GRIL­LO DE­MO. THE GOOD LIFE

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS - fo­to di Mar­ghe­ri­ta Chiar­va te­sto di Fa­bia Di Dru­sco fa­shion edi­tor Ro­bert Ra­ben­stei­ner

Non è pas­sa­to mol­to tem­po dal­la tra­ge­dia del­la Gren­fell To­wer a Lon­dra, quan­do in­ter­vi­sto il de­si­gner di ar­re­di Yin­ka Ilo­ri che, cre­sciu­to in una ca­sa di edi­li­zia po­po­la­re di Nor­th Lon­don, ap­par­tie­ne al­la pri­ma ge­ne­ra­zio­ne di na­ti in Gran Bre­ta­gna con ge­ni­to­ri ni­ge­ria­ni. I suoi ar­ti­sti­ci ma­sh-ups, che spa­zia­no dai mo­bi­li al­le in­stal­la­zio­ni e sca­va­no nel suo back­ground fa­mi­lia­re, in­fon­do­no una nuo­va pro­spet­ti­va e una nuo­va nar­ra­zio­ne a mo­bi­li che nes­su­no vuo­le più, con­ta­mi­nan­do­li con esu­be­ran­ti stam­pe afri­ca­ne che ri­cor­da­no gli abiti dai co­lo­ri vi­va­ci di sua ma­dre. Ul­ti­ma­men­te Ilo­ri ha este­so il suo cam­po d’azio­ne al­le in­stal­la­zio­ni. “Esta­te Play­ground”, un’ope­ra com­mis­sio­na­ta­gli dal ci­ti­ze­nM ho­tel di Sho­re­dit­ch che è sta­ta mo­stra­ta per la pri­ma vol­ta du­ran­te il Lon­don De­si­gn Fe­sti­val (16-24 set­tem­bre 2017), ha tra­sfor­ma­to la lob­by dell’ho­tel in un par­co gio­chi ispi­ra­to ai ri­cor­di d’in­fan­zia del de­si­gner. «So­no cre­sciu­to a Isling­ton, che era black, bian­ca, asia­ti­ca, c’era gen­te che ve­ni­va dal­la Ci­na, dal Gha­na, dal­la Ni­ge­ria, dal­la Tur­chia e quel­lo che im­por­ta­va non era quan­ti sol­di ave­vi, ma es­se­re una co­mu­ni­tà, sta­re in­sie­me, vo­ler­si be­ne, gio­ca- re in­sie­me, e que­sto mi ri­ma­ne den­tro, an­che ades­so che so­no un adul­to. È da mol­to tem­po che qui a Lon­dra que­sto sen­ti­men­to di unio­ne, di so­li­da­rie­tà, non c’è più, e vo­glio far­lo ri­vi­ve­re nel mio la­vo­ro». Fi­glio di un im­mi­gra­to, di­ce che all’ini­zio è sta­to in­co­rag­gia­to a di­ven­ta­re in­ge­gne­re. «In fa­mi­glia tut­ti so­no me­di­ci o av­vo­ca­ti in car­rie­ra», com­men­ta con iro­nia. Ha stu­dia­to al­la Lon­don Me­tro­po­li­tan Uni­ver­si­ty e un fi­nan­zia­men­to di The Prin­ce’s Tru­st, un tru­st di be­ne­fi­cien­za fon­da­to dal prin­ci­pe del Gal­les, lo ha aiu­ta­to ad av­via­re la sua at­ti­vi­tà. Ri­cor­da che suo pa­dre, che ge­sti­va un ne­go­zio del­la B&Q – un’azien­da bri­tan­ni­ca di hard­ware – por­ta­va a ca­sa de­gli at­trez­zi in mo­do che lui po­tes­se rea­liz­za­re la sua pri­ma col­le­zio­ne sul ta­vo­lo del giar­di­no. «In Ni­ge­ria mio zio fa il fa­le­gna­me, ma la mia fa­mi­glia non ha mai ac­cen­na­to a do­ve avrei