FERGIE. TAKING THE STAGE

TAKING THE STAGE

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS - fo­to di Se­ba­stian Kim te­sto di Ni­co­la Sce­vo­la fa­shion edi­tor Si­mon Ro­bins

Fergie si met­te a nu­do, di nuo­vo. Con il se­con­do al­bum da so­li­sta usci­to a fi­ne set­tem­bre, la pan­te­ra dei Black Eyed Peas tor­na a rac­con­tar­si a più di die­ci an­ni da “The Dut­chess”, disco di de­but­to che nel 2006 ave­va sca­la­to le vet­te del­le clas­si­fi­che mi­sce­lan­do rap, R&B e hip-hop per rac­con­ta­re la sua lot­ta con­tro le dro­ghe e il cul­to per la for­ma fi­si­ca. Que­sta vol­ta, pe­rò, ac­can­to al la­to iro­ni­co e grin­to­so di sem­pre, la can­tan­te ca­li­for­nia­na ne met­te in mo­stra an­che uno più te­ne­ro e fem­mi­ni­le. «Con “Dou­ble Dut­chess” ho vo­lu­to sco­pri­re le par­ti più in­ti­me e vul­ne­ra­bi­li di me», di­ce la mu­si­ci­sta 42en­ne. Dall’ul­ti­ma usci­ta da so­li­sta, del re­sto, so­no pas­sa­ti ben 11 an­ni e nel­la sua vi­ta so­no suc­ces­se tan­te co­se: ci so­no sta- ti al­tri due al­bum con i Black Eyed Peas che in­clu­de­va­no riem­pi­pi­sta pla­ne­ta­ri co­me “I got­ta fee­ling”; ci so­no sta­te vo­ci in­si­sten­ti di una di­vi­sio­ne dal grup­po, che Fergie con­ti­nua a fu­ga­re de­fi­nen­do la band «par­te del­la mia fa­mi­glia»; c’è sta­to il ma­tri­mo­nio con Jo­sh Du­ha­mel, ex mo­del­lo e at­to­re ame­ri­ca­no (da cui la can­tan­te ha ap­pe­na an­nun­cia­to la se­pa­ra­zio­ne, “con amo­re e ri­spet­to as­so­lu­to”, do­po 8 an­ni pas­sa­ti in­sie­me); ma più di ogni al­tra co­sa c’è sta­ta la na­sci­ta del fi­glio Axl Jack, che a quat­tro an­ni è già gue­st star del nuo­vo disco. Sen­za dub­bio que­sto è ciò che l’ha cam­bia­ta mag­gior­men­te. «Ha ri­bal­ta­to le mie prio­ri­tà. Non vuol di­re che ho ri­nun­cia­to a es­se­re chi so­no ma men­tre una vol­ta, al di fuo­ri del la­vo­ro, il mio di­ver­ti­men­to era an­da­re per lo­ca­li, og­gi lo sva­go prin­ci­pa­le è tra­ve­stir­mi da pi­ra­ta per gio­ca­re con mio fi­glio». Non è un ca­so che il mo­men­to in cui Fergie si en­tu­sia­sma di più men­tre chiac­chie­ria­mo è pro­prio quan­do mi rac­con­ta del­la par­te­ci­pa­zio­ne del suo par­go­lo a un bra­no di “Dou­ble Dut­chess”. L’ar­ti­sta la­vo­ra spes­so dal­la sua vil­la di Los An­ge­les do­ve, ol­tre a pi­sci­na e pa­le­stra, ha uno stu­dio per bal­la­re e re­gi­stra­re mu­si­ca. Un gior­no, do­po aver sen­ti­to la ma­dre can­ta­re in fran­ce­se un pez­zo in­ti­to­la­to “En­chan­té Ca­ri­ne”, ispi­ra­to all’ex di­ret­tri­ce di Vogue Pa­ris Ca­ri­ne Roit­feld, il pic­co­lo Axl Jack si è mes­so a scim­miot­tar­la, ri­pe­ten­do al­cu­ne stro­fe. «Quan­do l’ho sen­ti­to can­ta­re in fran­ce­se mi ha fat­to

