Buffon cer­ca un po­sto

Il por­tie­re do­ma­ni gio­ca l’ul­ti­ma con la Ju­ve, pe­rò tie­ne aper­ta la pos­si­bi­li­tà di fa­re un’espe­rien­za all’este­ro pri­ma di di­ven­ta­re un di­ri­gen­te bian­co­ne­ro

Libero - - Spettacoli - FA­BRI­ZIO BIASIN A CUO­RE APER­TO DI BIA­GIO TOR­NA ALL’U21 NON IN ITA­LIA RIPRODUZIONE RISERVATA

E ven­ne il gior­no. Buffon con­vo­ca la con­fe­ren­za più com­pli­ca­ta del­la sua vi­ta. E di­ce ad­dio. Più o me­no. Ad­dio al­la Ju­ve, do­po 17 an­ni, il re­sto si ve­drà. La con­fe­ren­za ini­zia e ti ac­cor­gi che il 40en­ne por­tie­re ha or­ga­niz­za­to tut­to quan­to in ri­spet­to al suo club, ma con­tro quel che sen­te. Non vuo­le mi­ca smet­te­re, Gi­gi. E lo ca­pi­sci da quel che di­ce e da «co­me» lo di­ce.

Pa­ro­le sue: «È una gior­na­ta per me par­ti­co­la­re, ric­ca di emo­zio­ni, ma ci ar­ri­vo con tan­ta se­re­ni­tà, fe­li­ci­tà e ap­pa­ga­men­to», e «sa­ba­to sa­rà la mia ul­ti­ma par­ti­ta con la Ju­ven­tus, cre­do sia il mo­do mi­glio­re per fi­ni­re que­sta gran­dis­si­ma av­ven­tu­ra», e «la mia pau­ra era ar­ri­va­re al­la fi­ne del­la mia sto­ria con la Ju­ve da sop­por­ta­to, da gio­ca­to­re che ha fu­so il mo­to­re. For­tu­na­ta­men­te non è co­sì», e «co­sa fa­rò? Fi­no a 15 gior­ni fa ero si­cu­ro di smet­te­re di gio­ca­re, mi sen­ti­vo già un ex cal­cia­to­re con tan­to di me­si dif­fi­ci­li per ela­bo­ra­re il “lut­to”. Ades­so pe­rò so­no ar­ri­va­te pro­po­ste mol­to in­te­res­san­ti sia per re­sta­re in cam­po che fuo­ri», e «di cer­to non vo­glio fi­ni­re la car­rie­ra in cam­pio­na­ti di ter­za e quar­ta fa­scia, so­no un ani­ma­le da com­pe­ti­zio­ne, lì non po­trei vi­ve­re. Se de­ci­des­si di con­ti­nua­re sa­reb­be so­lo per grandi tra­guar­di», e «squa­dre ita­lia­ne? Non se ne parla», e «la Na­zio­na­le? Se Buffon era un pro­ble­ma tre me­si fa, fi­gu­ria­mo­ci ades­so. L’Ita­lia ha grandi e gio­va­ni por­tie­ri che è giu­sto fac­cia­no le lo­ro espe­rien­ze», e «la pro­po­sta più im­por­tan­te me l’ha fat­ta An­drea Agnel­li». A quel pun­to in­ter­vie­ne pro­prio il pre­si­den­tis­si­mo bian­co­ne­ro: «Qual­sia­si ruo­lo qui, pas­sa da una se­ria for­ma­zio­ne, che è quel­lo che gli ho pro­spet­ta­to». Le­git­ti­mo.

Que­sto sun­to del­le chiacchiere «a cuo­re aper­to» grif­fa­te Buffon, pe­rò, non ren­de af­fat­to l’idea. Gi­gi parla e di­ce la ve­ri­tà, ma è una real­tà evi­den­te­men­te «fil­tra­ta», che non rac­con­ta tut­to. Non ab­bia­mo pro­ve, tut­ta­via ci sem­bra di po­ter di­re che se fos­se so­lo una que­stio­ne del ge­ne­re «de­ci­di tu», Buffon si ter­reb­be stret­ta la sua por­ta, per­ché si sen­te an­co­ra «in gra­do» o an­che sem­pli­ce­men­te per­ché non ha an­co­ra vo­glia di pog­gia­re il cu­lo [Ju­ven­tus.com] su una qual­che pol­tro­na.

In ca­sa Ju­ve, pe­rò, cer­te «bat­ta­glie» è me­glio non com­bat­ter­le: se ti im­po­ni ri­schi che ti ven­ga pre­clu­so un fu­tu­ro nel club (ve­di Del Pie­ro), se ac­cet­ti di far­ti da par­te nes­su­no ti ne­ghe­rà una pol­tro­na. A Gi­gi ac­ca­drà pro­prio que­sto, ma quan­do? Se per gli esper­ti l’op­zio­ne «scri­va­nia» è la più pro­ba­bi­le ( Si­sal Mat­ch­point la quo­ta 2.50, con­tro il 4.50 re­la­ti­vo a un ruo­lo in az­zur­ro), la sen­sa­zio­ne è che al mo­men­to lui pre­fe­ri­sca con­ti­nua­re a fre­quen­ta­re gli spo­glia­toi.

Il pro­ble­ma è ca­pi­re «do­ve»: la Pre­mier sem­bra un’op­zio­ne dif­fi­ci­le, la Li­ga pu­re. Non è im­pos­si­bi­le ra­gio­na­re sul Psg (se­co­no le Pa­ri­sien i fran­ce­si avreb­be­ro of­fer­to un bien­na­le) o sul­la Bun­de­sli­ga. Nes­su­na pos­si­bi­li­tà, in­ve­ce, per ci­ne­si, ara­bi, in­dia­ni e ame­ri­ca­ni: Gi­gi va avan­ti an­che per una que­stio­ne di quat­tri­ni (non fan­no schi­fo a nes­su­no, quin­di nep­pu­re a lui), ma spe­ra di vin­ce­re an­co­ra qual­co­sa di im­por­tan­te. For­se la que­stio­ne è tut­ta lì: Buffon e la Ju­ve si la­scia­no «be­ne», ma men­tre il club pen­sa che sia giu­sto per­ché «Szc­ze­sny ora è me­glio», lui cre­de di non es­se­re se­con­do a nes­su­no. Che ab­bia ra­gio­ne op­pu­re no, ab­bia­mo so­lo una cer­tez­za: uno con una car­rie­ra co­me la sua, ha il di­rit­to di fa­re quel­lo che gli pa­re.

Gi­gi Buffon, 40 an­ni, an­nun­cia il suo ad­dio al­la Ju­ve, m a non al cal­cio: a To­ri­no ha vin­to 9 scu­det­ti e 4 Cop­pe Ita­lia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.