SAM SMI­TH

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS - fo­to di Co­le Sprou­se te­sto di Craig McLean fa­shion edi­tor Ru­sh­ka Berg­man

DO­PO 18 ME­SI DI SI­LEN­ZIO (E 12 MI­LIO­NI DI CO­PIE VEN­DU­TE) UN NUO­VO DISCO, I VIAG­GI E LÕAMORE

Sul con­ver­ti­ta pic­co­lo nell’Ea­st pal­co­sce­ni­co Lon­don,di una un chie­sa sor­ri- ri­den­te Sam Smi­th si sta go­den­do l’emo­zio­ne. Il pub­bli­co in­vo­ca il suo no­me e ur­la an­co­ra pri­ma che la sua band co­min­ci a suo­na­re una so­la no­ta. Tut­ti so­no to­tal­men­te con­cen­tra­ti sul pre­sen­te, su quel­lo che sta suc­ce­den­do in quel mo­men­to, an­che per­ché ogni cel­lu­la­re è sta­to gen­til­men­te se­que­stra­to all’in­gres­so dal­lo staff che cu­ra l’even­to. È un ve­ner­dì pio­vo­so di me­tà set­tem­bre. Que­sta set­ti­ma­na il can­tau­to­re in­gle­se si è già esi­bi­to a Los An­ge­les e a New York. Tra due gior­ni lo fa­rà a Ber­li­no. I club in cui suo­na han­no una ca­pien­za di pub­bli­co ri­stret­ta – ognu­no con­tie­ne me­no di 1000 per­so­ne – ma le aspet­ta­ti­ve so­no, co­me di­re, enor­mi. Quat­tro con­cer­ti in al­tret­tan­ti club, quat­tro fu­si di­ver­si, una set­ti­ma­na: è co­sì che una su­per­star glo­ba­le che riem­pie gli sta­di fa il suo ri­tor­no do­po 18 me­si di si­len­zio – e tor­na do­po ave­re ven­du­to ol­tre 12 mi­lio­ni di co­pie con “In the lo­ne­ly hour” (2014), il suo pri­mo al­bum, e ave­re vin­to quat­tro Gram­my, tre Brit Awards, un Oscar e un Gol­den Glo­be (que­sti ul­ti­mi due per “Wri­ting’s on the wall”, il te­ma del Bond-mo­vie “Spec­tre”). Ades­so, in que­sta an­ti­ca chie­sa, la rea­zio­ne dei fan è ado­ran­te e de­vo- ta. piut­to­stoU­na ras­si­cu­ra­zio­ne­ner­vo­so ha di mol­to­cui uno bi­so­gno.Smi­th «Fuck!», escla­ma il 25en­ne con un gran­de sor­ri­so all’ini­zio del suo con­cer­to di 55 mi­nu­ti. «È bel­lo es­se­re tor­na­to. L’ho so­gna­to per co­sì tan­to tem­po». In no­vem­bre esce il suo “The th­rill of it all”. È un se­con­do al­bum pie­no di bal­la­te che gron­da­no emo­zio­ni, cuo­ri spez­za­ti e in­ni ro­man­ti­ci de­sti­na­ti a es­se­re can­ta­ti in tut­to il mon­do per i me­si – per gli an­ni – a ve­ni­re. I pro­no­sti­ci so­no buo­ni: nel gior­no in cui si è te­nu­to il con­cer­to lon­di­ne­se, il pri­mo sin­go­lo,“Too good at good­byes”, è vo­la­to al pri­mo po­sto del­le clas­si­fi­che in di­ver­si pae­si del mon­do. Quan­do, quat­tro gior­ni do­po, ci in­con­tria­mo in un pub vi­ci­no a ca­sa sua in Nor­th Lon­don, il mu­si­ci­sta, al­to e di­ma­gri­to, am­met­te di es­se­re più sol­le­va­to. Ha can­ta­to per la pri­ma vol­ta que­ste nuo­ve can­zo­ni mol­to per­so­na­li. Ades­so può ri­las­sar­si – un po’. Sam Smi­th: Sì, do­po que­sta set­ti­ma­na so­no di­strut­to. Per­ché emo­ti­va­men­te è sta­ta mol­to im­pe­gna­ti­va. Cre­do che que­sti con­cer­ti sia­no sta­ti, fi­no ad ades­so, la par­te più im­por­tan­te del­la mia car­rie­ra. L’Uo­mo Vogue: Dav­ve­ro? S.S.: Sì. Quel­le quat­tro pic­co­le esi­bi­zio­ni mi han­no fat­to reim­pa­ra­re il mio me­stie­re, e ho avu­to di nuo­vo pau­ra. Quan­do ho ini­zia­to a la­vo­ra­re per que­sto disco, non vo­le­vo ri­po­sa­re su­gli al­lo­ri. Ho sem­pre vo­lu­to sfi­da­re me stes­so. Ogni vol­ta che esce un mio disco vo­glio sen­tir­mi co­me se si trat­tas­se del pri­mo. E poi­ché