CRISTIANA CAPOTONDI

Marie Claire (Italy) - - VOSTRE ALTEZZE -

AT­TRI­CE, AL MO­MEN­TO È SUL SET DI NO­ME DI DON­NA, IL NUO­VO FILM DI MAR­CO TULLIO GIORDANA

Era l’esta­te di due an­ni fa: av­ver­ti­vo for­te il bi­so­gno di fa­re un gi­ro sen­za pro­gram­mi, sen­ti­vo di do­ver cam­bia­re, di cre­sce­re, uno di quei fran­gen­ti in cui ciò che an­da­va be­ne pri­ma ini­zia­va a star­mi stret­to. Sia­mo par­ti­ti in cin­que su una Pan­da, una pic­co­la va­li­gia a te­sta e nul­la di or­ga­niz­za­to. Dall’iso­la d’El­ba ab­bia­mo rag­giun­to la Cor­si­ca con l’idea del­la bar­ca a ve­la. Ap­pe­na ar­ri­va­ti ab­bia­mo sca­la­to il pic­co­lo mon­te so­pra Por­to Vec­chio, do­ve si tro­va un vil­lag­gio di­sa­bi­ta­to. Rag­giun­ta la vet­ta mi si è aper­to da­van­ti il Me­di­ter­ra­neo e l’ani­mo si è sen­ti­to su­bi­to sol­le­va­to. Do­po un gi­ro nell’en­tro­ter­ra ci sia­mo im­bar­ca­ti e il ma­re, co­me sem­pre, mi re­sti­tui­va un sen­so di li­ber­tà all’en­ne­si­ma po­ten­za. Mi sem­bra­va di aver re­cu­pe­ra­to quel viag­gio del­la ma­tu­ri­tà che non ho mai fat­to per­ché ini­ziai a la­vo­ra­re su­bi­to do­po gli esa­mi. Rien­tra­ta a ca­sa ho ri­sco­per­to una con­vi­ven­za più leg­ge­ra e di­ver­ti­ta con me stes­sa. Spes­so, quan­do di­cia­mo di aver bi­so­gno di un cam­bia­men­to, que­sto non ha nul­la a che fa­re con l’ester­no, ma è un’at­ti­tu­di­ne tut­ta in­te­rio­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.