LEE DA­NIELS. PRIDE AND TRUTH

PRIDE AND TRUTH

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS -

fo­to di Brian Hig­bee te­sto di Aya­na Byrd fa­shion edi­tor Kel­ly McCa­be

Lee Da­niels ha fa­me. E non nel sen­so spi­ri­tua­le o ar­ti­sti­co del­la pa­ro­la: avreb­be pro­prio bi­so­gno di un pa­sto co­me si de­ve. «Te­so­ro, sto ve­ra­men­te mo­ren­do di fa­me!», an­nun­cia il re­gi­sta dal­la sua ca­sa di Los An­ge­les, ri­den­do del­la sec­ca­tu­ra. Sta in­fat­ti se­guen­do un re­gi­me die­te­ti­co a ba­se di ca­ro­te e Sou­lCy­cle, le iper­ci­ne­ti­che le­zio­ni con bi­ci da spin­ning e pe­si che so­no tan­to po­po­la­ri tra co­lo­ro che vo­glio­no re­sta­re ma­gri a tut­ti i co­sti. Il mo­ti­vo di que­sto estre­mi­smo ca­lo­ri­co? Vuo­le ap­pa­ri­re al me­glio per un ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co. Mol­te ce­le­bri­tà del suo stes­so set­to­re men­to­no di­chia­ran­do di man­gia­re sen­za pro­ble­mi por­zio­ni esa­ge­ra­te di car­boi­dra­ti, ma Da­niels vuo­ta il sac­co con gran­de can­do­re. Ed è pro­prio que­sta sua di­sin­can­ta­ta sin­ce­ri­tà ad aver re­so i suoi la­vo­ri suc­ces­si pla­ne­ta­ri, dai film premiati agli Oscar co­me “Pre­cious” e “Mon­ster’s ball” a “The Bu­tler” fi­no al me­ga trion­fo te­le­vi­si­vo di “Em­pi­re”. In un mon­do che, da un pun­to di vi­sta crea­ti­vo, pre­mia chi gio­ca sul si­cu­ro, Da­niels se l’è sem­pre gio­ca­ta a mo­do suo. Il pub­bli­co ha im­pa­ra­to ad aspet­tar­si da lui que­ste sto­rie estre­me, al mas­si­mo dell’in­ten­si­tà, e Da­niels non in­ten­de de­lu­der­lo. «Vo­glio che il mio la­vo­ro sia espres­sio­ne di ciò che ho spe­ri­men­ta­to, man­gia­to, vis­su­to, re­spi­ra­to e con cui ho fat­to ses­so in pri­ma per­so­na. È co­me fa­re un ri­trat­to di ciò che si ha den­tro» spie­ga, «e la­vo­rar­ci è ve­ra­men­te ter­ri­fi­can­te». Il ri­trat­to di Da­niels ha avu­to ini­zio in una vil­let­ta a schie­ra nel­la zo­na ove­st di Phi­la­del­phia. Il re­gi­sta, og­gi cin­quan­ta­seien­ne, è cre­sciu­to po­ve­ro in un quar­tie­re in­fe­sta­to dal­la cri­mi­na­li­tà. In ca­sa si re­spi­ra­va­no la pro­fon­da av­ver­sio­ne e la rab­bia del pa­dre nei con­fron­ti del fi­glio gay, men­tre fuo­ri c’era­no ar­mi, spac­cio di droga e vio­len­za. Se tut­to que­sto sem­bra una sce­na di “Em­pi­re”, non c’è di che stu­pir­si. La se­rie te­le­vi­si­va, che rac­con­ta la sto­ria del­la fa­mi­glia Lyon da spac­cia­to­ri di droga a Phi­la­del­phia a ma­gna­ti del­la mu­si­ca a Ma­n­hat­tan, è pie­na di ri­fe­ri­men­ti au­to­bio­gra­fi­ci trat­ti dal­la vi­ta di Da­niels. «So­no ri­ma­sto dav­ve­ro al­li­bi­to dal suo suc­ces­so», rac­con­ta il re­gi­sta e au­to­re par­lan­do del­la se­rie che ha de­but­ta­to nel 2015, bat­ten­do i re­cord di au­dien­ce e as­si­cu­ran­do un Gol­den Glo­be al­la pro­ta­go­ni­sta Ta­ra­ji P. Hen­son. «Chi avreb­be mai pen­sa­to che ci po­tes­se es­se­re qual­cu­no in­te­res­sa­to all asto­ria del la­mia vi­ta o al ge­ne­re­di te­le­vi­sio­ne“vin­ta­ge”c on cui so­no cre­sciu­to, che po­tes­se pia­ce­re il mio mo­do di af­fron­ta­re le que­stio­ni so­cia­li scot­tan­ti con una striz­za­ti­na d’oc­chio?». “Em­pi­re” sa­rà an­che una soap sti­le an­ni 80, ec­ces­si­va ed esa­ge­ra­ta, ma trat­ta an­che te­mi co­me il pre­giu­di­zio omo­fo­bi­co, la bi­ses­sua­li­tà, la ma­lat­tia men­ta­le e la real­tà del­la vi­ta in pri­gio­ne. Che Da­niels non aves­se pau­ra di met­te­re in im­ba­raz­zo gli spet­ta­to­ri si era già ca­pi­to nel 2001 con “Mon­ster’s ball”, film dram­ma­ti­co che rac­con­ta­va la re­la­zio­ne tra una don­na e la guar­dia car­ce­ra­ria che ave­va giu­sti­zia­to suo ma­ri­to nel brac­cio del­la mor­te. La fa­mo­sa sce­na di ses­so del film non è né se­xy né sen­sua­le: in so­stan­za, è esat­ta­men­te l’op­po­sto del­le ti­pi­che sce­ne erotiche del ci­ne­ma «Ma­ke me feel good». Hal­le Ber­ry pre­ga Bil­ly Bob Thorn­ton pri­ma di co­min­cia­re, e dopo si ve­de un gro­vi­glio di ar­ti mes­si di tra­ver­so e an­go­la­tu­re di ri­pre­sa che non con­ce­de­va­no nien­te al­la pia­ce­vo­lez­za. Per mol­ti, la co­sa più dif­fi­ci­le da di­ge­ri­re era che una don­na ne­ra – e per giun­ta bel­la co­me Har­ry – fa­ces­se ses­so con un uo­mo bian­co in mo­do­con tan­ta co­sì par­te­ci­pa­zio­ne.sel­vag­gio e “Ma Da­niels co­sa sta cer­can­do di fa­re?”, chie­se­ro in mol­ti. Ri­spo­sta: ciò che ha sem­pre fat­to e che ha con­ti­nua­to a fa­re con “Pre­cious”, nel 2009, e ne­gli al­tri suoi film. Il re­gi­sta met­te al­la pro­va i con­fi­ni di raz­za, di ge­ne­re e di clas­se ben ol­tre ciò che ci si aspet­te­reb­be al­lo sco­po di fa­re emer­ge­re ve­ri­tà as­sai più com­pli­ca­te e i pun­ti di con­tat­to spes­so con­fu­si tra real­tà e fin­zio­ne. Per col­mo dell’iro­nia, a mo­ti­va­re Da­niels è il co­rag­gio, non la spac­co­ne­ria. «La­vo­ro spin­to dal­la pau­ra. Se c’è qual­co­sa di nuo­vo che mi spa­ven­ta, mi di­co su­bi­to: fac­cia­mo­lo!». E quan­do lo fa, i ri­sul­ta­ti so­no sem­pre au­da­ci e co­rag­gio­si. Am-

