SCUSA, POTRESTI CON­DI­VI­DE­RE UN PO’ MENO?

Ma­schio over­sha­ring: quell’uo­mo che se vai sui suoi so­cial sco­pri tut­to di lui, in­clu­si i det­ta­gli del­la vi­ta di cop­pia. Un uo­mo che in­te­ra­gi­sce ogni gior­no con 4900 ami­ci in­ti­mi può es­se­re dav­ve­ro un buon ma­ri­to?

Marie Claire (Italy) - - SOCIOPATIE MODERNE - di Si­mo­na Si­ri il lu­stra­zio­ne Da­mien Flo­ré­bert Cuy­pers

LA MIA AMI­CA

Chia­ra l’al­tro gior­no è ar­ri­va­ta da me di­spe­ra­ta. «De­vo par­lar­ti di una co­sa se­ris­si­ma, an­zi due», ha det­to col to­no che la­scia­va pre­sa­gi­re tra­ge­die ben più de­va­stan­ti del­la mor­te del gat­to. «Al­lo­ra, la buo­na no­ti­zia è che io e Lu­ca stia­mo in­sie­me da sei me­si», ha con­ti­nua­to con pi­glio de­ci­so, co­me se io do­ves­si sa­pe­re chi dia­vo­lo fos­se mai que­sto Lu­ca. «Quel­la cat­ti­va, è che se guar­di il suo pro­fi­lo Fa­ce­book pra­ti­ca­men­te io non esi­sto. Non so­lo il suo sta­tus è an­co­ra se­gna­to co­me “sin­gle”, e vab­bè; ma ogni vol­ta che uscia­mo, an­dia­mo in un ri­sto­ran­te, a tea­tro, al ci­ne­ma, a fa­re una gi­ta, in­som­ma ogni vol­ta che sia­mo in una si­tua­zio­ne in cui quan­do è da so­lo po­ste­reb­be una fo­to, o non po­sta nien­te, op­pu­re se lo fa, non mi tag­ga mai. Co­me se io non fos­si con lui. Co­me se vo­les­se te­ner­mi se­gre­ta. Non so co­sa pen­sa­re. So­no ad­di­rit­tu­ra ar­ri­va­ta a ipo­tiz­za­re che ab­bia un’al­tra fi­dan­za­ta se­gre­ta, una cui non vuol far sa­pe­re i suoi spo­sta­men­ti e so­prat­tut­to la mia esi­sten­za. Sto di­ven­tan­do mat­ta. Se­con­do te do­vrei par­lar­glie­ne? Eh? Ehi, di­co a teeee! ». Da ra­gaz­za per­spi­ca­ce Chia­ra ave­va col­to la mia po­ca em­pa­tia al dram­ma del man­ca­to tag­ga­men­to. Quel­lo che non po­te­va sa­pe­re è che men­tre sta­va par­lan­do, nel­la mia te­sta rim­bal­za­va un so­lo pen­sie­ro: bea­ta! Sì, bea­ta lei. Eb­be­ne sì, Chia­ra con la sua in­vi­si­bi­li­tà sui so­cial net­work io la in­vi­dio, per un mo­ti­vo sem­pli­cis­si­mo: so­no spo­sa­ta con un uo­mo che sui so­cial met­te di tut­to e quan­do di­co di tut­to in­ten­do pro­prio tut­ti i fat­ti nostri di cop­pia. Non so co­me sia po­tu­to suc­ce­de­re. An­ni an­dan­do in gi­ro a fa­re di­chia­ra­zio­ni sbruf­fo­ne del ti­po «gli uo­mi­ni de­cen­ti ri­ma­sti in gi­ro so­no quel­li che non usa­no Fa­ce­book», op­pu­re

