Cro­na­che di vi­te DI­VER­SE dal­la no­stra in­via­ta al cen­tro del­le co­se e dei

Da un po’ di tem­po, mi suc­ce­do­no

Marie Claire (Italy) - - NEWS -

co­se stra­ne.So­no stra­ne per dav­ve­ro, non sa­prei spie­gar­le. Ora a scri­ver­le, pen­so di fa­re ma­le. Scri­ve­re è tra­sfor­ma­re. Pren­di un ac­ca­di­men­to, ti in­ter­ro­ghi sul­la tua fa­sci­na­zio­ne, cer­chi di at­tri­buir­gli un sen­so. Ma qui c’è po­co da in­ter­pre­ta­re, pos­so so­lo con­di­vi­de­re de­gli ar­ca­ni. L’AL­TRA NOT­TE, ho so­gna­to di in­con­tra­re Ha­na a Fran­co­for­te. In­te­res­san­te, ho pen­sa­to, Fran­co­for­te, a Fran­co­for­te non ci so­no mai sta­ta e non gli as­so­cio nien­te di nien­te. Gior­ni do­po, par­lan­do su Sky­pe con Ha­na, la mia psi­coa­na­li­sta li­ba­ne­se, che vi­ve a Bei­rut, che ho co­no­sciu­to a Bei­rut, che so es­se­re di Bei­rut, ho fat­to un sal­to: ri­de­va. «Che c’è da ri­de­re?» le ho chie­sto. «In­te­res­san­te il mo­do in cui l’in­con­scio co­mu­ni­ca. Tu non lo sai ma ci so­no na­ta, a Fran­co­for­te». «Ah», ho det­to stu­pi­ta e mi è ca­sca­ta la ma­scel­la. Dav­ve­ro, dav­ve­ro? ho pen­sa­to. Dop­pio ma­glio spa­zia­le. Cos’è que­sta ro­ba, un col­le­ga­men­to astra­le? IL MIO IN­CON­SCIO è con­sa­pe­vo­le di co­se che non do­vrei sa­pe­re, pa­re. Non mi ero an­co­ra ri­pre­sa, dal tur­ba­men­to, quan­do ho so­gna­to Ed Co­rey (e lì ho ca­pi­to che - dav­ve­ro - quan­do dor­mo for­se do il me­glio). Ed Co­rey, che non ve­de­vo da 20 an­ni. Ed Co­rey, con cui ho stu­dia­to gior­na­li­smo alla Co­lum­bia Uni­ver­si­ty di New York. Ed era ne­ro e ra­sta e del Bro­nx e sa­pe­va co­se che io igno­ra­vo. Una vol­ta mi dis­se ri­cor­da­ti che nes­su­no co­no­sce com­ple­ta­men­te se stes­so e se qual­cu­no ti di­ce il con­tra­rio re­ga­la­gli un fo­glio bian­co e una ma­ti­ta e di­gli: ora di­se­gna una ca­set­ta. Ed era spel­di­do e mi è di­spia­ciu­to quan­do ho sa­pu­to che sta­va mo­ren­do. L’ho sa­pu­to dal­la mai­ling li­st, gli ame­ri­ca­ni in que­sto so­no fa­vo­lo­si, han­no mai­ling li­st e tut­ti san­no tut­to di tut­ti, per sem­pre: fa­se ter­mi­na­le, can­cro al pan­creas, mor­fi­na e l’in­vi­to a se­guir­lo su ca­ring­brid­ge.org. DA LÌ, SI SCATENAVA una sur­rea­le con­ver­sa­zio­ne su Ed - il mo­ri­bon­do - con Ed mol­to vi­vo che in­te­ra­gi­va e ci di­ce­va che avreb­be con­ti­nua­to an­co­ra a far­lo fi­no a quan­do qual­cu­no gli aves­se chie­sto co­me mai non fos­se an­co­ra mor­to. A un cer­to pun­to, un com­pa­gno mol­to cat­to­li­co, fi­ni­to a in­se­gna­re all’Uni­ver­si­tà di Ma­ria, è in­ter­ve­nu­to di­cen­do di aver par­la­to con San Pie­tro («Ho i con­tat­ti») e che que­sti lo ave­va as­si­cu­ra­to che tut­to per Ed era pron­to. So­lo non fa­ces­se l’er­ro­re di an­da­re nel­la se­zio­ne dei gior­na­li­sti, poi­ché lì cer­ta­men­te ci sa­rem­mo ri­tro­va­ti tut­ti, e avrem­mo ripreso a di­scu­te­re e a li­ti­ga­re e a bri­ga­re in eter­no. Poi di Ed, per un pa­io di me­si, mi so­no di­men­ti­ca­ta del tut­to, fi­no all’al­tro gior­no, quan­do è com­par­so in so­gno. Era se­re­no, mi sa­lu­ta­va, mi di­ce­va che bel­lo è sta­to co­no­scer­ti. Al ri­sve­glio, stor­di­ta al mat­ti­no co­me sem­pre, ac­cen­de­vo il com­pu­ter e in un ba­le­no ero de­sta: “Ed is dead”, di­ce­va una email. Ed è mor­to. Men­tre so­gna­vo il suo te­ne­ro sa­lu­to, a Roma, lui se ne an­da­va, a Ma­n­hat­tan.

Il mio in­con­scio sa co­se che io non so, pa­re. Una not­te ho SO­GNA­TO Ed Co­rey con cui ho stu­dia­to gior­na­li­smo a New York. Po­co do­po da una mai­ling li­st ho sco­per­to che era ma­la­to. E lì ho ca­pi­to che quan­do dor­mo do il ME­GLIO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.