MILLIE BOBBY BROWN

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS - fo­to di Cass Bird te­sto di Dan Tha­w­ley fa­shion edi­tor Mi­chael Phi­lou­ze

So­no i pri­mi di set­tem­bre e l’at­tri­ce bri­tan­ni­ca Millie Bobby Brown è tor­na­ta a New York ed è se­du­ta in pri­ma fi­la al­la se­con­da pro­va di Raf Si­mons per 205W39NYC, nuo­va de­no­mi­na­zio­ne per la col­le­zio­ne Cal­vin Klein pre­sen­ta­ta in pas­se­rel­la. Con i ca­pel­li ti­ra­ti in­die­tro con il gel e un tu­bi­no di se­ta bian­ca, è la co­pia spu­ta­ta di qual­sia­si in­ge­nua di Hol­ly­wood, be­nia­mi­na del­la sce­na del­la mo­da e pre­sen­za rin­fre­scan­te sul red car­pet (e an­che sul gran­de scher­mo). Al­lo­ra, che c’è che non va? Oh, aspet­ta un at­ti­mo, ha tre­di­ci an­ni. Par­lan­do con L’Uo­mo Vogue qual­che ora pri­ma, Brown ha da­to pro­va di un vi­vo in­tel­let­to e di una men­te in­da­ga­tri­ce – pur es­sen­do eti­chet­ta­ta co­me Ge­ne­ra­zio­ne Z per via del fat­to che è na­ta nel 2004. La sua ra­pi­da car­rie­ra l’ha ca­ta­pul­ta­ta al­la fa­ma con “Stran­ger Things” di Net­flix, fe­no­me­na­le se­rie dram­ma­ti­co-fan­ta­scien­ti­fi­ca am­bien­ta­ta nel­la pro­vin­cia ame­ri­ca­na, in cui ha in­ter­pre­ta­to il per­so­nag­gio di Ele­ven – una ra­gaz­zi­na che scap­pa da un la­bo­ra­to­rio se­gre­to e svi­lup­pa po­te­ri psi­co­ci­ne­ti­ci. Ha ap­pe­na fi­ni­to di gi­ra­re la se­con­da sta­gio­ne, che an­drà in on­da il 27 ot­to­bre. «Ci han­no chie­sto di guar­da­re “I Goo­nies”, “Stand By Me” ed “E.T.!”», rac­con­ta a pro­po­si­to del­la pre­pa­ra­zio­ne per la se­rie, un viag­gio in­die­tro nel tem­po ana­lo­gi­co de­gli an­ni 80 – che lei non ha mai vis­su­to in pri­ma per­so­na. «I fra­tel­li Duf­fer vi­ve­va­no in In­dia­na, e ci han­no in­se­gna­to mol­to su che co­sa han­no rap­pre­sen­ta­to gli an­ni 80. Non mi è sem­bra­to alie­no, mi è sem­bra­to in­cre­di­bi­le, sem­pli­ce­men­te mol­to di­ver­so dal­la mia vi­ta di ades­so. Pro­prio non rie­sco a im­ma­gi­nar­mi di non ave­re il wi-fi! Det­to que­sto, nel­la se­rie ci so­no tan­ti rap­por­ti e il ge­ne­re di av­ve­ni­men­ti quo­ti­dia­ni in cui pos­sia­mo ri­co­no­scer­ci tut­ti – il ra­gaz­zo stra­no che non si in­te­gra nel grup­po, il bul­li­smo a scuo­la –e i re­gi­sti han- no in­cor­po­ra­to le lo­ro espe­rien­ze, è quel­lo ad aver re­so la sto­ria co­sì au­ten­ti­ca». Na­ta in Spa­gna da ge­ni­to­ri bri­tan­ni­ci, Brown stu­dia a ca­sa via in­ter­net. «Non mi man­ca­no ven­ti com­pa­gni di clas­se co­me ami­ci», ri­flet­te, «pre­fe­ri­sco ave­re cin­que ot­ti­mi ami­ci a cui pos­so ri­vol­ger­mi in qual­sia­si mo­men­to, e su cui pos­so con­ta­re per qual­sia­si co­sa. In com­pen­so, gra­zie al mio la­vo­ro ho po­tu­to viag­gia­re. So­no sta­ta ovun­que! Ades­so New York è un po’ la mia se­con­da ca­sa, do­po Los An­ge­les, par­to per Mes­si­co, Spa­gna, Au­stra­lia e Ba­li – per tut­to l’an­no!».Al mo­men­to di an­da­re in stam­pa, Brown ha fi­ni­to di gi­ra­re il suo pri­mo film, “Godzilla: King of the Mon­sters”, la cui usci­ta è pre­vi­sta per il 2019. «È sta­to fan­ta­sti­co – una del­le espe­rien­ze più dif­fi­ci­li e im­pe­gna­ti­ve, ma mi so­no an­che di­ver­ti­ta un mon­do con il ca­st. È sta­to un gran­de ono­re. Spe­cial­men­te Ve­ra Far­mi­ga, è in­cre­di­bi­le pen­sa­re che guar­de­rò mol­tis­si­mi film e mi di­rò: oh, ec­co di nuo­vo mia “ma­dre”! Ky­le Chand­ler è un at­to­re straor­di­na­rio e an­che una per­so­na con cui è bel­lis­si­mo la­vo­ra­re, pen­so di aver vi­sto ogni sin­go­lo epi­so­dio di “Fri­day Night Lights”! An­che O’Shea Jack­son Jr. e Char­les Dan­ce so­no se­con­do me at­to­ri di prim’or­di­ne con cui è me­ra­vi­glio­so la­vo­ra­re, per­so­ne straor­di­na­rie, che bu­ca­no lo scher­mo». Ri­guar­do al suo fu­tu­ro, sem­bra che uno spo­sta­men­to de­fi­ni­ti­vo ver­so il ci­ne­ma sia un pas­so na­tu­ra­le per Brown; “Godzilla” è so­lo la pun­ta dell’ice­berg, e ci so­no film di al­tro ge­ne­re che si pro­fi­la­no all’oriz­zon­te. «Ado­ro guar­da­re le com­me­die e mi in­te­res­sa ve­ra­men­te esplo­ra­re que­sto ge­ne­re. Mi piac­cia­no mol­tis­si­mo an­che i mu­si­cal e can­ta­re. Al­cu­ni at­to­ri so­no mol­to spe­ci­fi­ci ri­guar­do ai per­so­nag­gi che vo­glio­no in­ter­pre­ta­re ma io so­no a un pun­to del­la mia car­rie­ra in cui, se mi pia­ce un ruo­lo, lo fac­cio e ba­sta».

CON “STRAN­GER THINGS” HA SCOPERTO GLI AN­NI 80. E ORA DEBUTTA AL CI­NE­MA IN “GODZILLA”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.