Ci­ne­ma

Marie Claire (Italy) - - NEWS - LA MA­RA­TO­NA NE­GA­TA

shi­va ISRAE­LE BLUES IL TEM­PO CHE CI VUO­LE UNA SET­TI­MA­NA E UN GIOR­NO di Asa­ph Po­lon­sk, con Sha­ron Ale­xan­der, Shai Avi­vi, Ev­ge­nia Do­di­na UN BRUT­TO GIOR­NO A BO­STON BO­STON- CACCIA ALL’UO­MO di Pe­ter Berg, con Mark Wa­hl­berg, Melissa Be­noi­st, Ke­vin Ba­con IN­TAN­TO, NEL SUD DEL PA­CI­FI­CO... QUA­SI CO­ME GIU­LIET­TA E RO­MEO TANNA di Mar­tin Bu­tler e Ben­tley Dean, con Mun­gau Dain, Ma­rie Wa­wa, Mar­ce­li­ne Ro­fit, Char­lie Ka­hla QUI TO­KYO L’( IN) UTI­LI­TÀ DI UNA PAU­SA RI­TRAT­TO DI FA­MI­GLIA CON TEM­PE­STA di Hi­ro­ka­zu Ko­re-Eda, con Hi­ro­shi Abe, Ki­rin Ki­ki, Yô­ko Ma­ki

Shi­va non è so­lo una di­vi­ni­tà in­dù, ma an­che la set­ti­ma­na di lut­to che ri­guar­da i pa­ren­ti stret­ti del de­fun­to. E più stret­to di Eyal e Vic­ky non c’è nes­su­no, vi­sto che han­no se­pol­to il fi­glio. Con la sem­bra che la tra­di­zio­ne ebrai­ca vo­glia di­re: per una set­ti­ma­na sof­fri­te quan­to e co­me vo­le­te, pian­ge­te­vi ad­dos­so, chiu­de­te­vi in ca­sa. Ma poi ba­sta. Rim­boc­ca­te­vi le ma­ni­che, c’è fuo­ri la vi­ta che vi sta aspet­tan­do. Co­sì fa, con un po’ di poe­sia e umo­ri­smo, an­che que­sta cop­pia israe­lia­na, so­spin­ta dal do­lo­re sen­za an­ne­gar­ci den­tro. Bra­vi i due at­to­ri, e il ra­gaz­zo vi­ci­no di ca­sa che fun­ge da de­to­na­to­re del­la rie­mer­sio­ne. Uno ci spe­ra sem­pre che da un film di in­trat­te­ni­men­to, stu­dia­to per oc­cu­par­si del­la no­stra adre­na­li­na, pos­sa fio­ri­re qual­co­sa di di­ver­so, un po­chi­no, ri­spet­to al ci­ne ta­ke-away a cui gli Sta­tes ci han­no abi­tua­ti. Il ter­ro­ri­smo di ma­tri­ce isla­mi­ca è ro­ba to­sta che do­vreb­be aiu­ta­re a su­pe­ra­re lo sche­ma bi­na­rio ter­ro­ri­sta cat­ti­vis­si­mo che tra­sci­na quel­lo de­bo­le e me­no cat­ti­vo + agen­ti di po­li­zia buo­nis­si­mi e ap­pe­na un po’ ru­vi­di per fa­re sim­pa­tia. Ma an­che que­sta ri­co­stru­zio­ne dell'at­ten­ta­to del 15 apri­le 2013 ci ca­sca den­tro. Pec­ca­to. Nel­la na­tu­ra pa­ra­di­sia­ca di un’iso­la dell’Ocea­no Pa­ci­fi­co che c’è di sba­glia­to? Ma le leg­gi che go­ver­na­no i suoi abi­tan­ti a vol­te so­no inac­cet­ta­bi­li, e sem­pre di più con l’in­cal­za­re del­la mo­der­ni­tà: co­sì Wa­wa, che ama Dain, si ri­fiu­ta di spo­sa­re l’uo­mo che il ca­po vil­lag­gio, per evi­ta­re una guer­ra, ha scel­to per lei, e... Un film sce­no­gra­fi­co, che non ce­de alla re­to­ri­ca del buon sel­vag­gio. Ogni re­la­zio­ne pri­ma di fi­ni­re è sta­ta for­te e pie­na di pro­mes­se. Il ma­tri­mo­nio tra Ryo­to, uno scrit­to­re dall’esor­dio fol­go­ran­te, e Kyo­ko, da cui è na­to Shin­go, non fa­ce­va ec­ce­zio­ne. Ma non ha ret­to ai ten­ta­ti­vi in­con­clu­den­ti di Ryo­to di con­ti­nua­re a es­se­re quel che sem­bra­va. Se­pa­ra­ti da tem­po, i tre si tro­va­no a pas­sa­re una not­te in­sie­me dal­la non­na aspet­tan­do che si at­te­nui un ti­fo­ne. In quel­la pau­sa fa­mi­lia­re for­za­ta riaf­fio­ra con discrezione ogni co­sa: il rim­pian­to di lui, il ran­co­re di lei, il rim­pian­to di lei, la ge­lo­sia di lui, la va­na spe­ran­za di Shin­go in una riu­ni­fi­ca­zio­ne dei ge­ni­to­ri, e poi il sen­so del­la pa­ter­ni­tà di Ryo­to. E alla fi­ne, il sole. Alla cui luce tut­to ri­pren­de co­me il gior­no pri­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.