<<IL RI­COR­DO MI­GLIO­RE DEL­LA SE­RIE? LA SE­CON­DA STA­GIO­NE PER LA BEL­LEZ­ZA DELL'ISLANDA, PER LA SUA LU­CE, E PERCHE MI SO­NO INNAMORATO>>

L'UOMO VOGUE - - PEOPLE -

È sta­to il tor­men­to­ne dell’an­no. Dopo il fi­na­le shock del­la quin­ta sta­gio­ne di “Ga­me of th­ro­nes” con l’as­sas­si­nio di Jon Snow da par­te di al­cu­ni tra­di­to­ri tra i Con­fra­tel­li del­la Not­te e nes­su­na in­di­ca­zio­ne da par­te di Geor­ge R.R. Mar­tin (l’au­to­re del­la sa­ga, che non ha an­co­ra pub­bli­ca­to il se­sto li­bro di “A song of ice and fi­re” e si è fat­to quin­di pre­ce­de­re dal­la se­rie HBO) sul­la sor­te del più po­po­la­re dei suoi eroi, la fre­ne­sia spe­cu­la­ti­va dei fans si è tra­sfor­ma­ta in un fe­no­me­no vi­ra­le pron­to ad at­tac­car­si a qual­sia­si no­ti­zia. Fi­nal­men­te, il se­con­do epi­so­dio del­la se­sta sta­gio­ne ha fat­to chia­rez­za: Jon Snow è vi­vo. «Do­ver man­te­ne­re il se­gre­to più as­so­lu­to per tut­to que­sto tem­po è sta­to un for­mi­da­bi­le te­st per ca­pi­re la psi­co­lo­gia di chi mi sta­va di fron­te in ba­se al­le sup­po­si­zio­ni fat­te. Quel­lo che ho com­pre­so è che mol­ta gen­te sen­te di ave­re con Jon Snow una con­nes­sio­ne mol­to più for­te di quel­la che av­ver­to io». La no­stra in­ter­vi­sta pe­rò non in­co­min­cia da GOT. In fon­do Mr Harington sta fa­cen­do al­tro e in­chio­dar­lo sem­pre e so­lo al ruo­lo del Ba­star­do di Gran­de In­ver­no sa­reb­be po­co ri­spet­to­so. Tan­to più che il suo nuo­vo ruo­lo è estre­ma­men­te im­pe­gna­ti­vo. «So­no esau­sto», esor­di­sce lui in una sa­let­ta del Du­ke of York’s Thea­tre, un pa­io d’ore pri­ma di sa­li­re sul pal­co nell’adat­ta­men­to diretto da Ja­mie Lloyd del “Doc­tor Fau­stus” di Ch­ri­sto­pher Mar­lo­we. «Per il pal­co­sce­ni­co ci si pre­pa­ra per me­si e poi si de­but­ta, e la ten­sio­ne sa­le e con­ti­nua a sa­li­re, se­ra dopo se­ra. Non cre­do che ar­ri­ve­rò mai a un pla­teau, ec­co per­ché so­no di­strut­to». Di fat­to, sem­bra so­prat­tut­to de­va­sta­to da un po­ten­tis­si­mo raf­fred­do­re, che non rie­sce pe­rò for­tu­na­ta­men­te a in­tac­ca­re la pro­fon­di­tà, la gra­vi­tà del­la vo­ce. La fa­mo­sa chio­ma di Jon Snow (quel­la che, nar­ra la leg­gen­da, per tut­to il tem­po del­le ri­pre­se di GOT non vie­ne mai a con­tat­to con lo sham­poo) ti­ra­ta in un co­di­no al­to sul­la te­sta («aiu­ta a mi­me­tiz­zar­mi, a non far­mi ri­co­no­sce­re per stra­da»), occhiali ton­di da vi­sta per un sur­plus di anonimato, dal vi­vo Kit Harington sem­bra più uno stu­den­te scar­ruf­fa­to che l’heart-th­rob di cui so­gna­no le ra­gaz­zi­ne. Ter­mi­na­ta la Lon­don Royal Cen­tral School of Spee­ch & Dra­ma, Harington era ap­pro­da­to di­ret­ta­men­te nel 2008 sul pal­co­sce­ni­co di “War hor­se” al Na­tio­nal Thea­tre, ma la car­rie­ra tea­tra­le che ave­va in men­te («Na­tio­nal, Royal Court, Don­mar», pra­ti­ca­men­te una sca­la­ta ai tea­tri più pre­sti­gio­si di Lon­dra) era sta­ta im­me­dia­ta­men­te