I ve­ri fe­no­me­ni stan­no in Ca­la­bria

Nel gior­no suc­ces­si­vo all’eli­mi­na­zio­ne de­gli az­zur­ri vie­ne pub­bli­ca­ta una ri­cer­ca sui Co­mu­ni che ci met­te nell’olim­po dei fan­nul­lo­ni. Le differenze tra Nord e Sud so­no po­che

Libero - - Da Prima Pagina - FI­LIP­PO FAC­CI di

Ca­ri stu­den­ti di gior­na­li­smo, la no­ti­zia di og­gi ri­guar­da i da­ti del Cen­tro di ri­cer­ca Er­mes (an­no 2017) sull’as­sen­tei­smo nel­le am­mi­ni­stra­zio­ni co­mu­na­li di 102 ca­po­luo­ghi di pro­vin­cia. I ca­po­luo­ghi italiani sa­reb­be­ro 111, non 102, ma in al­cu­ni non ri­spon­de­va nes­su­no al te­le­fo­no, o più pro­ba­bil­men­te i di­pen­den­ti era­no trop­po po­chi per rien­tra­re nel­la sta­ti­sti­ca. Ec­co, ca­ri stu­den­ti: vi so­no di­ver­si mo­di di im­po­sta­re una no­ti­zia del ge­ne­re, e il più clas­si­co è un’elen­ca­zio­ne fred­da dei da­ti e di con­se­guen­za la clas­si­fi­ca dell’as­sen­tei­smo: pri­ma Lo­cri (Ca­la­bria) con una me­dia di 99,4 gior­ni all’an­no, ul­ti­ma Bias­so­no (Mon­za e Brian­za) con 14. Ma ci ar­ri­via­mo do­po. Un se­con­do mo­do (...)

Pa­ler­mo è in te­sta nel­la clas­si­fi­ca del­le am­mi­ni­stra­zio­ni che han­no ol­tre i 1.000 di­pen­den­ti, La Mad­da­le­na (87,3 gior­ni) in quel­la dei più pic­co­li

(...) può es­se­re le­ga­re la no­ti­zia sull’as­sen­tei­smo al­la no­ti­zia più gran­de e no­ta del gior­no, che nel no­stro ca­so è si­cu­ra­men­te l’esclu­sio­ne del­la na­zio­na­le dai Mon­dia­li do­po la scon­fit­ta con una no­tis­si­ma squa­dra scan­di­na­va, ora non ri­cor­do qua­le. Que­sto è un mo­do più dif­fi­ci­le di da­re la no­ti­zia, per­ché si ri­schia di pas­sa­re per sce­mi: ma non im­por­ta, a qual­cu­no pia­ce­rà sem­pre men­tre al­tri ti da­ran­no del­lo sce­mo co­mun­que. Ma fac­cia­mo de­gli esem­pi, an­zi, az­zar­dia­mo dei pos­si­bi­li ti­to­li. Ac­can­to a quel­li più gros­si sul­la di­sfat­ta azzurra, più di­scre­to, puoi piaz­za­re un clas­si­co “As­sen­tei­smo, il Mon­dia­le l’ab­bia­mo già vin­to”, e quin­di rac­con­ta­re i me­ri­ti e de­me­ri­ti dei 102 vi­vai italiani do­ve si for­ma il me­glio dei di­pen­den­ti pub­bli­ci. Pe­rò la pa­ro­la “Mon­dia­le” in pri­ma pa­gi­na sa­rà già mol­to usa­ta, quin­di si po­treb­be op­ta­re per il ti­to­lo “As­sen­tei­smo, a Lo­cri co­me la na­zio­na­le di Ventura: tut­ti a ca­sa”, op­pu­re, ri­ma­nen­do in te­ma, “As­sen­tei­sti co­me la na­zio­na­le di Ventura: gio­ca­va­no in ca­sa”. Ma non è gran­ché. Pa­re me­glio, in­ter­cet­tan­do un pro­ba­bi­le ple­bi­sci­to dal­le Al­pi a Ca­po Pas­se­ro, un “As­sen­tei­smi, cre­sce l’at­te­sa per quel­li di Ventura e Ta­vec­chio”. Ma an­che “Ventura”, in pri­ma pa­gi­na, sa­rà una pa­ro­la abu­sa­ta: in at­te­sa di non ve­der­la dav­ve­ro mai più. Quin­di si può en­tra­re più nel tec­ni­co, per esem­pio con “As­sen­tei­smo, è crisi: le par­ti­te az­zur­re non sa­ran­no più una scusa”, op­pu­re, an­co­ra, “As­sen­tei­smo, re­cord a Lo­cri, ma al Meaz­za pur­trop­po c’era­no tut­ti”. Per i gior­na­li mo­der­ni pos­so­no ri­sul­ta­re un po’ lun­ghet­ti, co­me ti­to­li: se hai po­che co­lon­ne, pe­rò, puoi sem­pre op­ta­re per un sin­te­ti­co “L’Ita­lia è fuori, l’im­pie­ga­to pu­re”.

