Ventura scel­ta al ri­spar­mio che pa­ghia­mo ca­ris­si­ma

Libero - - Primo Piano - GIALUIGI PA­RA­GO­NE RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

«Fos­si in...». Ades­so tut­ti dan­no con­si­gli a Ta­vec­chio e so­prat­tut­to a Ventura, i qua­li si ri­tro­va­no so­li e or­fa­ni. Ma lì qual­cu­no li ha mes­si: il pri­mo evi­den­te­men­te per gio­chi di pa­laz­zo (an­che il cal­cio ha il suo pa­laz­zo), il se­con­do per­ché co­sta­va po­co, co­me spie­ga­ro­no a cal­do i re­gi­sti dell’ope­ra­zio­ne. Ov­via­men­te se que­ste so­no le lo­gi­che di par­ten­za il ca­po­li­nea non può che es­se­re un mu­ro do­ve schian­tar­ci do­po ses­sant’an­ni. Se ab­bia­mo bru­cia­to un mon­dia­le con la mon­ta­gna di sol­di di­ret­ta­men­te e in­di­ret­ta­men­te ge­ne­ra­ti dall’even­to, la col­pa va ol­tre la pan­chi­na e la pre­si­den­za.

Ta­vec­chio è quel che è, egli sa di quel mac­chiet­ti­smo che ne­gli an­ni Ot­tan­ta già ca­rat­te­riz­za­va mi­ti­ci pre­si­den­ti di so­cie­tà in se­rie A; ma era un al­tro cal­cio. Ta­vec­chio era ina­dat­to già pri­ma del­lo spa­reg­gio.

Idem Gian Pie­ro Ventura, al­le­na­to­re abi­tua­to a sta­re sul cam­po ogni gior­no coi suoi ra­gaz­zi, ca­pa­ce di co­strui­re sal­vez­ze, par­ti­ta do­po par­ti­ta, con squa­dre sem­pre nuo­ve per­ché ma­ga­ri il pez­zo pre­gia­to fi­ni­va sul mer­ca­to per fa­re cas­sa. Un ar­ti­gia­no, un ope­ra­io, un one­sto la­vo­ra­to­re che ha bi­so­gno di una cer­ta rou­ti­ne. Non po­te­va es­se­re l’al­le­na­to­re del­la na­zio­na­le che si gio­ca­va un po­sto ai mon­dia­li. Ha com­mes­so tan­ti er­ro­ri? Cer­to, co­me sem­pre ca­pi­ta ad un nor­ma­lis­si­mo al­le­na­to­re di me­tà clas­si­fi­ca (e lo di­co col mas­si­mo ri­spet­to). Ov­via­men­te non si va ai mon­dia­li con un al­le­na­to­re so­lo nor­ma­le, a mag­gior ra­gio­ne se poi la ro­sa cui at­tin­ge­re è o a fi­ne cor­sa o di me­dio­cre li­gnag­gio. In­som­ma, la som­ma di tan­ta nor­ma­li­tà e di tan­ta buo­na vo­lon­tà non ba­sta per strap­pa­re il mi­ni­mo ri­sul­ta­to.

Ventura, lo ri­pe­to, è sta­to scel­to per­ché co­sta­va po­co: po­co me­no di Mon­tel­la (che ad un cer­to pun­to di­ven­ne il suo pos­si­bi­le con­cor­ren­te; e a con­ti fat­ti il ri­sul­ta­to sa­reb­be sta­to il me­de­si­mo) e mol­tis­si­mo me­no di Ro­ber­to Man­ci­ni, il so­gno proi­bi­to per il do­po Con­te. Per Ventura non c’era il bo­nus del­le spon­so­riz­za­zio­ni, il cui stra­po­te­re è ca­pa­ce di in­fluen­za­re per­si­no le scel­te tec­ni­che. Le po­li­ti­che del brac­ci­no cor­to o il mo­del­lo low co­st chia­ma­te­lo co­me vo­le­te - so­no for­te­men­te alea­to­rie: sta­vol­ta ci è an­da­ta ma­le. E ben ci sta, ma non per col­pa di un al­le­na­to­re le cui ca­rat­te­ri­sti­che era­no e so­no no­te. Cer­to, Ventura e Ta­vec­chio se ne de­vo­no an­da­re, ma re­sta la do­man­da: con qua­le lo­gi­ca pen­sia­mo di ri­co­strui­re? Con la stes­sa?