«da­te­mi un uo­mo che non sma­net­ti sui so­cial e ci fac­cio die­ci fi­gli» , in­ten­den­do l’igno­ran­za vir­tua­le co­me la più al­ta for­ma di in­tel­li­gen­za. Ec­co, an­ni co­sì e poi so­no fi­ni­ta con un

tag­ga­to­re com­pul­si­vo, con un ma­schio over­sha­ring, uno che ci tie­ne a far sa­pe­re al mon­do tut­ti i det­ta­gli del­la nostra so­cia­li­tà ma­tri­mo­nia­le. Ba­sta an­da­re sul suo pro­fi­lo per sa­pe­re tut­to del­la nostra vi­ta di cop­pia: do­ve sia­mo sta­ti in va­can­za gli ul­ti­mi tre an­ni, do­ve ab­bia­mo tra­scor­so il Ca­po­dan­no, in qua­li al­ber­ghi ab­bia­mo dor­mi­to, qua­li band sia­mo an­da­ti a sen­ti­re, da qui ri­sa­len­do fi­no al 2013, le mo­stre, i film, le con­fe­ren­ze, i brun­ch, gli ami­ci, i pa­ren­ti, le pas­seg­gia­te al par­co, i li­bri, in­som­ma tut­to. Vo­le­te de­gli esem­pi con­cre­ti? Lo scor­so wee­kend, brun­ch a Broo­klyn con due ami­ci, tag­ga­ti lo­ro e geo­lo­ca­liz­za­ti tut­ti per­si­no il ca­ne, che era al suo pri­mo viag­gio in me­tro­po­li­ta­na, e non vuoi im­mor­ta­la­re il mo­men­to e met­ter­lo su Fa­ce­book? Cer­to che vuoi! Il ve­ner­dì pri­ma: do­cu­men­ta­rio al nuo­vo Quad, un pic­co­lo ci­ne­ma nel We­st Vil­la­ge ap­pe­na ria­per­to. Sic­co­me è com­ple­ta­men­te re­stau­ra­to e ades­so è tut­to ros­so e ne­ro, non vuoi far­glie­la una fo­to e tag­gar­ci tut­ti e due lì, ac­can­to al ti­to­lo del do­cu­men­ta­rio? Ma si­cu­ra­men­te. Pon­te di Pa­squa: gi­ta nel­la Hud­son Valley con per­not­ta­men­to in una fat­to­ria con ca­pre e ca­val­li chia­ma­ta Li­ber­ty Farm. Tag­ga­ta pu­re lei, ca­pre com­pre­se. Quan­do in­ve­ce non tag­ga, mio ma­ri­to su Fa­ce­book chie­de con­si­gli. «Dob­bia­mo tra­slo­ca­re, chi mi sug­ge­ri­sce una dit­ta af­fi­da­bi­le e po­co ca­ra?». Se­guo­no die­ci ri­spo­ste di gen­te che quin­di chie­de do­ve an­dre­mo, quan­do, in che ti­po di ca­sa, e in­som­ma fa do­man­de, con lui im­per­ter­ri­to che ri­spon­de a tut­ti. «Ab­bia­mo bi­so­gno di un ve­te­ri­na­rio (o di un ga­stroen­te­ro­lo­go, o di un im­bian­chi­no, o ag­giun­ge­te voi quel­lo che vo­le­te, tan­to ave­te ca­pi­to, no?). Chi ce ne con­si­glia uno?». E, idem co­me so­pra, se­guo­no do­man­de sul­la sa­lu­te del ca­ne o del nostro trat­to ga­stri­co, do­man­de al­le qua­li mio ma­ri­to ri­spon­de, ov­via­men­te. Po­trei an­da­re avan­ti re­cu­pe­ran­do me­si e an­ni co­sì, tut­ti iper­do­cu­men­ta­ti e so­prat­tut­to con­di­vi­si con - te­ne­te­vi for­te - i suoi esclu­si­vis­si­mi, su­per in­ti­mi 4.907 ami­ci. Ave­te let­to be­ne: quat­tro­mi­la­no­ve­cen­to­set­te ami­ci. Tra­la­scia­mo che di que­sti quat­tro­mi­la e pas­sa stret­ti e vi­ci­nis­si­mi ami­ci, ne co­no­sce­rò sì e no 20, tra­la­scia­mo che so­no sce­ma io per­ché con uno con quat­tro­mi­la e pas­sa ami­ci non avrei do­vu­to

pren­der­ci nean­che un caf­fè, fi­gu­rar­si im­pa­ren­tar­mi le­gal­men­te, il pro­ble­ma ri­ma­ne, e la do­man­da da por­ci tut­ti quan­ti è: quan­do la con­di­vi­sio­ne è trop­pa? Mi spie­go: non che io sia una che sta lon­ta­na dai so­cial per par­ti­to pre­so o per po­si­zio­ne in­tel

