Il fu­mo uc­ci­de se la si­ga­ret­ta è elet­tro­ni­ca

In Usa 38en­ne muo­re per l’esplosione di un di­spo­si­ti­vo “mo­di­fi­ca­to”. Due pez­zi del ri­ve­sti­men­to nel cra­nio

Libero - - Da Prima Pagina - Di GIOR­DA­NO TEDOLDI

Il 5 mag­gio 2018 di­ver­rà, a suo mo­do, una da­ta sto­ri­ca. È il gior­no del­la pri­ma mor­te da fu­mo, ma non ov­via­men­te fu­mo di ta­bac­co, aspi­ra­to da una si­ga­ret­ta clas­si­ca, ma di si­ga­ret­ta elet­tro­ni­ca. La vit­ti­ma è un pro­dut­to­re te­le­vi­si­vo di 38 an­ni, si chia­ma Tall­mad­ge D’Elia, e se ne sta­va (...)

(...) nel­la sua ca­sa di Saint Pe­ter­sburg, Flo­ri­da, fu­man­do una “va­pe pen”, una si­ga­ret­ta elet­tro­ni­ca, pe­rò di un ti­po par­ti­co­la­re chia­ma­to me­cha­ni­cal mod, mol­to ap­prez­za­to da­gli ap­pas­sio­na­ti, che con­sen­te di col­le­ga­re in mo­do più di­ret­to l’ato­miz­za­to­re (la par­te del­la si­ga­ret­ta elet­tro­ni­ca che va­po­riz­za il li­qui­do) al­la bat­te­ria. Un col­le­ga­men­to più stret­to che va a spe­se dei cir­cui­ti di si­cu­rez­za - pre­sen­ti nel­le si­ga­ret­te elet­tro­ni­che nor­ma­li - che re­go­la­no il vol­tag­gio del­la bat­te­ria e che spen­go­no au­to­ma­ti­ca­men­te la si­ga­ret­ta elet­tro­ni­ca quan­do si sur­ri­scal­da, pro­prio per evi­ta­re esplo­sio­ni che, del re­sto, so­no av­ve­nu­te an­che per al­tri di­spo­si­ti­vi for­ni­ti di bat­te­rie al li­tio, co­me cellulari e com­pu­ter por­ta­ti­li. Gli ap­pas­sio­na­ti preferiscono i me­cha­ni­cal mods per­ché da­reb­be­ro un mag­gio­re volume di va­po­re e, per ot­te­ne­re il pia­ce­re di im­mer­ger­si in una bel­la nuvola aro­ma­tiz­za­ta evi­den­te­men­te so­no di­spo­sti a cor­re­re dei ri­schi, da­to che i si­ti di ven­di­ta di que­sti me­cha­ni­cal mods spes­so av­vi­sa­no che si trat­ta di pro­dot­ti “non adat­ti ai prin­ci­pian­ti” e, so­prat­tut­to, non re­go­la­men­ta­ti e pri­vi di ac­cor­gi­men­ti di si­cu­rez­za.

RI­SCHIO ELE­VA­TO

Il bi­lan­cio è ab­ba­stan­za pre­oc­cu­pan­te: dal 2009 al 2016 in Ame­ri­ca, se­con­do un rap­por­to del­la US Fi­re Ad­mi­ni­stra­tion, l’agen­zia fe­de­ra­le su­gli in­cen­di, ci so­no sta­ti 195 ca­si di in­cen­di o esplo­sio­ni le­ga­ti al­le si­ga­ret­te elet­tro­ni­che, che ov­via­men­te, per il sem­pli­ce fat­to di met­te­re la bat­te­ria a stret­to con­tat­to con la fac­cia del con­su­ma­to­re, rap­pre­sen­ta­no un ri­schio più ele­va­to. Ma fi­no­ra non si era mai ve­ri­fi­ca­to un in­ci­den­te mor­ta­le. In que­sto ca­so, il con­ge­gno è let­te­ral­men­te esplo­so in fac­cia al-

l’uomo, pro­vo­can­do tra l’al­tro un in­cen­dio nel­la ca­me­ra da let­to in cui è stato ri­tro­va­to con bru­cia­tu­re sull’80 per cen­to del cor­po.