Sen­to par­la­re di trop­pi stra­nie­ri nel cal­cio. Beh, quan­do an­dam­mo a Ber­li­no a vin­ce­re il Mon­dia­le l’In­ter già schie­ra­va una squa­dra to­tal­men­te di stra­nie­ri e ov­via­men­te guai a rom­pe­re il mi­ra­co­lo in­ter­na­zio­na­li­sta. E non era­no so­lo i ne­raz­zur­ri a pun­ta­re tut­te le fi­ches su­gli stra­nie­ri. Quin­di il pro­ble­ma non si può li­qui­da­re so­lo sul­le ro­se e sui vi­vai. Né ci si può im­pic­ca­re per le nuo­ve pro­prie­tà stra­nie­re: i cam­pio­na­ti in­gle­se e fran­ce­se han­no club di pro­prie­tà ara­be e rus­se ma non per que­sto og­gi pian­go­no.

Pian­gia­mo noi per­ché man­ca la pro­gram­ma­zio­ne po­li­ti­ca, per­ché vo­glia­mo muc­che con le mam­mel­le gon­fie di lat­te ma poi quel lat­te non lo gi­ria­mo ai fi­gli. Il cal­cio ita­lia­no sof­fre per­ché le plu­sva­len­ze so­no più im­por­tan­ti de­gli al­le­na­to­ri, per­ché i bi­lan­ci so­no più im­por­tan­ti del va­lo­re reale del­le ro­se, per­ché gli sta­di di­ven­ta­no mer­ce di scam­bio su ben al­tri ta­vo­li. Ab­bia­mo scel­to un di­ri­gen­te ac­co­mo­dan­te e un al­le­na­to­re per­ché co­sta­va po­co? E ades­so pa­ghia­mo ca­ra que­sta scel­ta, per­ché in un mo­men­to di crisi quel vo­la­no avreb­be fat­to co­mo­do. A tut­ti.

L’Ita­lia ha bi­so­gno di bri­glia sciol­ta, ha bi­so­gno di in­ve­sti­men­ti pub­bli­ci pe­san­ti. An­che nel­lo sport do­ve qua­si tut­te le na­zio­na­li so­no fuori dai gio­chi che con­ta­no! L’Ita­lia non ha bi­so­gno di ri­go­re te­de­sco, sia­mo sem­pre sta­ti un’altra co­sa. È un pae­se che ha pau­ra, che am­maz­za im­pre­sa e la­vo­ro. Co­sa c’en­tra col pal­lo­ne? C’en­tra per­ché i nuo­vi pa­dro­ni del pal­lo­ne so­no e sa­ran­no sem­pre più sog­get­ti fi­nan­zia­ri o mul­ti­mi­liar­da­ri stra­nie­ri. Il cuo­re e la cor­sa non ba­sta­no quan­do non c’è un re­gi­sta ca­pa­ce di far gi­ra­re il pal­lo­ne. Ag­giun­go - e chiu­do con un’ul­ti­ma con­si­de­ra­zio­ne: se dav­ve­ro il pian­to e le pa­ro­le di Buffon ci han­no col­pi­to, al­lo­ra stam­pa­te­ve­le be­ne in men­te: Buffon non ha sca­ri­ca­to nes­su­no e so­prat­tut­to non ha det­to ai più giovani che so­no vi­zia­ti o sfa­ti­ca­ti, a dif­fe­ren­za di una vul­ga­ta co­mu­ne e dif­fu­sa per cui i giovani so­no so­lo dei vi­zia­ti. Co­me ho già scrit­to mil­le vol­te: i vi­zia­ti non han­no età.

Se il cal­cio è una me­ta­fo­ra del pae­se, al­lo­ra ba­sta con i mo­del­li low co­st, ba­sta con la po­li­ti­ca del brac­ci­no cor­to, ba­sta con l’au­ste­ri­ty che fa gi­ra­re i sol­di so­lo do­ve non ser­vo­no. Ba­sta con le mul­ti­na­zio­na­li che ci met­to­no il gra­no al­tri­men­ti si sta fer­mi. A noi la scel­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.