Esce la no­ti­zia che il Ca­na­da vuo­le pro­ces­sa­re Ca­pel­la, mon­si­gno­re ac­cu­sa­to di pe­do­fi­lia. La San­ta Se­de smen­ti­sce: nes­su­na ri­chie­sta. Ma per Fran­ce­sco sa­rà una gros­sa gra­na

Libero - - Italia - FAUSTO CARIOTI

La tol­le­ran­za ze­ro pro­mes­sa da Jor­ge Ma­rio Ber­go­glio con­tro i pre­ti pe­do­fi­li ri­schia di in­fran­ger­si sul pri­mo ve­ro osta­co­lo: il ca­so di mon­si­gnor Carlo Al­ber­to Ca­pel­la, ac­cu­sa­to di pe­do­por­no­gra­fia in Ca­na­da. Il sa­cer­do­te avreb­be pos­se­du­to e di­stri­bui­to im­ma­gi­ni por­no­gra­fi­che di bam­bi­ni e ado­le­scen­ti, sca­ri­ca­te con il com­pu­ter du­ran­te un sog­gior­no fat­to nel pae­se go­ver­na­to da Ju­stin Tru­deau tra il 24 e il 27 di­cem­bre scor­si.

Le pro­ve nei suoi con­fron­ti so­no gra­vi, al pun­to che le au­to­ri­tà ca­na­de­si han­no re­dat­to per lui un or­di­ne di ar­re­sto, co­me avreb­be­ro fat­to con chiun­que si fos­se tro­va­to nel­le stes­se con­di­zio­ni. Ma Ca­pel­la non è una pe­co­rel­la co­me le al­tre e nem­me­no un pa­sto­re qua­lun­que: all’epo­ca dei fat­ti egli era un mem­bro del­la nun­zia­tu­ra del­la San­ta Se­de ac­cre­di­ta­to a Wa­shing­ton. Un di­plo­ma­ti­co, in­som­ma. E pro­prio que­sto ruo­lo, se­con­do quan­to ri­fe­ri­to ie­ri dall’An­sa, con­sen­ti­reb­be al Va­ti­ca­no di in­vo­ca­re l’im­mu­ni­tà nei con­fron­ti del pre­la­to. Una scel­ta che l’agen­zia di stam­pa ri­tie­ne scon­ta­ta e che sa­reb­be cla­mo­ro­sa, per­ché dif­fi­cil­men­te con­ci­lia­bi­le con la li­nea du­ra va­ra­ta dal pa­pa. Ol­tre­te­ve­re smen­ti­sco­no: «Non c’è al­cu­na ri­chie­sta di estra­di­zio­ne ar­ri­va­ta dal Ca­na­da», ha as­si­cu­ra­to in se­ra­ta il direttore del­la sa­la stam­pa, Greg Bur­ke. Re­sta da ca­pi­re, pe­rò, co­sa de­ci­de­rà di fa­re Ber­go­glio se la pra­ti­ca giun­ge­rà sul suo ta­vo­lo. Di si­cu­ro, co­me han­no scrit­to i gior­na­li ca­na­de­si a fi­ne set­tem­bre, sen­za ri­ce­ve­re smen­ti­ta, la ri­chie­sta di ar­re­sto è sta­ta emes­sa.

Il mon­si­gno­re era sta­to ri­chia­ma­to da Wa­shing­ton a Ro­ma po­che set­ti­ma­ne fa, ap­pe­na si era ca­pi­to che sta­va fi­nen­do nei guai. Il se­gre­ta­rio di Sta­to, il car­di­na­le Pietro Pa­ro­lin, nei gior­ni scor­si ha am­mes­so che quel­la di Ca­pel­la è una vi­cen­da «do­lo­ro­sis­si­ma» e ha pro­mes­so se­rie­tà e «mas­si­mo ri­ser­bo» da par­te del­la giu­sti­zia del­la San­ta se­de, che ha aper­to una pro­pria in­chie­sta sul sa­cer­do­te e mol­to pro­ba­bil­men­te si as­su­me­rà il com­pi­to di pro­ces­sar­lo. Lui in­tan­to è con­fi­na­to nel Col­le­gio dei pe­ni­ten­zie­ri in Va­ti­ca­no. Lon­ta­no dai ri­flet­to­ri e dal­lo scan­da­lo che su­sci­te­reb­be un pro­ces­so pub­bli­co in Ca­na­da.

Sot­to esa­me non c’è so­lo il sa­cer­do­te in­cri­mi­na­to. I gior­na­li, so­prat­tut­to quel­li pro­gres­si­sti, di­pin­go­no Fran­ce­sco co­me il pa­pa che ha avu­to il co­rag­gio di im­pri­me­re al­la Chie­sa una svol­ta non so­lo nel­la dot­tri­na so­cia­le, ma an­che nel trat­ta­men­to ri­ser­va­to ai sa­cer­do­ti pe­do­fi­li. La vul­ga­ta di­ce che con l’ar­ri­vo di Ber­go­glio so­no sal­ta­te le con­ni­ven­ze e le omer­tà che in Va­ti­ca­no pro­teg­ge­va­no gli au­to­ri di rea­ti ses­sua­li. Fran­ce­sco, del re­sto, è il pa­pa che nel mar­zo del 2014 vol­le isti­tui­re una com­mis­sio­ne per fa­re lu­ce sul­lo scan­da­lo del­la pe­do­fi­lia, chia­man­do a par­te­ci­par­vi an­che al­cu­ne vit­ti­me de­gli abu­si. Ha avu­to pa­ro­le du­ris­si­me per le col­pe di quei sa­cer­do­ti, de­fi­ni­te «una mo­struo­si­tà as­so­lu­ta, un or­ren­do pec­ca­to, ra­di­cal­men­te con­tra­rio a tut­to ciò che Cri­sto ci in­se­gna», e ha an­nun­cia­to, nem­me­no un me­se fa, un gi­ro di vi­te al­le re­go­le: nien­te più gra­zia per i pre­ti col­pe­vo­li di rea­ti su mi­no­ri, nien­te ri­cor­si in ap­pel­lo se gli abu­si sa­ran­no sta­ti pro­va­ti nel pri­mo gra­do di giu­di­zio,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.