la mia mu­si­ca è mol­to per­so­na­le, è sta­to fan­ta­sti­co che la gen­te fos­se in una stan­za sen­za te­le­fo­ni cel­lu­la­ri! L’U.V.: Che co­sa hai pro­va­to quan­do que­sto tuo ri­tor­no è co­min­cia­to? S.S.: Ho pen­sa­to a que­sti mo­men­ti per l’ul­ti­mo an­no e mez­zo. Ho cer­ca­to sem­pre di sta­re lon­ta­no dal­la pa­ro­la pres­su­re, dal­lo stress, ma fuck (ri­de, nda): lan­cia­re il pri­mo sin­go­lo del se­con­do al­bum do­po l’usci­ta di “In the lo­ne­ly hour” non è un’im­pre­sa fa­ci­le. Quell’al­bum era an­da­to ma­le­det­ta­men­te be­ne! Mi ero spa­ven­ta­to! Ma fi­ni­to il tour, mi so­no ri­tro­va­to a ca­sa a Lon­dra e di nuo­vo la so­la co­sa che con­ta­va era la mu­si­ca. Quin­di l’usci­ta di que­sto disco è un fat­to che sen­to mol­to or­ga­ni­co, e che ar­ri­va nel mo­men­to giu­sto. Nien­te e nes­su­no mi met­te fret­ta. So­no L’U.V.: or­go­glio­so“Too good­del la­vo­roat good­byes”fat­to. è mol­to per­so­na­le – l’hai de­scrit­ta co­me una “can­zo­ne su una re­la­zio­ne che ho avu­to e so­stan­zial­men­te par­la di co­me, quan­do è fi­ni­ta e mi han­no la­scia­to, non ho più sof­fer­to co­sì tan­to”. Quin­di, a ispi­rar­ti è sta­taS.S.:una re­la­zio­neNo­nu­na re­la­zio­neè sta­ta co­sì un in­ten­sa. di­sa­stro­sa?di­sa­stro,È du­ra­ta e nep­pu­re­cin­que, sei me­si. Quan­do è co­min­cia­ta non mi pia­ce­vo gran­ché, e quan­do è fi­ni­ta mi sen­ti­vo per­fi­no peg­gio! In­som­ma sì, mi ci so­no but­ta­to, è fi­ni­ta, e poi ci so­no sta­ti due o tre me­si di au­toa­na­li­si – e mol­ta del­la mu­si­ca è na­ta da lì. L’U.V.: Par­lia­mo di “Pray”, di cui si è par­la­to co­me il pos­si­bi­le se­con­do sin­go­lo. S.S.: “Pray” è sta­ta una del­le ul­ti­me can­zo­ni; l’idea è ar­ri­va­ta quan­do era­va­mo a Los An­ge­les e sta­va­mo scri­ven­do. Ero ap­pe­na sta­to in Iraq con l’or­ga­niz­za­zio­ne di cha­ri­ty War Child – so­no in­cre­di­bi­li e vo­glio ini­zia­re a la­vo­ra­re di più con lo­ro. Mi han­no por­ta­to nei cam­pi di ri­fu­gia­ti che ci so­no in­tor­no a Mo­sul. Ov­via­men­te è sta­ta una di quel­le espe­rien­ze che cam­bia­no la vi­ta. E quan­do so­no tor­na­to mi so­no sen­ti­to in col­pa per­ché nel mio al­bum non c’era nien­te che par­las­se di che co­sa sta suc­ce­den­do nel mon­do. Mi ri­tor­na sem­pre in men­te quel­lo che ha det­to Ni­na Si­mo­ne: “Per gli ar­ti­sti è im­por­tan­te par­la­re dei tem­pi in cui vi­vo­no”. E co­sì ho scrit­to “Pray”. L’U.V.: È una can­zo­ne po­li­ti­ca? S.S.: Non vo­le­vo scri­ve­re una can­zo­ne che fos­se una pre­di­ca. Vo­le­vo che par­las- se di me e del mio rap­por­to con le co­se che ve­dia­mo sui me­dia. Per me “Pray” par­la del mio mo­do naïf di es­se­re e di co­me mi im­ba­raz­za il fat­to di non ave­re let­to ab­ba­stan­za news quan­do ero pic­co­lo. Ho sem­pli­ce­men­te gi­ra­to la te­sta dall’al­tra par­te per non ve­de­re tut­to quel­lo che suc­ce­de­va, per­ché è più fa­ci­le fa­re co­sì. Ma ades­so sto cre­scen­do e co­min­cio a rea­liz­za­re quan­to sia im­por­tan­te im­pe­gnar­si e ave­re un’opi­nio­ne. L’U.V.: È il pa­ra­dos­so di es­se­re una pop­star glo­ba­le, spe­cial­men­te se hai un suc­ces­so gran­de co­me quel­lo che hai avu­to tu: viag­gi con­ti­nua­men­te per il mon­do, ma den­tro una bol­la (se­gue a pag. 132)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.