IN LAVORAZIONE AN­CHE UN BIOPIC E UN DO­CU­MEN­TA­RIO

met­te che gra­zie al mez­zo te­le­vi­si­vo ha im­pa­ra­to mol­te co­se: «La Tv fun­zio­na per co­mi­ta­ti e mi ha in­se­gna­to ad ac­cet­ta­re il com­pro­mes­so». At­tual­men­te sta la­vo­ran­do a una nuo­va se­rie, dal ti­to­lo “Star”. «Se “Em­pi­re” è “Dy­na­sty”, con “Star” vo­glio fa­re “Good ti­mes” in ver­sio­ne fem­mi­ni­le», spie­ga. È la sto­ria di tre ra­gaz­ze ado­le­scen­ti, due ne­re e una bian­ca, due po­ve­re ap­pe­na usci­te dal si­ste­ma de­gli af­fi­di e una ric­ca, che cer­ca­no di sfon­da­re nel mon­do del­la mu­si­ca. «Ado­ro Beyon­cé, ma og­gi tut­te le mu­si­ci­ste don­ne in­car­na­no la per­fe­zio­ne. I ca­pel­li mos­si dal ven­ti­la­to­re so­no sem­pre per­fet­ti, co­sì co­me l’ab­bi­glia­men­to e la co­reo­gra­fia. Ciò che ren­de­va i pio­nie­ri del sound co­sì fan­ta­sti­ci era pro­prio il ca­si­no. Il su­do­re, il fat­to di es­se­re un po’ so­vrap­pe­so, la vo­ce stri­du­la e graf­fian­te, le im­per­fe­zio­ni. “Star” è un ri­tor­no al pas­sa­to, ai grup­pi fem­mi­ni­li con cui sia­mo cre­sciu­ti». Una vol­ta ral­len­ta­to il la­vo­ro per la pri­ma sta­gio­ne di “Star” (con Queen La­ti­fah pro­ta­go­ni­sta) e la ter­za sta­gio­ne di “Em­pi­re”, Da­niels tor­ne­rà al suo pri­mo amo­re: il ci­ne­ma. Gi­re­rà un biopic sul co­mi­co Ri­chard Pryor ol­tre a un do­cu­men­ta­rio sull’Apol­lo Thea­ter di Har­lem. Il pub­bli­co è pro­ba­bil­men­te tan­to emo­zio­na­to quan­to lui per que­sto ri­tor­no al gran­de scher­mo. Nes­sun al­tro met­te in di­scus­sio­ne il con­cet­to di ciò che è ap­pro­pria­to in mo­do tan­to ar­ti­sti­co e sfron­ta­to ed è gra­zie a que­sto che il suo la­vo­ro è sem­pre tan­to at­te­so e ne­ces­sa­rio, pra­ti­ca­men­te ca­tar­ti­co.

IN QUE­STA PA­GI­NA. PULL BURBERRY. OCCHIALI DA VI­STA, PAUL SMI­TH SPECTACLES; ORO­LO­GIO RO­LEX. NEL­LA PA­GI­NA AC­CAN­TO. TO­TAL LOOK GIOR­GIO AR­MA­NI. IN APER­TU­RA. A SI­NI­STRA. TO­TAL LOOK GIOR­GIO AR­MA­NI. POCKET SQUARE THE TIE BAR. FA­SHION ASSISTANT JAKE SAMMIS. GROOMER JHIZET PANOSIAN USING LA MER. FA­SHION EDI­TOR KEL­LY MCCA­BE. SI RIN­GRA­ZIA PER LA LO­CA­TION BLACK, SAN­TA MO­NI­CA BLVD - HOL­LY­WOOD.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.