Non fa­te spot di co­lo­re o vi di­ran­no raz­zi­sti

Libero - - Da Prima Pagina - di FILIPPO FACCI

For­se sia­mo dav­ve­ro una ci­vil­tà raz­zi­sta, ma di un raz­zi­smo di­ver­so e nuo­vo: co­me se i “raz­zi­sti” vec­chia ma­nie­ra e gli “an­ti­raz­zi­sti” nuo­va ma­nie­ra, cioè, ap­par­te­nes­se­ro en­tram­bi a un neo­raz­zi­smo in­ca­pa­ce di pre­scin­de­re dal co­lo­re del­la pel­le di una per­so­na: que­sto per re­sta­re all’esem­pio più clas­si­co. Poi ci so­no le per­so­ne più nor­ma­li che, in­ve­ce, pur es­sen­do me­no os­ses­sio­na­te dal pro­ble­ma, ven­go­no tut­ta­via ar­ruo­la­te tra i raz­zi­sti col­la­bo­ra­zio­ni­sti. Ma non è più, in ge­ne­ra­le, so­lo un pro­ble­ma di es­se­re in­tol­le­ran­ti con il di­ver­so: è an­che il sot­to­li­nea­re con­ti­nua­men­te, an­che in buo­na fe­de, che è co­mun­que di­ver­so.

Na­tu­ral­men­te ab­bia­mo un esem­pio per­fet­to da rac­con­ta­re, ed è que­sto: nei gior­ni scor­si il mar­chio “Do­ve”, che pro­du­ce sa­po­ni e ap­par­tie­ne al co­los­so Uni­le­ver, ha mes­so su Fa­ce­book una pub­bli­ci­tà in cui si ve­de­va una don­na ne­ra che, do­po aver usa­to un pro­dot­to Do­ve, si to­glie­va la ma­gliet­ta scu­ra e si tra­sfor­ma­va in una don­na bian­ca, do­po­di­ché la don­na bian­ca, do­po aver usa­to lo stes­so pro­dot­to, si to­glie­va la ma­gliet­ta bian­ca e si tra­sfor­ma­va in una don­na orien­ta­le. Que­sta la se­quen­za, che se fos­se sta­ta di­ver­sa, pro­ba­bil­men­te, non avreb­be ge­ne­ra­to equi­vo­ci: ma, co­sì, la don­na ne­ra che usa un sa­po­ne, e di­ven­ta bian­ca, è sta­ta equi­val­sa a pel­le ne­ra= spor­co e pel­le bian­ca=pu­li­to. Il pas­sag­gio suc­ces­si­vo, quel­lo in cui una bian­ca di­vie­ne orien­ta­le, non ha in­te­res­sa­to nes­su­no.

Ne­gli Sta­ti Uni­ti, ov­via­men­te, è scop­pia­to un ca­si­no: Uni­le­ver ha do­vu­to ri­ti­ra­re la pub­bli­ci­tà con tan­te scu­se e ha su­bi­to di­chia­ra­to che for­se non era riu­sci­ta a rap­pre­sen­ta­re le don­ne in mo­do ap­pro­pria­to. Ma il pro­ble­ma, co­me vi­sto, ri­guar­da i ne­ri coi bian­chi: il fat­to che la don­na bian­ca di­ven­tas­se asia­ti­ca non è sta­to con­si­de­ra­to raz­zi­sta.

Ora: stia­mo par­lan­do de­gli Sta­ti Uni­ti, pa­tria del po­li­ti­cal­ly cor­rect più esa­spe­ra­to - che spes­so noi im­por­tia­mo in se­con­da istan­za - do­ve le cre­me per sbian­ca­re la pel­le ne­ra so­no in li­be­ra ven­di­ta e han­no pu­re un cer­to suc­ces­so: ba­sta non pub­bli­ciz­zar­le. Un pae­se in cui il raz­zi­smo con­tro i ne­ri è evi­den­zia­to so­prat­tut­to dal­le de­nun­ce dei bian­chi, che l’in­tra­ve­do­no dap­per­tut­to: al pun­to che la mo­del­la ne­ra del­la pub­bli­ci­tà di “Do­ve”, Lo­la Ogu­nye­mi, è ca­sca­ta dal-

le nu­vo­le e si è ri­tro­va­ta a di­fen­de­re i pub­bli­ci­ta­ri del­la Uni­le­ver.

La mo­del­la, in­fat­ti, ha scrit­to una let­te­ra al Guar­dian in cui ha spie­ga­to che lei, a di­re il ve­ro, è sta­ta più che en­tu­sia­sta di rap­pre­sen­ta­re le don­ne ne­re nel­la pub­bli­ci­tà di un mar­chio fa­mo­so, e che pen­sa­va che avreb­be con­tri­bui­to a «ri­cor­da­re al mon­do che noi sia­mo qui, che sia­mo bel­le e che, an­co­ra più im­por­tan­te, sia­mo ap­prez­za­te». Non pen­sa­va che la pub­bli­ci­tà avreb­be co­mu­ni­ca­to un’idea di in­fe­rio­ri­tà del­le don­ne ne­re, e non ha scor­to al­cu­na ma­li­zia nel­la se­quen­za del­la don­na ne­ra che di­ven­ta­va bian­ca. Nel ca­so, avreb­be ab­ban­do­na­to il set - ha scrit­to - ma lo spot, a suo di­re, in­di­ca­va sem­pli­ce­men­te che tut­ti i ti­pi di pel­le han­no bi­so­gno di gen­ti­lez­za, null’al­tro.

Lo­la Ogu­nye­mi, in­som­ma, si è di­mo­stra­ta una per­so­na nor­ma­le, que­sto in un ge­ne­re di Pae­se che è abi­tua­to an­che a por­si pro­ble­mi che ha. Mo­ra­le: cer­can­do «pub­bli­ci­tà raz­zi­sta» su Goo­gle, al­me­no si­no a ie­ri, usci­va la fac­cia di lei, del­la mo­del­la. E que­sto per gli an­ti­raz­zi­sti, pro­ba­bil­men­te, rap­pre­sen­ta un suc­ces­so.

LA PUB­BLI­CI­TÀ In al­to, lo spot «in­cri­mi­na­to». A si­ni­stra, un ti­to­lo con le ac­cu­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.