I NONNI DETTANO MODA

Ba­sta con gli slip che esco­no dai jeans strap­pa­ti Ai gio­va­ni man­ca l’ele­gan­za del­la ma­tu­ri­tà

Libero - - Attualità - AZZURRA NOEMI BARBUTO RIPRODUZIONE RISERVATA

«Sei un non­no», con que­sta espres­sio­ne, fi­no a po­co tem­po fa, si usa­va rim­pro­ve­ra­re a qual­cu­no l’in­ca­pa­ci­tà di in­no­var­si, di es­se­re mo­der­no, tec­no­lo­gi­co e lar­go di ve­du­te, ol­tre che mon­da­no. Ma ta­le ap­pel­la­ti­vo og­gi po­treb­be es­se­re de­sue­to ed inap­pro­pria­to nell’in­di­ca­re ca­rat­te­ri­sti­che di­spre­gia­ti­ve, in quan­to non ci so­no più i nonni di una vol­ta.

Se la pa­ro­la “avi” vi ri­por­ta al­la men­te il non­no di Hei­di, che mun­ge­va le muc­che sui mon­ti e por­ta­va il lat­te al­la ni­po­ti­na ogni mat­ti­na, o la non­na di Cap­puc­cet­to Ros­so, che in­fer­ma aspet­ta­va la ni­po­ti­na nel­la sua ca­set­ta sper­du­ta nel bo­sco, al­me­no pri­ma di es­se­re di­vo­ra­ta dal lu­po cat­ti­vo, o ma­ga­ri il po­ve­ro te­ne­ro ma­stro Gep­pet­to, sie­te fuo­ri stra­da. Que­ste fi­gu­re mi­to­lo­gi­che, che pre­si­dia­va­no il fo­co­la­re, cu­ci­na­va­no, ram­men­da­va­no, con­so­la­va­no, fa­ce­va­no le ta­glia­tel­le, co­me non­na Pi­na, e sfor­na­va­no dol­ci, ap­par­ten­go­no so­lo al mon­do del­le fia­be.

I nonni di og­gi usa­no i so­cial net­work e gli smart­pho­ne, viag­gia­no, twit­ta­no, po­sta­no, mes­sag­gia­no, con­di­vi­do­no, si di­ver­to­no, pra­ti­ca­no più ses­so di noi, se­guo­no le mo­de, ma so­prat­tut­to le dettano, per­ché es­si fan­no più che mai ten­den­za. A ren­der­li spe­cia­li, non­ché au­to­re­vo­li in ma­te­ria di fa­shion ,è quell’al­lu­re vin­ta­ge di cui so­no de­po­si­ta­ri e che le fa­shion blog­ger smu­tan­da­te pos­so­no so­lo so­gnar­si, al­me­no per al­tri 40 an­ni.

È esplo­sa co­sì all’in­ter­no del­la no­stra so­cie­tà ne­vro­ti­ca la rewind sty­le ma­nia, un mi­scu­glio di no­stal­gia per i bei tem­pi an­da­ti e di de­si­de­rio di mo­der­ni­tà, che ha re­so i nonni pro­ta­go­ni­sti as­so­lu­ti e trend­set­ter in­con­tra­sta­ti del­la pros­si­ma sta­gio­ne au­tun­no-in­ver­no 2017/2018.

È quan­to è emer­so da un mo­ni­to­rag­gio con­dot­to da Espres­so Com­mu­ni­ca­tion per Bi­gi Cra­vat­te Mi­la­no su ol­tre 60 te­sta­te in­ter­na­zio­na­li La scrit­tri­ce Bar­ba­ra Al­ber­ti, mo­del­la d’ec­ce­zio­ne in una pub­bli­ci­tà di Guc­ci

de­di­ca­te a li­fe­sty­le ed at­tua­li­tà nei set­to­ri del­la moda, del de­si­gn, del­la cu­ci­na e del­la tec­no­lo­gia, ol­tre che su un pa­nel di 20 esper­ti di sti­le, per in­da­ga­re le ten­den­ze che con­trad­di­stin­gue­ran­no la pros­si­ma sta­gio­ne.

