IN AL­TO I CUORI

IL KAI­LA­SH È UNA MON­TA­GNA CHE SACRA NES­SU­NO È RIU­SCI­TO A SCALARE, NEM­ME­NO CO­SA DI CUI REI­N­HOLD MES­SNER. VA FIERO CO­ME DEI SUOI 8MILA. PER­CHÉ, CO­ME CI RAC­CON­TA, AB­BIA­MO SEM­PRE PIÙ BI­SO­GNO DELL’IM­POS­SI­BI­LE

Marie Claire (Italy) - - IMPRESE CELESTI - di Sa­ra Del Co­ro­na fo­to Sa­muel Zu­der

QUAN­TI GRADI DI SEPARAZIONE CI SO­NO TRA le im­ma­gi­ni che ve­dia­mo qui, que­sti spa­zi in­fi­ni­ti che si apro­no in­tor­no e in al­to ver­so il mon­te sa­cro Kai­la­sh (Hi­ma­la­ya, Ti­bet) men­tre i pel­le­gri­ni ci cam­mi­na­no in­tor­no ar­ma­ti so­lo di se stes­si e di un’ele­gan­za atem­po­ra­le e, in­ve­ce, le at­mo­sfe­re fuo­ri e den­tro i san­tua­ri no­stra­ni? San Gio­van­ni Ro­ton­do, Lour­des, per­si­no San­tia­go di Com­po­ste­la. Luo­ghi pie­ni di ru­mo­re e di co­se, di de­na­ri che pas­sa­no di ma­no in ma­no, di fa­vo­ri o mi­ra­co­li da sup­pli­ca­re, o pro­va­re a com­pra­re. La dif­fe­ren­za è tal­men­te abis­sa­le che chi la spe­ri­men­ta cam­bia poi qual­co­sa di pro­fon­do nel­la pro­pria vi­ta. Sa­muel Zu­der per esem­pio, au­to­re di que­ste e mol­te al­tre fo­to rac­col­te nel li­bro Fa­ce To Fai­th (Ha­t­je Can­tz), DUE SCORCI DELLLA KORA, IL PER­COR­SO SA­CRO CHE AGGIRA IL KAI­LA­SH E DO­VREB­BE ES­SE­RE COM­PIU­TO IN UN GIOR­NO. NEL­LA PA­GI­NA PRE­CE­DEN­TE IL SA­GA DAWA FE­STI­VAL, CHE SI CE­LE­BRA NEL GIOR­NO DI LUNA PIENA DEL QUAR­TO ME­SE DEL CALENDARIO TIBETANO.

«SI NARRA CHE CI SIA SA­LI­TO SO­LO MILAREPA, AIUTANDOSI CON I RAGGI DEL SO­LE »

di si­cu­ro ha cam­bia­to sguar­do, tra­spor­tan­do an­che nei suoi scat­ti un’at­ti­tu­di­ne con­tem­pla­ti­va. Rei­n­hold Mes­sner, l’al­pi­ni­sta più fa­mo­so, più ge­nia­le, più in­fal­li­bi­le, più te­star­do di tut­ti i tem­pi, ha cam­bia­to idea. «Era l’85. Un mio ami­co sviz­ze­ro, me­di­co per­so­na­le del re del Bu­than, ave­va tra i suoi pa­zien­ti un mi­ni­stro cinese: sta­va mol­to ma­le ed era ve­nu­to dalla Ci­na ap­po­sta per far­si cu­ra­re da lui. Quan­do gua­rì, ri­par­ten­do chie­se al suo sal­va­to­re: “Co­sa vuoi? Dim­me­lo. Qua­lun­que co­sa”. Il mio ami­co, non­ché com­pa­gno di va­rie spe­di­zio­ni, mi chia­mò: “Par­la­vi sem­pre di una mon­ta­gna in Ti­bet che vo­le­vi ve­de­re e an­che sa­li­re, com’è che si chia­ma? Pos­so far­ti ave­re il per­mes­so”. La leg­gen­da narra che in ci­ma al Kai­la­sh (sa­cro per quat­tro re­li­gio­ni: bud­di­smo, in­dui­smo, giai­ni­smo, e il cul­to au­toc­to­no del Ti­bet: il bön, ndr) sia sa­li­to sol­tan­to il mae­stro bud­di­sta Milarepa sen­za toc­ca­re la roc­cia, aiutandosi coi raggi del so­le. Fe­ce una ga­ra con un

