Spo­po­la la pil­lo­la del gior­no do­po

Una stu­den­tes­sa su 5 la usa co­me an­ti­con­ce­zio­na­le men­tre gli abor­ti di­mi­nui­sco­no

Libero - - Attualità - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ado­le­scen­ti ita­lia­ni scar­seg­gia­no in edu­ca­zio­ne ses­sua­le, ma co­no­sco­no be­nis­si­mo la co­sid­det­ta “pil­lo­la del gior­no do­po”. Se­con­do uno stu­dio, rea­liz­za­to a Pa­do­va, su cir­ca 1500 studenti di una ven­ti­na di scuole su­pe­rio­ri, una gio­va­ne su cin­que - esat­ta­men­te il 21% - ha usa­to la pil­lo­la del gior­no do­po. Il da­to è stato pre­sen­ta­to al con­ve­gno su “Il di­sa­gio gio­va­ni­le e la sua pre­ven­zio­ne”, or­ga­niz­za­to a Pa­do­va e pre­sie­du­to da Car­lo Fo­re­sta, do­cen­te di En­do­cri­no­lo­gia dell’Uni­ver­si­tà pa­ta­vi­na e dal­la col­le­ga Mar­ta Ghi­si, do­cen­te di Psi­co­lo­gia Cli­ni­ca.

«Que­sto è un dram­ma­ti­co in­di­ce di man­can­za di edu­ca­zio­ne ses­sua­le», di­ce Fo­re­sta. «La pil­lo­la del gior­no do­po non può e non de­ve es­se­re con­si­de­ra­ta un an­ti­con­ce­zio­na­le». D’al­tro can­to, il trend na­zio­na­le è quel­lo del­la di­mi­nu­zio­ne degli abor­ti vo­lon­ta­ri e all’au­men­to dell’ac­qui­sto di pil­lo­le abor­ti­ve.

«Se­con­do i da­ti re­si no­ti dal mi­ni­ste­ro del­la Sa­lu­te - in­cal­za Fo­re­sta - nel 2016 men­tre il nu­me­ro di in­ter­ru­zio­ni vo­lon­ta­rie di gra­vi­dan­za è stato di 84.926 ca­si, il 3,1% in me­no ri­spet­to al 2015, le ven­di­te del­la “pil­lo­la dei 5 gior­ni do­po” han­no rag­giun­to quo­ta 189.589: 145.101 era­no le con­fe­zio­ni di­stri­bui­te nel 2015, 16.797 nel 2014, 11.915 nel 2013 e 7.796 nel 2012. Il rial­zo ri­guar­da an­che la pil­lo­la del gior­no do­po, il “Le­vo­nor­ge­strel”. Nel 2016 ne so­no state ven­du­te 214.532 con­fe­zio­ni. Mol­te di più ri­spet­to al 2015, an­no in cui ne so­no state ven­du­te 161.888». L’in­da­gi­ne è sta­ta con­dot­ta su 1.426 studenti tra i 18 e i 21 an­ni che fre­quen­ta­no i di­cian­no­ve isti­tu­ti su­pe­rio­ri di Pa­do­va e pro­vin­cia (825 ma­schi e 601 don­ne). Eb­be­ne, le stu­den­tes­se che han­no uti­liz­za­to la pil­lo­la del gior­no do­po ri­fe­ri­sco­no inol­tre, ri­spet­to al­le lo­ro coe­ta­nee, una mag­gio­re gam­ma di com­por­ta­men­ti a ri­schio, di­ce Fo­re­sta. In ter­mi­ni di dif­fe­ren­ze di ge­ne­re, in­fi­ne, i ma­schi ri­fe­ri­sco­no di ave­re re­la­zio­ni me­no sta­bi­li e una mag­gio­re ten­den­za ad ave­re partner mul­ti­pli (12% per i ma­schi con­tro il 4,4% del­le fem­mi­ne).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.