L’in­no di John Len­non

Libero - - Le Lettere -

Dot­tor Carioti, ri­ten­go che i prin­ci­pi na­zio­na­li di pa­tria, ban­die­ra e in­no sia­no va­lo­ri im­por­tan­ti per ogni in­di­vi­duo. Cer­to che aver da­to la pro­pria vi­ta per que­sta clas­se po­li­ti­ca...! È le­git­ti­mo ave­re qual­che ri­pen­sa­men­to? C'è un pas­sag­gio del no­stro in­no na­zio­na­le che è piut­to­sto im­pe­gna­ti­vo: «siam pron­ti al­la mor­te». Non so per qua­le mo­ti­vo, ma ogni vol­ta che la no­stra ter­za ca­ri­ca del­lo Sta­to apre boc­ca, pen­san­do al no­stro in­no na­zio­na­le, au­to­ma­ti­ca­men­te nel mio cer­vel­lo si con­cre­tiz­za la pa­ro­la «ma­ra­meo». È gra­ve o rien­tra nei ca­si pre­vi­sti dal­la leg­ge sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa? Mas­si­mo Car­pe­ne - via mail Tut­to qui, ca­ro Car­pe­ne? Con le in­fi­ni­te e va­rio­pin­te pos­si­bi­li­tà che of­fre il di­zio­na­rio ita­lia­no, a lei non vie­ne in men­te nul­la di più cat­ti­vo di un sem­pli­ce ma­ra­meo? O quel­la che ci ha in­via­to è una ver­sio­ne edul­co­ra­ta del suo pen­sie­ro op­pu­re lei è a un pas­so dal­la san­ti­tà. In ogni ca­so il pro­ble­ma tra­scen­de la mo­de­sta fi­gu­ra di Lau­ra Bol­dri­ni, la cui car­rie­ra ai pia­ni al­ti del­le isti­tu­zio­ni po­treb­be es­se­re al­le bat­tu­te fi­na­li (vor­rei ag­giun­ge­re «per for­tu­na», ma mi asten­go, per­ché poi ma­ga­ri ar­ri­va di peg­gio). Gli in­ni na­zio­na­li so­no fi­gli di un’epo­ca di­ver­sis­si­ma dal­la no­stra, ma so­prat­tut­to di un’idea del mon­do agli an­ti­po­di ri­spet­to a quel­la che muo­ve gli at­tua­li lea­der eu­ro­pei. Al­lo­ra c’era la con­sa­pe­vo­lez­za che la li­ber­tà non è da­ta per sem­pre, ma è una con­qui­sta per la qua­le bi­so­gna com­bat­te­re ogni gior­no, spes­so in sen­so let­te­ra­le. Per dir­la in la­ti­no: si vis pa­cem, pa­ra bel­lum. L’éli­te odier­na è in­ve­ce con­vin­ta che la li­ber­tà sia fi­glia non de­gli eser­ci­ti che l'han­no re­sa pos­si­bi­le e la di­fen­do­no, ma di quel­la pa­ce per­pe­tua che so­lo isti­tu­zio­ni in­ter­na­zio­na­li co­me la Ue e le Na­zio­ni Uni­te pos­so­no ga­ran­ti­re. Co­sì guar­da dall'al­to in bas­so i roz­zi Sta­ti Uni­ti, che re­spin­go­no il mul­ti­la­te­ra­li­smo e non si fan­no pro­ble­mi ad af­fi­da­re ai mi­li­ta­ri la so­lu­zio­ne di cer­te con­tro­ver­sie in­ter­na­zio­na­li. La stes­sa Lau­ra Bol­dri­ni lo dis­se all'ini­zio del pro­prio man­da­to: «L’uto­pia di un mon­do me­no ar­ma­to si è fi­nal­men­te spo­glia­ta di ogni astrat­tez­za per di­ven­ta­re strin­gen­te di­scus­sio­ne su una pos­si­bi­le de­sti­na­zio­ne al­ter­na­ti­va del­le ri­sor­se pub­bli­che». Non han­no il co­rag­gio di dir­lo, ma nel­le lo­ro te­ste John Len­non («im­ma­gi­na che non ci sia­no più na­zio­ni, nes­su­na ra­gio­ne per uc­ci­de­re o mo­ri­re e nes­su­na re­li­gio­ne...») ha rim­piaz­za­to Gof­fre­do Ma­me­li già da mol­ti an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.