Ha de­ci­so di pun­ta­re sui nonni per la nuo­va cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria di Guc­ci “Crui­se 2018” Alessandro Mi­che­le, direttore ar­ti­sti­co del­la mai­son, il qua­le ve­ste la du­ches­sa

di Cam­brid­ge Ka­te Midd­le­ton e che ha tra­sfor­ma­to in mo­del­la d’ec­ce­zio­ne la scrit­tri­ce Bar­ba­ra Al­ber­ti, im­mor­ta­la­ta nel­la sua ele­gan­za a Ro­ma dal fo­to­gra­fo bri­tan­ni­co Mick Rock, di­ven­ta­to fa­mo­so per ave­re ri­trat­to Da­vid Bo­wie, i Sex Pi­stols, Ig­gy Pop, Blon­die, La­dy Ga­ga, The Kil­lers, Daft Punk. Il vol­to in­cor­ni­cia­to da una gros­sa trec­cia ri­go­ro­sa­men­te bian­ca, l’espres­sio­ne se­ria e fie­ra, le gam­be in­cro­cia­te, una ma­no pog­gia­ta con de­li­ca­tez­za sul gi­noc­chio, le di­ta cir­con­da­te di per­le, il com­ple­to bian­co su cui sboc­cia­no ros­se ros­se, l’im­man­ca­bi­le col­lo al­to, che è il se­gno di­stin­ti­vo di Al­ber­ti, co­sì ap­pa­re la scrit­tri­ce nel­lo scat­to di Mick Rock, ri­sul­tan­do mol­to più fi­ga e di clas­se di Chia­ra Fer­ra­gni, che le fa un baf­fo.

Ma­ga­ri non ci rac­con­ta­no più le fa­vo­le, ma di si­cu­ro i nonni con­tem­po­ra­nei ci in­se­gna­no lo sti­le, quell’ele­men­to che, co­me di­ce Co­co Cha­nel, a dif­fe­ren­za del­la moda, non tra­mon­ta mai. For­se lo char­me è qual­co­sa che con gli an­ni cre­sce e, in que­st’ot­ti­ca, in­vec­chia­re non do­vreb­be far­ci più pau­ra: au­men­te­ran­no le ru­ghe, ma chi se ne fre­ga, se ne gua­da­gne­re­mo in fa­sci­no? In­som­ma, per co­lo­ro che van­no in gi­ro con gli an­fi­bi o con i pan­ta­lo­ni a vi­ta bas­sis­si­ma c’è an­co­ra spe­ran­za di re­den­zio­ne.

Il se­gre­to del suc­ces­so dei pro­ge­ni­to­ri è rac­chiu­so nel­la lo­ro ele­gan­za, quel sen­so del­la mi­su­ra che nel tem­po han­no ac­qui­si­to. Es­si han­no com­pre­so che bel­lez­za e ric­chez­za non so­no tro­fei da espor­re ed osten­ta­re, che l’or­di­ne e la pu­li­zia so­no se­gno di ri­spet­to ver­so se stes­si e ver­so gli al­tri, che l’ec­ces­so è cu­gi­no di pri­mo gra­do dell’or­ri­do non­ché fra­tel­lo del­la vol­ga­ri­tà. In fon­do, non ser­ve mol­to per es­se­re fa­vo­lo­si. E lo si può es­se­re a qual­sia­si età. An­che se “più in là” il ri­sul­ta­to è as­si­cu­ra­to. In un mon­do ter­ri­bil­men­te tra­sh, in cui pre­do­mi­na­no fo­to­gra­fie di tet­te e cu­li, in cui le mi­ni­gon­ne han­no la­scia­to il po­sto agli slip ed i jeans strap­pa­ti so­no la nuo­va di­vi­sa di mi­lio­ni di ra­gaz­zi, quan­do in­cro­ci per stra­da un fi­go al­to e pa­le­stra­to e con­tem­po­ra­nea­men­te un uo­mo an­zia­no ve­sti­to di tut­to pun­to, è que­st’ul­ti­mo che os­ser­vi in­can­ta­ta, co­me è suc­ces­so al­la sot­to­scrit­ta qual­che gior­no fa. E gli sor­ri­di lie­ta. Per­ché l’ele­gan­za ap­pa­ga gli oc­chi ed il cuo­re. E ne ab­bia­mo più che mai bi­so­gno.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.