In­cu­bo col­le­gi: li di­se­gne­rà il lea­der del Pd

Libero - - Primo Piano - (FB)

For­mal­men­te il com­pi­to spet­te­rà al pre­mier, Pao­lo Gen­ti­lo­ni. En­tro 30 gior­ni dal­la pub­bli­ca­zio­ne sul­la Gaz­zet­ta Uf­fi­cia­le del­la Re­pub­bli­ca del­la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le, il go­ver­no do­vrà se­con­do la de­le­ga che gli è as­se­gna­ta dal te­sto, di­se­gna­re la di­vi­sio­ne dei col­le­gi elet­to­ra­li uni­no­mi­na­li in cui si do­vran­no vo­ta­re i 231 elet­ti. Gen­ti­lo­ni su que­sta ma­te­ria ha pe­rò di­mo­stra­to una scar­sis­si­ma au­to­no­mia, ben vi­si­bi­le nel vo­to di fi­du­cia chie­sto al Par­la­men­to do­po ave­re pro­mes­so che mai sa­reb­be ac­ca­du­to. Per­ciò stan­no ve­nen­do i su­do­ri fred­di al cen­tro­de­stra, per­ché da quei col­le­gi di­se­gna­ti di fat­to da Mat­teo Ren­zi po­treb­be­ro ve­ni­re mol­te spia­ce­vo­li sor­pre­se. Me­dia­men­te sa­ran­no piut­to­sto grandi: 300mi­la elet­to­ri cir­ca cia­scu­no. Pro­ba­bil­men­te nel­le grandi cit­tà non si po­trà fa­re mol­tis­si­mo, ma in quel­le pic­co­le si può già pre-co­sti­tui­re il vo­to gio­can­do su­gli ac­cor­pa­men­ti. Ba­sta pren­de­re una cit­tà di cen­tro­de­stra (co­me Ales­san­dria), e uni­re due co­mu­ni più pic­co­li a for­te ba­se Pd per cam­bia­re la na­tu­ra di quel col­le­gio, man­dan­do all’aria ogni idea di col­le­gio si­cu­ro che og­gi ci sa­reb­be. Un ri­schio non da po­co...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.