Quan­do Ste­ve Jobs fre­ga­va i di­scor­si a Sid­d­har­ta

A Stan­ford il pa­pà di Ap­ple co­piò il Bud­d­ha, To­ro se­du­to ar­rin­ga­va rac­con­tan­do i so­gni Da­gli it­ti­ti a Oba­ma: un li­bro ana­liz­za le gran­di ora­zio­ni che han­no cam­bia­to la sto­ria

Libero - - Le Lettere - LU­CA ROS­SI VERBA VO­LANT

Ci so­no pa­ro­le che fan­no la Sto­ria, che re­sta­no scol­pi­te nel­la men­te, che re­sta­no quan­do il cor­po vie­ne rot­ta­ma­to e gui­da­no le ge­ne­ra­zio­ni suc­ces­si­ve.

Ne sa qual­co­sa Gian­lu­ca Lio­ni che ha rac­col­to in un li­bro i mi­glio­ri di­scor­si del pro­gram­ma Rai I gran­di di­scor­si del­la sto­ria di cui è sta­to con­su­len­te. As­sie­me a Mi­che­le Fi­na ha rac­col­to i mi­glio­ri, I gran­di di­scor­si che han­no cam­bia­to la Sto­ria (New­ton & Comp­ton, 320 pa­gi­ne, eu­ro 10) Si leg­ge co­me un ro­man­zo, ma è tut­to ve­ro, 3600 an­ni di sto­ria sul­le fa­vel­le dei mi­glio­ri par­la­to­ri, dai più fa­mo­si agli im­pro­ba­bi­li, un ve­ro e pro­prio in­no al­la buo­na re­to­ri­ca.

C'è Ste­ve Jobs con il suo ce­le­bre di­scor­so di Stan­ford, con il toc­co di lau­rea, fuo­ri­cor­so cro­ni­co di successo, fre­sco di duo­de­noen­ce­fa­li­pan­crea­sec­to­mia fe­ce il ce­le­bre di­scor­so del­lo Stay hun­gry, stay foo­li­sh, («sia­te af­fa­ma­ti, sia­te fol­li») già con la vo­ce di un to­no più bas­so. La vo­ce di Ste­ve, già pri­ma non ba­ri­to­no, si sa­reb­be an­co­ra ab­bas­sa­ta fi­no a un sus­sur­ro nell'ul­ti­mo Key­no­te do­ve bran­di­va il mi­cro­sco­pi­co scher­mo di iPho­ne 4 che nel­la sua ma­ni­na fan­ta­sma­ti­ca sem­bra­va enor­me, qua­si un mil­len­nio in­for­ma­ti­co fa. L'ul­ti­mo Ste­ve Jobs è una mo­der­na ico­na bi­zan­ti­na stam­pa­ta 3d nei no­stri neu­ro­ni, ma non da me­no la stra­na cop­pia Kru­scev - Ken­ne­dy, che nell'im­ma­gi­na­rio si mi­nac­cia­no an­co­ra da un ca­po all'al­tro del mondo con i mis­si­li so­vie­ti­ci al lar­go di Cu­ba. Ma Kru­scev, con­tra­rio al cul­to del­la per­so­na­li­tà isti­tui­to dal pre­de­ces­so­re baf­fo­ne, quel­lo che era so­li­to mi­nac­cia­re il par­ti­to con il fucile, sa­reb­be sta­to con­tra­rio al­la ca­no­niz­za­zio­ne di­gi­ta­le di Jobs co­me a quel­la lai­ca di Sta­lin. En­tram­bi pe­rò, il “pre­si­den­te ber­li­ne­se” che so­gna­va d'in­fran­ge­re la fron­tie­ra spaziale co­me quel­la che al chec­k­point Char­lie ta­glia­va Ber­li­no ce l'uo­mo del di­sge­lo era­no con­cor­di su una co­sa: par­la­re in pub­bli­co e far­lo be­ne, co­sti­tui­va il 90% del la­vo­ro di un pre­si­den­te o di un pro­fe­ta. Ne sa qual­co­sa Mao­met­to che nel­la val­le di Ara­fat ar­rin­ga la fol­la di fe­de­li, del Co­ra­no non dell' iPho­ne, ri­cor­dan­do lo­ro di tra­smet­te­re que­ste pa­ro­le ai lo­ro di­scen­den­ti:non ci sa­reb­be sta­to un al­tro pro­fe­ta.

Lui si era por­ta­to avan­ti con il la­vo­ro aven­do con­trat­to no­ve ma­tri­mo­ni e di­ver­si fi­gli che dif­fon­de­ran­no la fe­de dell' an­zia­no pa­dre. Per­ché i pa­ren­ti so­no spes­so ser­pen­ti, ne sa­pe­va qual­co­sa il so­vra­no it­ti­ta Hat­tu­ši­li I che nel 1620 AC do­po aver met­to sot­to scat­to Ba­bi­lo­nia e aver scon­fit­to Ram­ses II si ri­tro­va A si­ni­stra, Cha­plin nel di­scor­so fi­na­le del «Gran­de dit­ta­to­re». Sot­to, il di­scor­so di Ste­ve Jobs agli stu­den­ti; il li­bro; il di­scor­so del­la mon­ta­gna da «Il re dei re»

con due fi­gli bam­boc­cio­ni che non san­no ge­sti­re il suo impero im­men­so. Il ni­po­te La­bar­naš è avi­do e non sa par­la­re al­la fol­la e quin­di lo met­te ai do­mi­ci­lia­ri. Il ni­po­te Mur­ši­li pro­met­te be­ne, ma non è ben vi­sto dal con­si­glio de­gli an­zia­ni. Il re de­ve fa­re un ul­ti­mo gran­de di­scor­so, e rac­co­man­da il ni­po­ti­no co­me ul­ti­ma scel­ta: «Ave­vo pro­cla­ma­to mio ni­po­te La­bar­naš mio fi­glio, ma ora è sta­to di­se­re­da­to… Il mio nuo­vo fi­glio è Mur­ši­li, è lui il vo­stro nuo­vo re. Pro­teg­ge­te­lo e aiu­ta­te­lo». Co­me a di­re: sem­pre me­glio sce­glie­re il mi­no­re dei ma­li, mi­no­re per­ché più gio­va­ne, ma il vec­chio re ave­va ra­gio­ne: il pic­co­li­no ci sa­prà fa­re, co­me Ste­ve Jobs ave­va vi­sto giu­sto eleg­gen­do il pic­co­lo Tim Cook CEO-sa­cer­do­te del­la re­li­gio­ne del­la me­la.

È un gio­co di equi­li­brio, un buon di­scor­so: è una pen­nel­la­ta di gri­gio uni­for­me tra il bian­co e il ne­ro, «la vi­ta me­dia che of­fre vi­sio­ne e sa­pien­za e por­ta al­la pa­ce e all'il­lu­mi­na­zio­ne, pas­san­do at­tra­ver­so la sof­fe­ren­za» que­sta l'hip­py di Cu­per­ti­no l'ha ru­ba­ta al di­scor­so di Va­ra­na­si di Sid­d­har­tha Gau­ta­ma,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.