Mc

Marie Claire (Italy) - - NEWS - Di

Lol­ly La sto­ria ri­pe­te gli an­ti­chi vez­zi, le fa­ci­li ri­spo­ste, le stes­se scon­fit­te…

Ric­car­do Ro­ma­ni @ric­car­di­nouk

un uo­mo ti­mi­do, qua­si fuo­ri dal tem­po. 33 an­ni (10 più di me), do­po un pa­io di usci­te mi ha con­fes­sa­to di ave­re pau­ra del­le re­la­zio­ni, re­du­ce da una sto­ria de­va­stan­te. Ci tro­via­mo be­ne. Lui pe­rò con­ti­nua ad ave­re pau­ra di ro­vi­na­re tut­to e vuo­le aspet­ta­re an­che per fa­re l’amo­re. Li­be­ra Non c’è trap­po­la più mor­ta­le di quel­la che pre­pa­ria­mo con le no­stre ma­ni. Nel ro­man­zo di Bret Ea­ston El­lis Im­pe­rial Be­drooms c’è una fra­se che mi ha fat­to su­bi­to ve­ni­re in men­te que­sta ri­chie­sta di aiu­to. “Lei ri­de com­pia­ciu­ta. Po­treb­be ave­re vent’an­ni. Po­treb­be aver­ne tren­ta. Non si ca­pi­sce. E se si ca­pis­se sa­reb­be tut­to fi­ni­to”. Ec­co mia ca­ra Li­be­ra di no­me ma non di fat­to, at­tri­bui­sco ai tuoi 23 an­ni la ra­gio­ne di tan­to tur­ba­men­to. Ne ba­ste­reb­be so­lo qual­cu­no in più per ca­pi­re, co­me nel ro­man­zo di El­lis, che lad­do­ve sog­gior­na il mi­ste­ro la nostra ca­pa­ci­tà di giu­di­zio è mes­sa al tap­pe­to da un de­stro al fe­ga­to di Mi­ke Ty­son. Ho la sen­sa­zio­ne che se lui fos­se di­spo­ni­bi­le e non pro­ble­ma­ti­co, tu ri­schie­re­sti di per­de­re il tuo in­te­res­se. C’è den­tro di te un’ani­ma guer­re­sca che tro­va go­di­men­to in que­sta sfi­da. Al­la fi­ne ma­ga­ri ce­de­rà e fa­re­te l’amo­re. E do­po? Tut­ti - chi più chi me­no - nel­la vi­ta han­no avu­to sto­rie “de­va­stan­ti”. Tut­ti - chi più chi me­no - so­no ri­sor­ti e han­no ri­sco­per­to l’amo­re. La vi­ta bat­te tut­to. Un rap­por­to co­me que­sto tra­smet­te ti­mo­re di vi­ve­re. Di­re di aver pau­ra di ro­vi­na­re tut­to è ciò che si fa quan­do non si ha co­gni­zio­ne del fat­to che il più è già ro­vi­na­to.

Ag­giun­gia­mo la suo­ce­ra che de­te­sta da sem­pre il ma­ri­to del­la fi­glia e che, sco­per­to l’in­trec­cio, ver­sa di na­sco­sto goc­ce di ve­le­no nel caf­fè dell’uo­mo fi­no a ri­dur­lo in fin di vi­ta, co­strin­gen­do­lo a con­fes­sa­re il suo amo­re per la ba­by sit­ter. La mo­glie fe­ri­ta ir­re­pa­ra­bil­men­te lo ab­ban­do­ne­rà e tor­ne­rà a vi­ve­re dal­la ma­dre- non­na per­fi­da, che po­trà co­sì oc­cu­par­si dei bam­bi­ni. La ba­by sit­ter as­si­ste­rà il ma­ri­to pseu­do tra­di­to­re, quel­lo gua­ri­rà d’im­prov­vi­so dal ma­le mi­ste­rio­so e as­sie­me fug­gi­ran­no con­du­cen­do una vi­ta ma­le­det­ta, in­se­gui­ti dal­la lo­ro col­pa. Una vol­ta cre­sciu­ti, i bam­bi­ni non con­vin­ti dai rac­con­ti del­la non­na, si met­te­ran­no in viag­gio al­la ri­cer­ca del lo­ro pa­dre… Be’, pos­sia­mo an­da­re avan­ti per un cen­ti­na­io di pun­ta­te, co­me cer­te stuc­che­vo­li te­le­no­ve­las ve­ne­zue­la­ne buo­ne ap­pe­na per l’ora di pran­zo. Pe­rò quel­lo che mi rac­con­ti, ca­ra Lol­ly, è la tua vi­ta e tu non hai dav­ve­ro idea di co­sa co­sti tra­sfor­ma­re tut­to ciò in una pes­si­ma soap- ope­ra. Com­pli­men­ti per la tua sti­ma nei con­fron­ti del­la mo­glie (e da­tri­ce di la­vo­ro), che sa­reb­be il mo­ti­vo del­la tua fre­na­ta. Ma dav­ve­ro sa­re­sti di­spo­sta a ra­de­re al suo­lo tut­to que­sto - e un po’ an­che te stes­sa - per sta­re ap­pres­so all’im­pul­so di una tor­ri­da av­ven­tu­ra? Un con­si­glio: non be­re caf­fè sul luo­go di la­vo­ro. Non si sa mai. Gior­na­li­sta, so­gna­to­re cu­rio­so, aspi­ran­te fo­to­gra­fo, capricorno. Ha vis­su­to 15 an­ni a New York, rac­con­tan­do sto­rie in gi­ro per il mon­do. Og­gi vi­ve a Londra e con­f­da nel gran­de amo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.