La cau­sa del­la mor­te è sta­ta chia­ri­ta dall’au­top­sia in “fe­ri­ta da pro­iet­ti­le al­la te­sta”, do­ve il pro­iet­ti­le è co­sti­tui­to dal­la si­ga­ret­ta an­da­ta in pez­zi, che ha tra­pas­sa­to il cra­nio ed è pe­ne­tra­ta nel cer­vel­lo. Dal­la te­sta del­la vit­ti­ma, in­fat­ti, è sta­ta ri­mos­sa una scheg­gia che re­ca il lo­go del­la Smok-e Moun­tain Me­ch Works, con se­de nel­le Fi­lip­pi­ne, no­ta fab­bri­ca di me­cha­ni­cal mods. C’è da di­re che il ca­so di esplosione di una bat­te­ria al li­tio è mol­to ra­ro, e che le nor­ma­li si­ga­ret­te elet­tro­ni­che, non i me­cha­ni­cal mods, so­no con­si­de­ra­ti si­cu­ri pro­prio per i mi­cro­chip di si­cu­rez­za che quel­li non han­no. Ma già nel rap­por­to del­la USFA ci­ta­to so­pra, si av­ver­ti­va del­la mag­gio- re pe­ri­co­lo­si­tà del­le bat­te­rie al li­tio nel­le si­ga­ret­te elet­tro­ni­che, ri­spet­to a quel­le in­stal­la­te in al­tri di­spo­si­ti­vi. Un mag­gio­re ri­schio so­prat­tut­to do­vu­to, co­me det­to, al fat­to che la si­ga­ret­ta è a stret­to con­tat­to con una par­te vi­ta­le co­me la fac­cia, ma in par­te a una so­spet­ta (ma non pro­va­ta in ef­fet­ti) pro­pen­sio­ne del­le bat­te­rie a esplo­de­re più fa- cil­men­te.

LE­SIO­NI GRA­VI

Sta di fat­to che, an­che se quel­lo di Tall­mad­ge D’Elia è il pri­mo de­ces­so, in ca­si pre­ce­den­ti le le­sio­ni ri­por­ta­te dai fu­ma­to­ri di si­ga­ret­te elet­tro­ni­che in cui la bat­te­ria è esplo­sa so­no state mol­to gra­vi. Quan­to ai be­ne­fi­ci del­le si- ga­ret­te elet­tro­ni­che i da­ti pos­so­no es­se­re let­ti in mo­do ne­ga­ti­vo, evi­den­zian­do che le si­ga­ret­te elet­tro­ni­che at­ti­ra­no con gran­de fa­ci­li­tà so­prat­tut­to i ra­gaz­zi e que­sto po­treb­be in­dur­li a fu­ma­re si­ga­ret­te nor­ma­li in se­gui­to, e dall’al­tra par­te, in po­si­ti­vo, che ben­ché cau­sa di di­pen­den­za, le si­ga­ret­te elet­tro­ni­che ov­via­men­te non espon­go­no i frui­to­ri a so­stan­ze co­sì tos­si­che co­me i nor­ma­li fu­ma­to­ri.

A ogni mo­do, al­la luce di quel­lo che si sa di que­sto pri­mo ca­so mor­ta­le, bisogna rac­co­man­da­re di usa­re so­lo si­ga­ret­te elet­tro­ni­che re­go­la­ri, si­cu­re, evi­tan­do as­so­lu­ta­men­te pro­dot­ti che, co­me quel­la che è esplo­sa, pre­ten­do­no di “can­cel­la­re il con­fi­ne tra si­ga­ret­ta elet­tro­ni­ca e ar­te”, e in real­tà po­treb­be­ro can­cel­la­re so­lo quel­lo tra la vi­ta e la mor­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.