E Asia s’in­fu­ria: «Ho de­nun­cia­to, per­ché ora mi in­sul­ta­no?»

Libero - - Attualità - «VIT­TI­ME» HOLLYWOODIANE RIPRODUZIONE RISERVATA

a prio­ri, Asia Ar­gen­to non è sta­ta in­sul­ta­ta. Di­ce be­ne Vla­di­mir Lu­xu­ria: «Avre­sti po­tu­to di­re no». Ed è ve­ro. Ma que­sto non è cer­ta­men­te un in­sul­to ad Asia Ar­gen­to: è una sem­pli­ce ve­ri­tà. È la dif­fe­ren­za fon­da­men­ta­le che c’è tra la vit­ti­ma e la con­ni­ven­te.

Asia Ar­gen­to può pas­sa­re co­me vit­ti­ma do­po ave­re avu­to una re­la­zio­ne di 5 an­ni con l’uo­mo che l’ha vio­len­ta­ta ? Avreb­be su­bi­to del ses­so ora­le, e sa­reb­be suc­ces­so al­tre vol­te. In­som­ma : può es­se­re vio­len­za se una don­na pro­va un or­ga­smo? Se­con­do mol­ti ri­sul­te­reb­be di no. Le va­ria­bi­li so­no in­fi­ni­te, e non si di­scu­to­no sui gior­na­li. Ogni ca­so va­le a sé. Quel­la tra Asia Ar­gen­to e il re­gi­sta ame­ri­ca­no fi­ni­sce per es­se­re una re­la­zio­ne sbi­lan­cia­ta, con si­cu­ri ele­men­ti di pas­sio­ne da par­te di en­tram­bi, in cui il po­te­re gio­ca un ruo­lo fon­da­men­ta­le co­me spes­so suc­ce­de. Ma pur sem­pre una re­la­zio­ne di “scam­bio”. E que­sto do ut des non ri­guar­da so­lo il ci­ne­ma, ma è dif­fu­so ovun­que. l’Ita­lia dei film e del­le pro­du­zio­ni tea­tra­li cer­ta­men­te non è pu­li­ta da que­sto si­ste­ma (an­zi...).

Un gior­no un au­to­re te­le­vi­si­vo in Ita­lia dis­se a chi scri­ve che una sua ami­ca era sta­ta mo­le­sta­ta dal re­gi­sta di una pro­du­zio­ne in cui la­vo­ra­va. L’au­to­re la in­vi­tò a de­nun­cia­re. Lei ri­spo­se che an­da­va be­ne co­sì, che que­sta sua at­trat­ti­va le da­va for­za sul la­vo­ro. Non si di­scu­te : è inac­cet­ta­bi­le, è ses­si­sta, è sba­glia­to. Ma se si è con­ni­ven­ti al si­ste­ma, non si è vit­ti­me. E pur­trop­po, sep­pu­re am­met­ten­do e com­pren­den­do la de­bo­lez­za di Asia Ar­gen­to - fa­cen­do fa­ti­ca: è fi­glia di, ta­len­tuo­sa, bel­la don­na - se fi­ni­sce a let­to con un re­gi­sta e ot­tie­ne un ruo­lo, non è vit­ti­ma. È con­ni­ven­te: ha scam­bia­to. O me­glio: è con­vin­ta di ave­re scam­bia­to, per­ché ma­ga­ri, lei non può sa­per­lo, avreb­be ot­te­nu­to lo stes­so il ruo­lo e quel­lo scam­bio ser­vi­va so­lo a Wein­sten per ave­re un’ere­zio­ne e nul­la ave­va a che ve­de­re col la­vo­ro. An­che l’at­tri­ce Lea Sey­doux de­nun­cia sul Guar­dian: «Si ve­de­va che non vo­le­va of­frir­mi un ruo­lo. Usa­va il suo po­te­re per ot­te­ne­re del ses­so».

E in­tan­to tut­ta l’Ame­ri­ca si è mos­sa: Oba­ma si è det­to «di­sgu­sta­to» da Wein­stein, an­che per­ché la fi­glia Ma­lia era in sta­ge dal re­gi­sta (se­le­zio­na­va co­pio­ni). La mo­glie Geor­gi­na Cha­p­man lo ha la­scia­to, la fi­glia ha chia­ma­to il pron­to in­ter­ven­to per pau­ra di una fol­lia. Wein­stein se ne an­drà con la co­da tra le gam­be in ri­ti­ro in Eu­ro­pa. Le mo­le­stie so­no sba­glia­te, Wein­stein in­di­fen­di­bi­le, gli scam­bi la­vo­ro-ero­ti­smo an­co­ra di più (e ri­guar­da­no an­che fem­mi­na-ma­schio e omo­ses­sua­li), ma è ve­ro: «Bi­so­gna di­re no», co­me pro­fes­sio­ni­ste, e poi co­me don­ne.

Qui a si­ni­stra, nel­la fo­to gran­de: Asia Ar­gen­to, 42 an­ni, e a la­to nel­le fo­to pic­co­le An­ge­li­na Jo­lie, 42 an­ni, e Gw­y­ne­th Pal­trow, 45. Tut­te e tre han­no di­chia­ra­to di aver su­bi­to in pas­sa­to mo­le­stie ses­sua­li da par­te di Har­vey Wein­stein

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.