mo­na­co bön, e vin­se. La leg­gen­da di­ce an­che che una per­so­na pu­ra può sa­li­re sul Kai­la­sh af­fer­ran­do la lu­ce del­la luna». La pos­si­bi­li­tà di rag­giun­ge­re la vet­ta sacra per pri­mo, o di­cia­mo per se­con­do do­po Milarepa, de­ve es­se­re sta­ta un ri­chia­mo for­tis­si­mo per Rei­n­hold Mes­sner, che all’epo­ca si era la­scia­to già al­le spal­le mol­ta par­te di ciò che l’ha re­so ce­le­bre: ave­va sca­la­to tut­te le Do­lo­mi­ti apren­do mol­te nuo­ve vie in ar­ram­pi­ca­ta li­be­ra; era qua­si morto sul Nan­ga Par­bat ma co­mun­que so­prav­vi­ven­do all’ama­tis­si­mo fra­tel­lo Gün­ther; era già sta­to il pri­mo al­pi­ni­sta, con Pe­ter Ha­be­ler, a con­qui­sta­re un ot­to­mi­la sen­za os­si­ge­no, a cui se­gui­ro­no al­tri ot­to­mi­la sen­za os­si­ge­no, an­che in so­li­ta­ria, e pre­ci­sa­men­te nel 1986 era­no tut­ti e 14 gli ot­to­mi­la del­la Ter­ra, spes­so inau­gu­ran­do vie fi­no ad al­lo­ra inim­ma­gi­na­te. «Dun­que il mio ami­co me­di­co chie­se co­me fa­vo­re la pos­si­bi­li­tà per me di ag­gi­ra­re la mon­ta­gna (il per­cor­so, di 54 chi­lo­me­tri, si chia­ma kora e oscil­la tra i 4500 e i 5600 me­tri. Si di­ce che com­pier­lo per 108 vol­te por­ti drit­to all’il­lu­mi­na­zio­ne, ndr) e di sca­lar­la, e il mi­ni­stro tan­to ha fat­to che il per­mes­so del gi­ro, uno dei pri­mi ri­la­scia­ti do­po la con­qui­sta del Ti­bet da par­te dei ci­ne­si, ar­ri­vò su­bi­to. C’era un’op­zio­ne per po­ter scalare il Kai­la­sh l’an­no do­po, nell’86. An­che il mio ami­co ven­ne con me a fa­re la kora ». È QUAN­DO SI ACCORCIA LA DI­STAN­ZA TRA IL de­si­de­rio e la sua rea­liz­za­zio­ne che ac­ca­de qual­co­sa. Di gran­de: «Una vol­ta che mi so­no tro­va­to sot­to il Kai­la­sh, che ho vi­sto la gen­te lo­ca­le in pel­le­gri­nag­gio - c’era­no so­lo ti­be­ta­ni, nien­te tu­ri­sti -, che ho vi­sto co­me guar­da­va­no quel­la mon­ta­gna, ho ca­pi­to che non po­te­vo sa­li­re. Non avreb­be­ro mai per­do­na­to uno dell’Ove­st che ar­ri­va­va con le cor­de ad ag­gre­dir­la. Tor­nan­do a ca­sa ho av­ver­ti­to il go­ver­no cinese di fer­ma­re la pra­ti­ca ». Del re­sto Mes­sner non ha mai vo­lu­to ren­der­si com­pli­ce di quel­lo che, nel suo fa­mo­so ar­ti­co­lo pub­bli­ca­to sul­la ri­vi­sta del Cai nell’ot­to­bre del 1968, ha de­fi­ni­to “l’as­sas­si­nio dell’im­pos­si­bi­le”. Si ri­fe­ri­va agli al­pi­ni­sti che ave­va­no ini­zia­to a sa­li­re le mon­ta­gne “a piom­bo”, se­guen­do una li­nea ret­ta, tan­to c’era­no i chio­di a espan­sio­ne e nuo­vi au­si­li tec­ni­ci do­ve gli ap­pi­gli non era­no suf­fi­cien­ti. In­ve­ce di stu­dia­re la roc­cia, ri­spet­tar­la e “se­guir­la” fi­no alla ci­ma per stra­te­gie e de­via­zio­ni suc­ces­si­ve. In­ve­ce di fer­mar­si quan­do l’asce­sa fos­se ri­sul­ta­ta im­pos­si­bi­le. Un ar­go­men­to che di­ce qual­co­sa an­che a noi, abi­tua­ti or­mai a ot­te­ne­re istan­ta­nea­men­te qua­si tut­to, sem­pre più in­ca­pa­ci di mi­su­rar­ci con una qua­lun­que idea di li­mi­te. « Ave­vo so­lo 22 an­ni quan­do ho scrit­to quell’ar­ti­co­lo, e ci so­no due o tre co­se naïf. Ma in ef­fet­ti il di­scor­so vo­le­va com­pren­de­re

