Po­ve­ri noi, il peg­gio de­ve ar­ri­va­re

Libero - - Primo Piano - PAO­LA TOM­MA­SI RIPRODUZIONE RISERVATA

Al­la fi­ne di que­sta gio­stra, Mat­teo Sal­vi­ni e Lui­gi Di Ma­io ac­cet­te­ran­no i pa­let­ti del Qui­ri­na­le e dell’Unio­ne Eu­ro­pea? Per lo­ro si­gni­fi­che­reb­be non so­lo sna­tu­ra­re il pro­gram­ma di go­ver­no ma so­prat­tut­to svuo­ta­re i ri­spet­ti­vi par­ti­ti del­la lo­ro ve­ra iden­ti­tà.

Di Ma­io non ci pen­se­rà due vol­te, vi­sta l’oc­ca­sio­ne ir­ri­pe­ti­bi­le di an­da­re al go­ver­no e ma­ga­ri fa­re ad­di­rit­tu­ra il pre­mier. Ma a Sal­vi­ni con­vie­ne sper­pe­ra­re il patrimonio di vo­ti e di idee buo­ne su cui ha la­vo­ra­to tut­ti que­sti an­ni? Ha già ce­du­to tan­to al Mo­vi­men­to 5 Stel­le, vi­sto che, per esem­pio, la Flat tax nel pro­gram­ma è mol­to an­nac­qua­ta, im­pos­si­bi­le da realizzarsi se il Mi­ni­ste­ro dell’Economia an­drà a un gril­li­no, che pri­vi­le­ge­rà il red­di­to di cit­ta­di­nan­za, o a un tec­ni­co, co­me vor­reb­be il Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la. Nel­le trat­ta­ti­ve Sal­vi­ni sta pun­tan­do tut­to sul­la si­cu­rez­za, met­ten­do da par­te gli al­tri suoi sto­ri­ci ca­val­li di bat­ta­glia. D’al­tron­de, la Le­ga da so­la nel­la mag­gio­ran­za di go­ver­no che si sta per for­ma­re pe­sa la me­tà del Mo­vi­men­to 5 Stel­le e non ha grandi mar­gi­ni di azio­ne: è de­sti­na­ta a soc­com­be­re.

Al di là dell’an­da­men­to del­lo spread di que­sti gior­ni e dei mer­ca­ti, che in real­tà han­no già scon­ta­to un even­tua­le go­ver­no Le­ga-gril­li­ni e, sal­vo qual­che pic­co di ten­sio­ne, so­no sta­ti buo­ni an­che nel­le ore di mag­gio­re stal­lo, è stato lo stes­so Sil­vio Ber­lu­sco­ni da So­fia mer­co­le­dì a di­chia­ra­re che da par­te dell’Eu­ro­pa c’è la mas­si­ma vo­lon­tà ad aiu­ta­re la for­ma­zio­ne di un go­ver­no in Ita­lia. Ma un go­ver­no che fac­cia quel­lo che pia­ce a lo­ro. Se co­sì non sa­rà, si sca­te­ne­ran­no con­tro: non lo fa­ran­no nean­che na­sce­re o lo fa­ran­no vi­ve­re po­co e ma­le. Ab­bia­mo avu­to i pri­mi as­sag­gi mar­te­dì, quan­do una ma­ni­na non an­co­ra ben iden­ti­fi­ca­ta ha fat­to cir­co­la­re la boz­za di “Con­trat­to di go­ver­no” che è ar­ri­va­ta all’Huf­fing­ton Po­st e ha sca­te­na­to l’in­fer­no, fi­no a che i pun­ti og­get­to del­le cri­ti­che eu­ro­pee non so­no sta­ti cor­ret­ti, ad­dol­ci­ti, smus­sa­ti.

C’è da di­re che an­che i due lea­der ci han­no mes­so del lo­ro, con di­chia­ra­zio­ni af­fret­ta­te e inop­por­tu­ne più vol­te al gior­no, a mer­ca­ti aper­ti, in­con­sa­pe­vo­li, o for­se no, del fat­to che avreb­be­ro avu­to ri­fles­si sull’an­da­men­to del­la Bor­sa ita­lia­na. L’idea di ren­de­re pub­bli­che tan­te ver­sio­ni del con­trat­to non è sta­ta pro­prio ge­nia­le, pre­stan­do il fian­co al­le cri­ti­che. I fal­si an­nun­ci di aver chiu­so si so­no ri­ve­la­ti un boo­me­rang: pri­ma do­me­ni­ca se­ra, quan­do in­ve­ce lu­ne­dì si è chie­sto ul­te­rio­re tem­po al Qui­ri­na­le; poi mer­co­le­dì, quan­do in­ve­ce i pun­ti sa­lien­ti era­no an­co­ra evi­den­zia­ti in rosso e ben lon­ta­ni dall’es­se­re ri­sol­ti; fi­no a ieri, quan­do non c’era an­co­ra l’ac­cor­do sui no­mi del­la squa­dra di go­ver­no, il che vuol di­re non ave­re chiu­so pro­prio nien­te.

Un at­teg­gia­men­to che è ov­vio ven­ga va­lu­ta­to ma­le dall’Eu­ro­pa. Piut­to­sto i due con­traen­ti avreb­be­ro do­vu­to chiu­der­si in Con­cla­ve e apri­re boc­ca so­lo da­van­ti al Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca, una vol­ta de­fi­ni­to tut­to nei mi­ni­mi det­ta­gli. An­che per as­si­cu­rar­si la du­ra­ta di que­sta av­ven­tu­ra. Al con­tra­rio, il Con­trat­to è pie­no zep­po di bel­lis­si­me enun­cia­zio­ni di prin­ci­pio ma non de­cli­na­te nei par­ti­co­la­ri, per cui è fa­ci­le es­se­re d’ac­cor­do og­gi in li­nea di mas­si­ma, ma quan­do ci sa­rà da tra­dur­re quel­le idee va­ghe in leggi spe­ci­fi­che sa­ran­no guai. Non ba­sta pre­ve­de­re un inac­cet­ta­bi­le “Co­mi­ta­to di con­ci­lia­zio­ne” che di­ri­ma le liti o il vin­co­lo di man­da­to per i par­la­men­ta­ri, per in­tro­dur­re il qua­le nel no­stro or­di­na­men­to ser­vi­reb­be una modifica dell’ar­ti­co­lo 67 del­la Co­sti­tu­zio­ne.

Al­lo­ra sì che, ve­den­do li­ti­gio­si­tà nel go­ver­no, Ue e mer­ca­ti po­tran­no sbiz­zar­rir­si. Giu­ste o sba­glia­te che sia­no le lo­ro idee, que­sta stra­na mag­gio­ran­za gial­lo-verde de­ve mo­strar­si com­pat­ta. Men­tre nei lun­ghi gior­ni del­le trat­ta­ti­ve spes­so la Le­ga ha smen­ti­to i gril­li­ni e vi­ce­ver­sa. Sal­vi­ni e Di Ma­io stan­no cer­can­do in tut­ti i mo­di di sca­val­car­li, ma i fat­to­ri Eu­ro­pa e Qui­ri­na­le pe­sa­no mol­to di più di quan­to es­si stes­si pen­sa­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.