Do­po aver este­nua­to la pa­zien­za del let­to­re, pe­rò, vi con­vie­ne da­re qual­che da­to se­rio: per esem­pio ri­cor­dan­do che que­sta clas­si­fi­ca dei pub­bli­ci as­sen­tei­sti è an­co­ra più in­te­res­san­te se si pen­sa che in que­sti gior­ni si av­via­no le trat­ta­ti­ve per il rin­no­vo del con­trat­to dei di­pen­den­ti. Beh, qui stia­mo par­lan­do di as­sen­ze che, com­pre­se le fe­rie, equi­val­go­no a 50,2 gior­ni la­vo­ra­ti­vi an­nui, con Pa­ler­mo in te­sta nel­la clas­si­fi­ca dei co­mu­ni che han­no ol­tre 1.000 di­pen­den­ti (58,9 gior­ni per di­pen­den­te) e La Mad­da­le­na, in Sar­de­gna, in te­sta (87,3 gior­ni) per i co­mu­ni che han­no tra i 100 e i 1.000 di­pen­den­ti. C’è il ci­ta­to ca­so Lo­cri, che ha po­co più di 12mi­la abi­tan­ti e un in­dub­bio pro­fes­sio­ni­smo tra ma­lat­tie, con­ge­di, per­mes­si e fe­rie: ri­pe­tia­mo, par­lia­mo di 99,4 gior­ni me­di in un an­no. A Con­do­fu­ri, sem­pre in zo­na Reg­gio Ca­la­bria, ci si fer­ma a 86,1 gior­ni, e a Riz­zi­co­ni, stes­sa zo­na, a 73,3. Pe­rò il pre­diu­di­zio ver­so il Sud ap­pa­re me­no giu­sti­fi­ca­to del so­li­to, quin­di il ti­fo­so nor­di­sta in­caz­za­to avrà me­no ra­gio­ni di sfo­go: l’Ita­lia as­sen­tei­sta è a mac­chia di leo­par­do. Nel sen­so: è ve­ro che Ca­la­bria e Si­ci­lia co­me al so­li­to mo­stra­no gli uf­fi­ci me­no af­fol­la­ti, ma Cam­pa­nia e Mo­li­se gua­da­gna­no pun­ti in di­re­zio­ne del­le so­li­te vir­tuo­se Lom­bar­dia, Ve­ne­to e To­sca­na. E ci so­no ca­si par­ti­co­la­ri: se è ve­ro che la me­no as­sen­tei­sta è ap­pun­to Bias­so­no (Mon­za e Brian­za, 14 gior­ni di as­sen­za me­di a te­sta, me­no del­le fe­rie), al co­mu­ne di Mus­so­me­li, vi­ci­no a Cal­ta­nis­set­ta, so­no po­chi di più: 18,1 gior­ni.

In­som­ma, è dif­fi­ci­le ri­ca­va­re re­go­le ge­ne­ra­li, a par­te qual­cu­na: nei co­mu­ni più pic­co­li, do­ve gli or­ga­ni­ci so­no gio­co­for­za più ri­dot­ti e c’è più spi­ri­to di squa­dra (l’as­sen­za di uno pe­sa su­gli al­tri) c’è un con­trol­lo re­ci­pro­co e tu guar­da, le as­sen­ze so­no mi­no­ri: 46,1 gior­ni in me­dia, fe­rie com­pre­se. E, tu guar­da, le as­sen­ze cre­sco­no in per­cen­tua­le al cre­sce­re del­le am­mi­ni­stra­zio­ni si­no a rag­giun­ge­re il mas­si­mo (51,4 gior­ni) do­ve i di­pen­den­ti so­no più di mil­le. Tra le peg­gio­ri ci so­no so­no Pa­ler­mo, Ca­glia­ri, Ca­ta­nia ma an­che To­ri­no; tra le mi­glio­ri, cioè con me­no as­sen­ze, ci so­no Milano, Ri­mi­ni ma an­che Na­po­li e Sa­ler­no. Le co­se stan­no cam­bian­do? È dif­fi­ci­le da di­re. Quel­la che sem­bra ri­ma­sta iden­ti­ca è una cer­ta pro­pen­sio­ne al ri­di­co­lo nel giu­sti­fi­ca­re le as­sen­ze. Quel­la del­la Na­zio­na­le non sa­rà mai per­do­na­ta, ma al­tro­ve si chie­de ve­nia: so­prat­tut­to da quan­do è pas­sa­ta la leg­ge sui li­cen­zia­men­ti iper­ve­lo­ci (en­tro 30 gior­ni) con un cer­to sput­ta­na­men­to per chi li su­bi­sce. L’an­no scor­so, quan­do a Fog­gia ar­re­sta­ro­no 13 di­pen­den­ti che tim­bra­va­no e poi usci­va­no, un con­si­glie­re co­mu­na­le chie­se di mo­stra­re cle­men­za per­ché i “la­vo­ra­to­ri” ave­va­no fa­mi­glia.

Ve­ro. In­fat­ti la mag­gior par­te tim­bra­va e tor­na­va su­bi­to a ca­sa, a cam­biar­si d’abi­to, do­ve ad ac­co­glier­li c’era­no pro­prio le fa­mi­glie, che sa­pe­va­no tut­to. Un po’, tan­to per for­za­re le co­se, co­me la Na­zio­na­le eli­mi­na­ta: da lun­go tem­po era­no in mol­ti, mol­tis­si­mi a sa­pe­re. Che fa­ce­va schi­fo. Ma fa­ce­va­no fin­ta di nien­te.

I RE­CORD

Tra i Co­mu­ni più as­sen­tei­sti ol­tre a Lo­cri e al­la Mad­da­le­na ci so­no an­che Con­do­fu­ri (Ca­la­bria) e Ter­ra­ci­na (La­zio). Tra i vir­tuo­si si se­gna­la­no Bias­so­no (Lom­bar­dia) e Cit­ta­no­va (Ca­la­bria)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.