pre­so que­sta pas­sio­ne. È stra­no per­ché in Ni­ge­ria e in mol­ti pae­si afri­ca­ni i de­si­gner di mo­bi­li so­no de­fi­ni­ti fa­le­gna­mi. I fa­le­gna­mi non go­do­no di mol­ta con­si­de­ra­zio­ne, è un me­stie­re che è ri­te­nu­to un la­vo­ro umi­le, ma quan­do va­do in Ni­ge­ria e li guar­do fa­re del­le se­die, pen­so sem­pre “tu non sei un fa­le­gna­me, sei un de­si­gner”». In que­sti tem­pi co­sì in­sta­bi­li e in­cer­ti, l’obiet­ti­vo di que­sta coin­vol­gen­te in­stal­la­zio­ne è ispi­ra­re un sen­so di uni­tà, qual­co­sa di cui la cit­tà ha mol­to bi­so­gno do­po la tra­ge­dia del­la Gren­fell e il mo­do in cui la sua nar­ra­zio­ne è cam­bia­ta. Un ami­co di in­fan­zia, la cui fa­mi­glia ha un’at­ti­vi­tà nel set­to­re dei pia­no­for­ti, ha mes­so a di­spo­si­zio­ne del de­si­gner di­ver­si stru­men­ti in mo­do che i vi­si­ta­to­ri pos­sa­no suo­nar­li, ci so­no dei roun­da­bout in mi­nia­tu­ra con al cen­tro le se­die di Ilo­ri, un cam­po di ba­sket, e

al­ta­le­ne ri­ve­sti­te con stam­pe afri­ca­ne di Vli­sco, l’azien­da olan­de­se di tes­su­ti afri­ca­ni “wax”. «L’idea è di riu­sci­re ad ag­gre­ga­re le per­so­ne, di di­ver­sa età e di di­ver­se et­nie, e sem­pli­ce­men­te gio­ca­re, go­der­si tut­ti que­sti co­lo­ri e gli ar­re­di dell’area gio­chi, e di­ver­tir­si. È co­sì che ri­cor­do la mia in­fan­zia in Nor­th Lon­don. Po­te­vo an­che es­se­re cir­con­da­to da mol­te co­se ne­ga­ti­ve ma quel­lo che mi ha sal­va­to so­no sta­te le per­so­ne del quar­tie­re, l’af­fet­to dei miei ge­ni­to­ri, e quel­lo dei miei vi­ci­ni. È un sen­ti­men­to di cui sen­to la man­can­za, per­ché la cit­tà è co­sì cam­bia­ta, e vo­glio spin­ge­re la gen­te a ri­cor­dar­lo». An­che la mu­si­ca eclet­ti­ca che si sen­ti­va a tut­to vo­lu­me nel quar­tie­re ha in­fluen­za­to il gio­va­ne Ilo­ri, e sot­to­li­nea che tut­ti ac­co­glie­va­no il sound de­gli al­tri. «A ca­sa no­stra ascol­ta­va­mo mu­si­ca afri­ca­na ti­po Fe­la Ku­ti e King Sun­ny Adé, ma al­tri ascol­ta­va­no Lio­nel Ri­chie o Scep­ter. Ado­ra­vo tut­to que­sto». Pa­ro­lie­ri di gran­de for­za co­me Ku­ti e le tra­di­zio­na­li sto­rie po­po­la­ri che i ge­ni­to­ri gli rac­con­ta­va­no quan­do era bam­bi­no so­no tra i te­mi chia­ve del de­si­gner bri­tan­ni­co che pun­ta a tra­smet­te­re e a in­fon­de­re nel pro­prio la­vo­ro le lo­ro pil­lo­le di sag­gez­za. La col­le­zio­ne che l’ha lan­cia­to, “If Chairs Could Talk”, è ba­sa­ta su cin­que per­so­nag­gi rea­li dell’in­fan­zia di Yin­ka. Una re­cen­te col­la­bo­ra­zio­ne con la piat­ta­for­ma