GIACOMO FERRARA

L'UOMO VOGUE - - CONTENTS - fo­to di Lo­ren­zo Brin­ghe­li te­sto di Mat­tia Car­za­ni­ga fa­shion edi­tor Sa­rah Grit­ti­ni

Men­tre scat­ta le fo­to che ve­de­te in que­ste pa­gi­ne, Giacomo Ferrara ha un’aria spa­val­da. Gio­ca col fo­to­gra­fo, scher­za sui look, lan­cia una bat­tu­ta da lon­ta­no a me che spet­te­go­lo con la stylist: «Ma non eri qui per in­ter­vi­sta­re me?». Mi sta su­bi­to sim­pa­ti­co. Quan­do ci se­dia­mo a par­la­re, una taz­za di caf­fè da­van­ti, ri­con­fer­mo quel­la spa­val­de­ria, che, a dif­fe­ren­za di ciò che ac­ca­de con mol­ti dei suoi col­le­ghi, non sta a ce­la­re nes­su­na in­si­cu­rez­za. Ven­ti­sei an­ni, abruz­ze­se, un cur­ri­cu­lum già piut­to­sto fit­to, Giacomo è si­cu­ro di sé, e me­no ma­le. Ora è tra i pro­ta­go­ni­sti di “Su­bur­ra”, la pri­ma se­rie ita­lia­na pro­dot­ta da Net­flix. C’era già sta­to il film due an­ni fa, «ma io mo­ri­vo su­bi­to: ero il mo­ti­vo per cui tut­to il ca­stel­lo crol­la­va». Que­sto è un pre­quel. «Il film non do­ve­vo nean­che far­lo. So­no an­da­to ai pro­vi­ni co­me spal­la per al­tri at­to­ri, al­la fi­ne Ste­fa­no (Sol­li­ma, il re­gi­sta, nda) ha ca­pi­to che per Spa­di­no cer­ca­va­no qual­co­sa che in me ave­va­no in­tra­vi­sto. Nel­la se­rie il per­so­nag­gio è un’al­tra co­sa. Ho ri­pre­so al­cu­ne sfu­ma­tu­re dal la­vo­ro pas­sa­to, ma ave­vo di più da rac­con­ta­re». Ac­can­to a Ferrara ci so­no Ales­san­dro Bor­ghi, Eduar­do Val­dar­ni­ni, tut­to un grup­po di gio­va­ni at­to­ri che cre­sce, sgo­mi­ta, ce la fa. «Al di là del­le cri­ti­che, la no­stra è una gran­de ge­ne­ra­zio­ne. An­che al ci­ne­ma. Per an­ni c’è sta­to un vuo­to, ora ve­do at­tor­no a me tan­ti col­le­ghi bra­vis­si­mi. Riu­sci­re ad ac­ca­par­rar­mi una par­te mi inor­go­gli­sce, per­ché in ga­ra con me ci so­no gran­di at­to­ri. C’è com­pe­ti­zio­ne, ma an­dia­mo avan­ti in­sie­me». La pa­ro­la che non smet­te di ri­pe­te­re è “la­vo­ro”. «Non sto fer­mo nean­che quan­do non sto gi­ran­do. Con­ti­nuo a ve­de­re il mio ac­ting coa­ch, Ales­san­dro Pre­te, mi aiu­ta nel la­vo­ro su me stes­so at­to­re, che è sem­pre in mu­ta­men­to, sem­pre una sco­per­ta. Vo­glio che re­ci­ta­re sia un gio­co, ma so­no uno sta­ka­no­vi­sta. Noi at­to­ri dob­bia­mo ri­cer­ca­re l’ani­mo uma­no, e al­lo­ra io lo fac­cio sem­pre. Per di­re: quan­do ve­do una se­rie ma­ga­ri pen­so a una co­sa, la met­to da par­te... Fa­re tut­to se­guen­do que­sta tec­ni­ca è dif­fi­ci­le, ma pa­ra­dos­sal­men­te ren­de più fa­ci­le la vi­ta sul set. Ti crei del­le ba­si su cui pog­gia­re, sem­pre. Io par­to da me stes­so, tro­vo le

