­re, e for­se non è nem­me­no ne­ces­sa­ria per fa­re di­ven­ta­re leg­ge il Ro­sa­tel­lum quel­la for­za­tu­ra che era nei pia­ni di Ren­zi: giun­ge­re al vo­to fi­na­le bru­cian­do ogni tap­pa pri­ma del­le ele­zio­ni si­ci­lia­ne del pros­si­mo

5 no­vem­bre. È pro­ba­bi­le che quel­le sia­no una ba­to­sta per il Pd e i suoi al­lea­ti, e che ali­men­ti­no qual­che ma­lu­mo­re den­tro il grup­po. Ma da lì al si­cu­ro sui­ci­dio di un vo­to pa­le­se con­tro la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le ne pas­sa dav­ve­ro tan­to.

A que­sto pun­to si può qua­si con­si­de­ra­re fat­ta la nuo­va leg­ge, e il tem­po che re­sta fi­no al vo­to (sem­pre più pro­ba­bi­le a fi­ne feb­bra­io-ini­zio mar­zo) con­sen­ti­rà an­che di as­sor­bi­re le fe­ri­te che si so­no aper­te in que­sti gior­ni an­che all’in­ter­no del­le coa­li­zio­ni. Pas­sa­ta la vis po­le­mi­ca ognu­no cer­che­rà di sfrut­ta­re le pos­si­bi­li­tà che la nuo­va leg­ge co­mun­que of­fre. E non è af­fat­to det­to che le vit­ti­me di og­gi lo sia­no an­che nell’ur­na, per­ché il sim­bo­lo po­trà pe­sa­re ina­spet­ta­ta­men­te tan­to, an­che più dei can­di­da­ti scel­ti in quel ter­zo di col­le­gi uni­no­mi­na­li.

L’esi­to del­la vo­ta­zio­ne fi­na­le di ie­ri al­la Ca­me­ra che ha ap­pro­va­to il Ro­sa­tel­lum bis [LaP­res­se]

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.