una te­ne­rez­za in­fi­ni­ta. L’ho re­gi­stra­to sen­za che se ne ac­cor­ges­se e ho in­se­ri­to la sua vo­ce nel mix fi­na­le. Axl Jack ne va fie­ris­si­mo e io pu­re». Ma al di là dell’or­go­glio ma­ter­no, Fergie re­sta al­ler­gi­ca al­le de­fi­ni­zio­ni ste­reo­ti­pa­te che si è sen­ti­ta cu­ci­ta ad­dos­so do­po il par­to, co­me ap­pa­re chia­ro in “M.I.L.F. $”, uno dei bra­ni più iro­ni­ci del nuo­vo al­bum. Ol­tre a rin­no­va­re il clas­si­co acro­ni­mo in “Moms I’d Li­ke to Fol­low”, nel vi­deo la can­tan­te pre­sen­ta un mon­do pa­ti­na­to di mam­me se­xy, ric­che, po­ten­ti: c’è la bom­ba for­mo­sa (Kim Kar­da­shian) che fa la doc­cia nel lat­te, la po­li­ti­ca di suc­ces­so (Am­ber Val­let­ta), la par­ty-girl con la car­roz­zi­na d’oro (Cia­ra), l’in­se­gnan­te do­mi­na­trix (Fergie). Tut­te che si di­ver­to­no fa­cen­do im­paz­zi­re uo­mi­ni più gio­va­ni di lo­ro. «So­no una don­na cat­to­li­ca ma non tro­vo nul­la di sba­glia­to nell’usci­re e di­ver­tir­si. Cer­ti ec­ces­si del pas­sa­to non m’in­te­res­sa­no più, ma an­che le mam­me han­no bi­so­gno di una pau­sa ogni tan­to». La nuo­va Fergie ha so­sti­tui­to le fel­pe in­cap­puc­cia­te del­la Dic­kies che pre­di­li­ge­va un tem­po con gli abiti fir­ma­ti Dol­ce & Gab­ba­na e la lun­ga chio­ma sti­ra­ta con un ta­glio più mos­so à la Kim Ba­sin­ger: il tom­boy del pas­sa­to si è tra­sfor­ma­to in don­na ma­tu­ra e so­fi­sti­ca­ta, ma lo spi­ri­to re­sta quel­lo di sem­pre, schiet­to, scan­zo­na­to e con una pas­sio­ne sfre­na­ta per lo show. Fergie sta già fre­men­do al­la pro­spet­ti­va del­la tour­née con cui pre­sen­te­rà il nuo­vo al­bum al mon­do, Ita­lia in­clu­sa. «Con Axl Jack è più com­pli­ca­to ma lo por­te­rò con me. Non vo­glio pri­var­mi del pia­ce­re di can­ta­re dal vi­vo». Fergie è un ani­ma­le da pal­co­sce­ni­co. Si è abi­tua­ta ad ave­re gli oc­chi pun­ta­ti ad­dos­so la­vo­ran­do da bam­bi­na per un pro­gram­ma di suc­ces­so del­la Tv ame­ri­ca­na. Pri­ma di com­pie­re di­ciott’an­ni ha fon­da­to la girl-band Wild Or­chid. E an­co­ra og­gi s’in­fiam­ma quan­do va in sce­na: in un fuo­ri pro­gram­ma a un con­cer­to ri­ma­sto fa­mo­so, Fergie ha im­prov­vi­sa­to tre flip di se­gui­to men­tre can­ta­va in­sie­me ai Black Eyed Peas. «So­no tal­men­te abi­tua­ta all’ener­gia del pal­co­sce­ni­co che men­tre scri­vo i bra­ni ho già in men­te co­me vo­glio ese­guir­li dal vi­vo, con tan­to di co­stu­mi e co­reo­gra­fia».

IN BOTTEGA AC­CAN­TO. QUE­STA CARDIGANVENETA. PA­GI­NA. NEL­LA BRUNELLO CAPPOTTO PA­GI­NA CUCINELLI. FA­SHION ASSISTANTS DENO AND DO­MI­NI­QUE AIMEE. MANICURE TRACY CLEMENS@OPUS BEAUTY USING TOM FORD. HAIR STYLIST TEDDY CHAR­LES@THE WALL GROUP. MAKEUP AR­TI­ST OZZY SALVATIERRA@LOWE & CO USING CLE DE PEAU.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.