emo­zio­ni e stu­dio co­me ren­der­le frui­bi­li per il pub­bli­co. Non c’è nien­te di per­so­na­le, nien­te di psi­co­lo­gi­co. Pren­di quel­le emo­zio­ni e le por­ti nel la­vo­ro, poi la vi­ta è un’al­tra co­sa». Il so­gno di fa­re l’at­to­re, pe­rò, si con­fon­de da sem­pre con la vi­ta. «I miei han­no un al­ber­go in mon­ta­gna, sul­la Ma­iel­la, si scia guar­dan­do il ma­re. Ho fat­to un li­ceo do­ve si stu­dia­va la sto­ria del ci­ne­ma e del tea­tro, poi a di­ciott’an­ni ho pre­so e me ne so­no an­da­to a Ro­ma. Te­sta du­ra, sa­cri­fi­cio, co­rag­gio. La mia aspi­ra­zio­ne na­sce a ot­to an­ni, sul pal­co dell’ho­tel che usa­vo per in­trat­te­ne­re i clien­ti. Mi di­ver­ti­vo io, si di­ver­ti­va­no lo­ro. Poi, sem­pre in al­ber­go, c’era una sa­la con un pro­iet­to­re, io e mio cu­gi­no met­te­va­mo su i film e pas­sa­va­mo co­sì i po­me­rig­gi. Sa­pe­vo “Fran­ken­stein Ju­nior” di Mel Brooks a me­mo­ria». Si sen­te che la com­me­dia gli pul­sa sot­to pel­le. «Cer­co di met­te­re un po’ di co­mi­ci­tà an­che nei ruo­li dram­ma­ti­ci. Ma non pen­so al ge­ne­re, pren­do quel­lo che vie­ne». Og­gi pren­de an­che il suc­ces­so. «Ti stu­pi­sce, so­prat­tut­to se ar­ri­vi da un po­sto a 1640 me­tri d’al­tez­za e ti ri­tro­vi con una se­rie che an­drà in 190 pae­si nel mon­do. Ma cer­co il suc­ces­so per­so­na­le, non l’ap­pro­va­zio­ne del­la gen­te. At­tor­no a me ho an­co­ra gli ami­ci che ho scel­to pri­ma che ac­ca­des­se quel che mi è ca­pi­ta­to. La fa­ma a tut­ti i co­sti mi fa pen­sa­re a co­se brut­te». Ora si con­fron­ta con i gran­di. «Per Spa­di­no ave­vo un’idea da pro­por­re a Mi­che­le Pla­ci­do (re­gi­sta dei pri­mi due epi­so­di, nda), ero in­ti­mo­ri­to. Cioè, lui è un gran­dis­si­mo e ar­ri­vo io, ven­ten­ne, a dar­gli sug­ge­ri­men­ti. Pe­rò ave­vo in men­te que­sto: che Spa­di­no ogni tan­to si met­tes­se a bal­la­re. Mi­che­le è sta­to lì ad ascol­tar­mi, ha det­to: “Ma sì, pro­via­mo­ci”, al­la fi­ne que­sta co­sa del bal­lo l’ab­bia­mo te­nu­ta per tut­ta la se­rie». Il suc­ces­so por­ta an­che al­tri so­gni? «Ho già rea­liz­za­to più di quel­lo che avrei im­ma­gi­na­to. Spe­ro che “Su­bur­ra” mi per­met­ta di con­ti­nua­re a fa­re que­sto la­vo­ro in ma­nie­ra spen­sie­ra­ta, co­me sto fa­cen­do ora». Gli di­co che an­che que­sto è ra­ro: i suoi col­le­ghi so­no me­dia­men­te in­si­cu­ri, non li ho mai sen­ti­ti usa­re la pa­ro­la “spen­sie­ra­tez­za”. «Lo so. Mi ri­co­no­sco il fat­to che so­no ati­pi­co».

IN QUE­STE PA­GI­NE. GIACCA DI PEL­LE, PARAJUMPERS; PANTALONI INCOTEX. OCCHIALI DA SO­LE, RAYBAN. FA­SHION ASSISTANT FILIPPO CASAROLI. GROO­MER DANIELA GALEAZZI@FACETOFACEAGENCY.COM.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.