«NON SO­NO ABI­TUA­TI»

A Ven­ti­mi­glia trop­pi stra­nie­ri ubria­chi: il sin­da­co vie­ta la ven­di­ta di al­co­li­ci

Libero - - Italia -

A Ven­ti­mi­glia non si può più be­re. Il sin­da­co del­la cit­ta­di­na li­gu­re, En­ri­co Io­cu­la­no, a fron­te del­le con­ti­nue vio­len­ze le­ga­te all’abu­so di al­co­li­ci che spes­so ve­do­no coin­vol­ti co­me pro­ta­go­ni­sti gli stra­nie­ri, con un’or­di­nan­za co­mu­na­le ne ha vie­ta­to il con­su­mo in tut­ti i gior­ni del­la set­ti­ma­na in tut­to il ter­ri­to­rio co­mu­na­le. In po­che pa­ro­le, cau­sa qual­che scaz­zot­ta­ta di trop­po fra mi­gran­ti al­tic­ci, una chiac­chie­ra­ta in com­pa­gnia di ami­ci e vi­no è ro­ba da fuo­ri­leg­ge. Nel­la de­li­be­ra il pri­mo cit­ta­di­no sot­to­li­nea che il fe­no­me­no è acui­to dal­la pre­sen­za dei mi­gran­ti, ma spe­ci­fi­ca che la sua in­ten­zio­ne non è quel­la di cri­mi­na­liz­zar­li: se­con­do Io­cu­la­no non es­sen­do abi­tua­ti a con­su­ma­re al­co­li­ci, per mo­ti­vi cul­tu­ra­li e re­li­gio­si, l’ef­fet­to su di lo­ro è pro­fon­da­men­te di­ver­so. Ba­sta po­co ad al­te­ra­re il lo­ro sta­to. Si­cu­ro pe­rò, è che i cit­ta­di­ni di Ven­ti­mi­glia sa­ran­no co­stret­ti ad ade­guar­si. Ma tant’è. L’or­di­nan­za, in ogni ca­so, è tem­po­ra­nea e re­ste­rà in vi­go­re fi­no a nuo­ve di­spo­si­zio­ni, che pro­ba­bil­men­te ver­ran­no ac­col­te con un bel brin­di­si col­let­ti­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.