qual­co­sa di più lar­go. Par­la­va dell’op­por­tu­ni­tà del­la ri­nun­cia. Se ca­pia­mo fi­nal­men­te che è un va­lo­re po­si­ti­vo e non ne­ga­ti­vo, che è mol­tis­si­mo ciò che vo­glia­mo ma non ci ser­ve... A me ba­sta che non mi tol­ga­no la pos­si­bi­li­tà di fa­re e crea­re, per esem­pio que­sti sei mu­sei del­la mon­ta­gna che ho fon­da­to (mes­sner-moun­tain-mu­seum.it) e i film che ho ini­zia­to a gi­ra­re: Still Ali­ve (pre­sen­ta­to al Fe­sti­val di Tren­to, ndr) e ora sto la­vo­ran­do a uno su un’al­tra mon­ta­gna sacra dell’Ama­da­blan, in Ne­pal. Di­co­no che sia usci­ta dall’Ocea­no co­me un fa­lò, e at­tor­no a lei le ter­re­fer­me si sia­no for­ma­te nel­lo stes­so mo­do con cui si fa il bur­ro. Bel­lis­si­mo, no? Per il re­sto, di una Por­sche non me ne fac­cio nien­te, tra l’al­tro qui il li­mi­te di ve­lo­ci­tà è 130 ». Mes­sner sa ascol­ta­re i mi­ti, e li sa tra­smet­te­re. Cre­de­re è un’al­tra sto­ria. «Non cre­do a un Dio ma so­no pos­si­bi­li­sta. Mi sem­bra chia­ro che tut­te le re­li­gio­ni sia­no del­le in­ven­zio­ni, dei rac­con­ti mol­to for­ti che han­no re­si­sti­to ai se­co­li. Lo stes­so va­le per l’al­pi­ni­smo: esi­ste so­lo per­ché da 250 an­ni si rac­con­ta l’ap­proc­cio dell’uo­mo alla mon­ta­gna. Se to­glies­si­mo la nar­ra­zio­ne, di­ven­te­reb­be uno sport e nien­te più, ma è un fat­to cul­tu­ra­le che ha die­tro fi­lo­so­fie, mi­glia­ia di ti­to­li di li­bri, mi­lio­ni di ti­ra­tu­re, mu­si­ca... Co­mun­que, il fat­to che gli dei sia­no in­ven­zio­ni uma­ne non di­ce che una for­za di­vi­na non esi­sta. O non esi­sta un al­di­là. So­lo che non per­de­rò nem­me­no un se­con­do a chie­der­mi co­me sia. Qua in Sud­ti­ro­lo pen­sa­no tut­ti che sia mat­to, ma l’Il­lu­mi­ni­smo ci ha por­ta­to a ve­de­re il mon­do in mo­do ab­ba­stan­za chia­ro e io l’al­di­là non lo toc­co. So so­lo che i miei ato­mi non si di­sfe­ran­no, ri­mar­ran­no. Sa qual è il fu­ne­ra­le più bel­lo? Quel­lo tibetano che chia­ma­no “del cie­lo”. Met­to­no il morto sull’al­ta­re, lo pre­pa­ra­no e poi ven­go­no gli av­vol­toi e si por­ta­no via il cor­po pian piano, fin­ché non re­sta nean­che un piz­zi­co di qual­co­sa. La mer­da ca­de giù, cre­sce una pian­ta, la pian­ta vie­ne man­gia­ta da un ani­ma­le, l’uo­mo man­gia un pez­zo di car­ne e le cel­lu­le e gli ato­mi tor­na­no a un’al­tra per­so­na. Non è il con­cet­to di rein­car­na­zio­ne ma dà il sen­so che il cer­chio non fi­ni­sce». A pro­po­si­to di di­sgre­ga­zio­ne, che ci di­ce, si­gnor Mes­sner, del­le Do­lo­mi­ti, che so­no ap­pe­na di­ven­ta­te patrimonio dell’Une­sco e già il per­ma­fro­st che le te­ne­va in­sie­me si è sciol­to e stan­no ca­den­do gu­glie al rit­mo di una cin­quan­ti­na ogni esta­te? Co­me si fa a ce­le­bra­re la mon­ta­gna e le sue al­tez­ze se la mon­ta­gna vie­ne giù? «Non si può fa­re nien­te, è trop­po tar­di. Que­ste ci­me di­ven­te­ran­no de­ser­ti, sab­bia, e alla fi­ne il ven­to e l’ac­qua le por­te­ran­no in ma­re. E lì cre­sce­ran­no al­tre mon­ta­gne. Bel­lis­si­mo, no? ».

Le im­ma­gi­ni di que­sto ar­ti­co­lo so­no trat­te dal li­bro fo­to­gra­fi­co Fa­ce To Fai­thMoun­tain Kai­la­sh - Ti­bet di Sa­muel Zu­der ( Ha­t­je Can­tz).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.