let­tua­le. Tutt’al­tro. Sui so­cial ci so­no e mi di­ver­to, mi fac­cio i sel­fie co­me tut­ti, scri­vo sce­men­ze, con­di­vi­do ar­ti­co­li, in­som­ma fac­cio quel­lo che fa chiun­que. So­lo che lo fac­cio con un mi­ni­mo di pri­va­cy, e lo so che det­ta co­sì sem­bra una con­trad­di­zio­ne. In­ve­ce no, ba­sta pren­de­re qual­che ac­cor­gi­men­to. Ad esem­pio, al con­tra­rio di mio ma­ri­to che è ful­mi­neo e sem­pre a tem­po, io non po­sto qua­si mai fo­to dei po­sti do­ve so­no nel mo­men­to in cui ci so­no. Di so­li­to aspet­to qual­che ora o qual­che gior­no. Il ri­sul­ta­to è che spes­so la gen­te mi di­ce «ah, ho vi­sto che sei in va­can­za », quan­do in­ve­ce so­no ma­ga­ri tor­na­ta già da una set­ti­ma­na, ma pa­zien­za. An­zi, me­glio. È esat­ta­men­te ciò che vo­glio. Mi fa sen­ti­re meno espo­sta, co­me se ri­ve­las­si di meno, più in con­trol­lo del­le mie espe­rien­ze, so­prat­tut­to se so­no di cop­pia. È una for­ma for­se scioc­ca di pro­te­zio­ne che pe­rò su di me fun­zio­na (e se fos­se sta­ta fur­ba, Kim Kar­da­shian avreb­be fat­to lo stes­so evi­tan­do­si lo spa­ven­to del­la ra­pi­na e tut­to quel­lo che è ve­nu­to do­po). Quan­do in­ve­ce lo fa lui, nel mo­men­to in cui sia­mo in­sie­me, mi sem­bra una man­can­za di ri­spet­to ver­so la nostra in­ti­mi­tà, una inu­ti­le con­di­vi­sio­ne di qual­co­sa che è pri­va­to e con­fi­den­zia­le. For­se è una for

ma di ge­lo­sia. An­zi, sen­za il for­se: è si­cu­ra­men­te una for­ma di ir­ra­zio­na­le, scioc­ca, per nul­la giu­sti­fi­ca­ta ge­lo­sia. Pe­rò è co­sì ed è ab­ba­stan­za per far na­sce­re di­scus­sio­ni tra noi. «Ma quin­di se io, che so, fi­ni­sco in ospe­da­le in fin di vi­ta, tu lo po­sti su­bi­to? Hashtag #pray­for­si­mo­na?». «Ah ah, mol­to di­ver­ten­te». «No, di­co sul se­rio. Dim­mi tu dov’è il li­mi­te, se ce n’è uno». «Ma se ti la­men­ta­vi sem­pre se non ti tag­ga­vo nel­le fo­to! ». Ci ho mes­so die­ci se­con­di a ca­pi­re di che co­sa stes­se par­lan­do, ma poi ho rea­liz­za­to: c’è sta­to un pe­rio­do, all’ini­zio del­la nostra re­la­zio­ne, in cui usci­va­mo in­sie­me, lui po­sta­va la fo­to ma non ag­giun­ge­va il mio no­me. E io ero con­vin­ta lo fa­ces­se per non tur­ba­re qual­che fan o qual­che aman­te o ma­ga­ri qual­che ex (non so­no pa­ra­noi­ca: su 4.907 ami­ci capite che la pro­ba­bi­li­tà che den­tro ci sia­no ex psi­co­pa­ti­che o grou­pie as­sa­ta­na­te è mol­to, mol­to al­ta). Ec­co, c’è sta­to un pe­rio­do in cui ero Chia­ra. Per cui il con­si­glio a lei e a tut­te quel­le con un uo­mo che le tie­ne in­vi­si­bi­li sui so­cial è: « At­ten­te a la­men­tar­vi, per­ché po­tre­ste fi­ni­re co­me me».

«On­li­ne po­trei ri­co­strui­re AN­NI di va­can­ze, ho­tel e gi­te in co­mu­ne. La DO­MAN­DA è: quan­do l’ESPOSIZIONE di­ven­ta trop­pa?»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.