— Ka­tie Loc­khart

STY­LI­ST

Living - - Contributors -

Auc­kland, 1977 —é ser­vi­zio a pag. Es­se­re na­ta in Nuo­va Ze­lan­da ha in­fluen­za­to la mia crea­ti­vi­tà, ma que­sto le­ga­me non mi im­pe­di­sce di non pen­sar­ci due vol­te a ‘sal­ta­re’ su un vo­lo, per la­vo­ra­re in Europa una set­ti­ma­na o due. Amo la di­co­to­mia del­la mia vi­ta qui a Auc­kland, che è re­la­ti­va­men­te sem­pli­ce, a con­tra­sto con il caos di fa­re la sty­li­st in una cit­tà più gran­de, con­ti­nen­ta­le. So­no in­te­rior de­si­gner da un de­cen­nio, or­mai: amo il mio la­vo­ro e ho avu­to la for­tu­na di col­la­bo­ra­re con tan­ti crea­ti­vi bril­lan­ti. Fo­to­gra­fo olan­de­se, stu­di al­la Royal Aca­de­my of Art di L'Aia: ho scel­to ca­sual­men­te di scat­ta­re fo­to di ar­chi­tet­tu­ra nel 2005, quan­do ho rea­liz­za­to un re­por­ta­ge sul­la co­stru­zio­ne del Chi­na Cen­tral Te­le­vi­sion (CCTV) pro­get­ta­to da Stu­dio OMA, e sul­lo Sta­dio Na­zio­na­le Olimpico di Her­zog & de Meu­ron, en­tram­bi a Pechino. Og­gi col­la­bo­ro con ar­chi­tet­ti, de­si­gner, pro­get­ti­sti, scrit­to­ri, ar­ti­sti e pen­sa­to­ri. Il mio la­vo­ro è pub­bli­ca­to in mol­te ri­vi­ste e gior­na­li di tut­to il mon­do, co­sì co­me in li­bri e mo­stre.

Do­ve vi­vi?

La mag­gior par­te del tem­po in ae­reo, nel­la loun­ge di un ae­ro­por­to o in ho­tel. Ma quan­do non so­no in viag­gio sto da qual­che par­te tra la mia ca­sa ad Am­ster­dam, il mio cot­ta­ge nel­lo sta­to di New York o per­so nel­la na­tu­ra al par­co Jo­shua Tree, in Ca­li­for­nia.

Hai un luo­go che ti ap­par­tie­ne?

So­no sem­pre in mo­vi­men­to, in gi­ro: co­sì il mio sen­so di ca­sa o 'luo­go' non si li­mi­ta a una de­sti­na­zio­ne. È dav­ve­ro ovun­que mi tro­vi in quel mo­men­to.

Qua­le è la tua ca­me­ra pre­fe­ri­ta?

La mia ca­me­ra d'al­ber­go pre­fe­ri­ta è/era all'ho­tel Oku­ra di To­kyo, che pur­trop­po ora è sta­to de­mo­li­to.

Met­ti in or­di­ne di im­por­tan­za: lu­ce, spa­zio, mo­bi­li...

Pro­prio in que­st'or­di­ne: lu­ce, spa­zio, mo­bi­li.

Quel­lo che non do­vreb­be mai man­ca­re in una ca­sa?

Ci so­no mol­ti mo­di in cui le per­so­ne pos­so­no vi­ve­re o adat­tar­si a vi­ve­re. Mol­ti sti­li di ca­se e mol­te cir­co­stan­ze che pos­sia­mo per­ce­pi­re co­me ino­spi­ta­li, so­no nor­ma­li per qual­cun al­tro. Nel­la Ci­na ru­ra­le al­cu­ni con­ta­di­ni abi­ta­no an­co­ra in grot­te sot­ter­ra­nee. Nel Nord del Gha­na ci so­no vil­lag­gi for­ti­fi­ca­ti fat­ti di ter­ra bat­tu­ta. Non c'è un 'de­vo' o un 'do­vrei': sem­pli­ce­men­te nel­la mia men­te non esi­ste un mo­do buo­no o cat­ti­vo di vi­ve­re e abi­ta­re. IWAN.COM

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.