in­ter­rot­ta dal suc­ces­so pla­ne­ta­rio di “Ga­me of th­ro­nes”. Ma an­che nel pie­no dell’iste­ria col­let­ti­va per la se­rie HBO non c’è sta­ta in­ter­vi­sta in cui l’at­to­re non ab­bia ri­ba­di­to la sua in­ten­zio­ne di tor­na­re sul pal­co­sce­ni­co. E ora ec­co­lo qua, in una sa­let­ta ul­tra­co­zy con pol­tro­ne di vel­lu­to ver­de sme­ral­do e lam­pa­de ros­se Kar­tell, a man­gia­re heal­thy food e a spa­lan­ca­re gli oc­chi quan­do gli chie­do se Fau­stus sia in qual­che mo­do una scel­ta stra­te­gi­ca per ri­po­si­zio­na­re la sua car­rie­ra. «Ho fat­to del­le co­sid­det­te scel­te op­por­tu­ni­sti­che per la mia car­rie­ra in pas­sa­to. Si so­no ri­ve­la­te de­gli er­ro­ri, ne so­no tre­men­da­men­te pen­ti­to, e non in­ten­do far­ne mai più». Dif­fi­ci­le di­re se si ri­fe­ri­sca so­lo a “Pom­peii”, di­sa­ster mo­vie in tut­ti i sen­si di Paul W.S. An­der­son, o al suo Ro­land Leighton piut­to­sto in­co­lo­re in “Ge­ne­ra­zio­ne per­du­ta” trat­to dal ro­man­zo di Ve­ra Brit­tain “Te­sta­ment of you­th”, o an­co­ra al thriller “MI-5”. «Fau­stus era la scel­ta mi­glio­re che po­tes­si pren­de­re tra le va­rie op­zio­ni che mi si so­no pre­sen­ta­te. Una scel­ta istin­ti­va, co­me tut­te quel­le che ho in­ten­zio­ne di fa­re in fu­tu­ro». Una scel­ta che lo la­scia “ter­ro­riz­za­to” tut­te le se­re, «per­ché qua­lun­que co­sa può an­da­re ma­le in qua­lun­que mo­men­to», al pun­to che per vin­ce­re il pa­ni­co ha mes­so a pun­to tut­ta una se­rie di ri­tua­li: «Ba­cio tre vol­te un cro­ci­fis­so, lan­cio ba­ci al­le fo­to dei miei ge­ni­to­ri ap­pe­se nel mio ca­me­ri­no, ba­cio tre vol­te il suo­lo del pal­co­sce­ni­co». Im­pos­si­bi­le ca­pi­re se scher­zi o no. «La dia­gno­si è chia­ra, la so da me: so­no un os­ses­si­vo-com­pul­si­vo», ri­de lui. «Ho pas­sa­to tut­to gen­na­io e tut­to feb­bra­io a pre­pa­rar­mi al ruo­lo nel­la mia te­sta, poi ho in­con­tra­to il re­gi­sta e ho do­vu­to fa­re ta­bu­la ra­sa del­le mie idee. An­che se ti­to­lar­men­te so­no il pro­ta­go­ni­sta, la piè­ce è as­so­lu­ta­men­te co­ra­le, un la­vo­ro d’in­sie­me che coin­vol­ge tut­to il ca­st. Estre­ma­men­te im­pe­gna­ti­va, sia fi­si­ca­men­te che vo­cal­men­te, de­ci­sa­men­te di­stur­ban­te ri­spet­to al­le aspet­ta­ti­ve clas­si­che», an­che gra­zie al­la so­sti­tu­zio­ne nel­la par­te cen­tra­le di un te­sto con­tem­po­ra­neo di Co­lin Tee­van all’ori­gi­na­le di Mar­lo­we. In sce­na ci so­no vo­mi­to e san­gue, e pa­rec­chie sce­ne di nu­do, in­clu­si va­ri full fron­tal, an­che se non del no­stro, che pe­rò re­ci­ta a lun­go shir­tless (e può per­met­ter­se­lo: Harington è im­pec­ca­bil­men­te ce­sel­la­to), e per un istan­te ab­bas­sa i pan­ta­lo­ni vol­tan­do le spal­le al pub­bli­co, ri­ve­lan­do un der­riè­re all’al­tez­za di quel­lo del­la sua con­tro­fi­gu­ra (all’epo­ca si era rot­to una ca­vi­glia e non riu­sci­va a cam­mi­na­re) nel­la epo­ca­le (segue a pag. 137)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.