È Vincent La­crocq a fir­ma­re la cam­pa­gna F/W di BROOKSFIELD

Uno sto­ry­tel­ling sull’ec­cel­len­za e l’ar­ti­gia­na­li­tà co­mu­ne a due mon­di

L'UOMO VOGUE - - STYLE - di Si­mo­ne Mon­guz­zi

Con­ti­nua il per­cor­so uni­co di Brooksfield che, sta­gio­ne do­po sta­gio­ne, si av­va­le di stru­men­ti sug­ge­sti­vi ed emo­zio­nan­ti per nar­ra­re il la­vo­ro e la sto­ria che si ce­la die­tro ogni nuo­va col­le­zio­ne. Per l’A/I 2017/18 è sta­to rea­liz­za­to un fil­ma­to dal ti­to­lo “Craf­tsmen”, idea­to dal mo­del­lo e re­gi­sta Vincent La­crocq ( so­pra) in col­la­bo­ra­zio­ne con la mo­glie art di­rec­tor Kri­stell Che­nut (il duo è no­to nell’am­bien­te con il no­me Ven­kay­films, casa di pro­du­zio­ne fa­mo­sa per il ta­glio evo­ca­ti­vo e ri­cer­ca­to dei vi­deo pro­dot­ti). Il fa­shion film, rea­liz­za­to in un ex opi­fi­cio mi­la­ne­se, è il clas­si­co esem­pio di “sto­ry­tel­ling” do­ve il ful­cro del vi­deo è il dia­lo­go tra il re­gi­sta e un sar­to in­ten­to a sve­la­re tut­ti i se­gre­ti del suo la­vo­ro e dell’ec­cel­len­za ar­ti­gia­na; na- sce co­sì un confronto ge­ne­ra­zio­na­le, uno scam­bio cul­tu­ra­le tra due mon­di lon­ta­ni, do­ve a par­la­re so­no per­so­ne di­ver­se ma ac­co­mu­na­te dalla stes­sa pas­sio­ne e de­di- zio­ne per il pro­prio me­stie­re. Il backstage del vi­deo, in cui Vincent ve­ste ov­via­men­te Brooksfield, è la cam­pa­gna del­la nuo­va col­le­zio­ne, fat­ta di ca­pi dall’ele­gan­za co­mo­da e di­scre­ta, espres­sio­ne di uno sti­le «mol­to vicino al mio, ri­las­sa­to, con­for­te­vo­le e cu­ra­to nei det­ta­gli e nel fit».

Ogni in­qua­dra­tu­ra è un ta­bleau vi­vant, uno spac­ca­to del­la sar­to­ria e del­la ci­ne­ma­to­gra­fia, due bi­na­ri pa­ral­le­li gui­da­ti dalla pas­sio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.