Il gri­do del ta­bac­ca­io: i la­dri ci han­no mes­so in gi­noc­chio

Libero - - Attualità -

So­no sta­ti ra­pi­na­ti e chie­do­no scusa ai clien­ti. Gian­car­lo e Lu­cia so­no i ti­to­la­ri di una ta­bac­che­ria ad Asti, do­ve ora è com­par­so un car­tel­lo sul­la ve­tri­na: «Chie­dia­mo scusa al­la clien­te­la per i di­sa­gi. Due furti e una ra­pi­na ci han­no mes­so in gi­noc­chio, scu­sa­te se non riu­scia­mo a ser­vir­vi me­glio», scri­vo­no. «Tre ra­pi­ne in tre an­ni so­no trop­pe, l’ul­ti­ma sei gior­ni fa», spie­ga il ti­to­la­re, «un in­cu­bo». Ep­pu­re lui chie­de scusa ai clien­ti per­ché, spie­ga, «se non pa­ghi ti stac­ca­no tut­to e non hai più ser­vi­zi: il clien­te non tro­va quel­lo che vuo­le e va via, giu­sta­men­te ar­rab­bia­to, e non tor­na più. Le scu­se so­no do­ve­ro­se». E ag­giun­ge: «So­no di­spe­ra­to, se nes­su­no mi aiu­ta sa­rò co­stret­to a chiu­de­re». Sul web par­te la mobilitazione.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.