SPA­GNA/1

Libero - - Le Lettere - CE­SA­RE BAT­TI­STI/2

Ce­sa­re Bat­ti­sti ci pren­de pu­re in gi­ro. Nes­su­no che spre­chi una pa­ro­la per le vit­ti­me. Se fos­se sta­to un la­ti­tan­te con­dan­na­to da Israe­le, pos­sia­mo es­se­re as­so­lu­ta­men­te cer­ti che il pro­ble­ma sa­reb­be sta­to ri­sol­to da di­ver­si an­ni sen­za trop­pe pa­ro­le. Po­li­ti­ci ita­lia­ni, al­me­no per una vol­ta, ti­ra­te fuo­ri gli at­tri­bu­ti. Ne gua­da­gne­re­te in ri­spet­to. Ce­sa­re Sa­li­na e.mail Di­sa­stro Ita­lia Se ana­liz­zia­mo la sto­ria di Ce­sa­re Bat­ti­sti pos­sia­mo so­lo con­sta­ta­re quan­to po­co l’Ita­lia con­ti a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le. Que­sto no­stro cri­mi­na­le, per­ché ta­le è, che ha ucciso quat­tro per­so­ne e ne ha re­sa in­va­li­da a vi­ta una quin­ta non sia­mo mai riu­sci­ti a por­tar­lo nel­le no­stre pri­gio­ni. Sa­reb­be ac­ca­du­to se si fos­se trat­ta­to di un ame­ri­ca­no o di un rus­so? Strin­gen­do il cer­chio, di un in­gle­se, di un te­de­sco o di un fran­ce­se? Per il de­mo­cra­ti­co Gioi­sce so­lo l’Eu­ro­pa Quel­lo che è suc­ces­so ri­ma­ne nel­la sto­ria. Quel­lo che si so­no det­ti i po­li­ti­ci por­ta da nes­su­na par­te per­ché uno ne­ga l’al­tro e non è più chia­ro chi ha co­min­cia­to. Que­sta si­tua­zio­ne fa un gros­so pia­ce­re all’Eu­ro­pa che, per non sba­glia­re, in­di­ca il pro­ble­ma co­me un fat­to in­ter­no al­la Spa­gna. Si è vo­lu­to but­tar­la in ca­cia­ra nel più clas­si­co dei mo­di che pen­sa­va­mo fos­se­ro so­lo ita­lia­ni. L’ul­ti­ma è la sfi­la­ta a Bar­cel­lo­na di quei cit­ta­di­ni con­tra­ri all’in­di­pen­den­za. Que­sto è il fal­li­men­to del­la po­li­ti­ca che vuo­le fa­re e de­ci­de­re su tut­to e su tut­ti. Una po­li­ti­ca lun­gi­mi­ran­te e fi­du­cio­sa nel po­po­lo avreb­be per­mes­so il re­fe­ren­dum in to­ta­le li­ber­tà. Fran­ce­sco Mon­ta­gner

Tre­vi­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.