lon­di­ne­se di ar­te e de­si­gn Plin­th lo ha por­ta­to a cu­ra­re l’in­te­rior de­co­ra­tion di una to­w­n­hou­se di epo­ca geor­gia­na do­ve ha usa­to ma­te­ria­li ri­ci­cla­ti in­sie­me a fo­to­gra­fie dell’ar­chi­vio del­la Ma­gnum. «Cer­co di rac­con­ta­re sto­rie con i mo­bi­li che le per­so­ne han­no but­ta­to via. Chi li pos­se­de­va ma­ga­ri pen­sa­va che fos­se­ro co­se fi­ni­te, pas­sa­te, ma a me pia­ce con­si­de­ra­re gli ar­re­di co­me se fos­se­ro del­le per­so­ne, da­re lo­ro una se­con­da chance, una sto­ria nuo­va». Il de­si­gner re­cu­pe­ra i mo­bi­li nei ne­go­zi di se­con­da ma­no o su eBay, ma quel­lo che più lo ren­de fe­li­ce è tro­va­re per stra­da un pez­zo che è sta­to but­ta­to via. «Mi pia­ce il fat­to che è una sor­pre­sa, che non so quel­lo che tro­ve­rò, cer­co di in­ter­pre­ta­re una se­dia, la per­so­na che l’ha la­scia­ta lì, e poi di in­se­rir­vi la mia sto­ria e la mia cul­tu­ra. Lon­dra è un mel­ting pot di cul­tu­re e di iden­ti­tà, e per me è fan­ta­sti­co po­te­re il­lu­stra­re tut­to que­sto at­tra­ver­so una se­dia, pos­so fa­re quel­lo che vo­glio con quel­la se­dia, le pos­si­bi­li­tà so­no in­fi­ni­te, e pos­so con­di­vi­der­le on­li­ne o in una mo­stra e av­via­re un dia­lo­go». Quan­do ha ini­zia­to, e pri­ma di ave­re uno stu­dio, il de­si­gner tren­ten­ne tra­spor­ta­va le se­die su­gli au­to­bus. «Mi guar­da­va­no stra­no men­tre lot­ta­vo con quel­le quat­tro vec­chie se­die». A par­te gli scher­zi, Ilo­ri ri­cor­da che quan­do era bam­bi­no a vol­te si sen­ti­va con­fu­so nel cer­ca­re di con­ci­lia­re la sua iden­ti­tà bri­tan­ni­ca con l’ere­di­tà cul­tu­ra­le afri­ca­na dei suoi ge­ni­to­ri. La sua fa­mi­glia è an­co­ra in Ni­ge­ria e lui va a tro­var­la due vol­te all’an­no. «Mi è sem­pre riu­sci­to dif­fi­ci­le ca­pi­re da do­ve ven­go, e chi so­no. I miei ge­ni­to­ri so­no na­ti in Ni­ge­ria e ne han­no vis­su­to per tan­ti an­ni la cul­tu­ra, gli odo­ri, la lin­gua e il ci­bo, ma io so­no na­to a Lon­dra e la ado­ro, amo en­tram­be le cul­tu­re ma non so be­ne co­me far­le coe­si­ste­re. A ca­sa i miei ge­ni­to­ri ci par­la­va­no in Yo­ru­ba, ma fuo­ri di lì ero uno di Nor­th Lon­don, era co­me vi­ve­re due vi­te dif­fe­ren­ti. Ora pe­rò sen­to che il mio la­vo­ro le com­pren­de en­tram­be».

IN LENTINO. QUE­STA NEL­LA PA­GI­NA. PA­GI­NA CAPPA AC- VACANTO. PUL­LO­VER PRA­DA. IN APER­TU­RA. A SI­NI­STRA. CA­MI­CIA GUCCI. SNEAKERS PLAY COMME DES GARÇONS X CONVERSE. A DESTRA. TO­TAL LOOK GUCCI.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.