mc uf­fi uf­fi(cio)

Tut­ti do­vrem­mo avere il coraggio (e la LI­BER­TÀ) di da­re opi­nio­ni sull’azien­da che ci CACCIA. Co­me ha fat­to lei. Pec­ca­to che si sia an­che van­ta­ta di non aver mai let­to il gior­na­le do­ve ave­va LAVORATO per 36 an­ni

Marie Claire (Italy) - - CONTENTS -

di Lu­cy Kel­la­way

LU­CIN­DA CHAM­BERS, EX DI­RET­TO­RE MO­DA di Vo­gue UK, ha re­ga­la­to po­che set­ti­ma­ne fa un pa­io di re­go­le d’oro su co­me com­por­tar­si quan­do si vie­ne fat­ti fuo­ri. In un’in­ter­vi­sta si è ri­fiu­ta­ta di fin­ge­re che la rot­tu­ra sia stata con­sen­sua­le: «Non me ne so­no an­da­ta, so­no stata li­cen­zia­ta». E poi ha ta­glia­to tut­ti i pon­ti con il pas­sa­to cri­ti­can­do la ri­vi­sta do­ve ha lavorato per 36 an­ni e but­tan­do nel­la spaz­za­tu­ra l’in­te­ra in­du­stria del­la mo­da. Se­con­do lei, la mo­da prima ti ma­sti­ca e poi ti spu­ta. Le ri­vi­ste pa­ti­na­te non dan­no po­te­re al­le don­ne, ma le in­co­rag­gia­no a com­pra­re co­se co­sto­se di cui non han­no bi­so­gno. E, peg­gio an­co­ra, so­no in com­but­ta con gli in­ser­zio­ni­sti pub­bli­ci­ta­ri.

DO­VREM­MO DISAPPROVARE quan­do qual­cu­no la­va i pan­ni spor­chi in pub­bli­co, ma, do­po aver let­to l’in­ter­vi­sta del­la Cham­bers su que­sto mi­ste­rio­so ma­ga­zi­ne di mo­da Ve­stoj.com, io ap­pro­vo. Le mac­chie sul­le len­zuo­la di Vo­gue so­no sta­te sa­lu­ta­ri da ve­de­re, an­che se era­no pre­ve­di­bi­li. È un pec­ca­to che le persone non lo fac­cia­no più spes­so. Pra­ti­ca­men­te tut­ti quel­li che de­vo­no la­scia­re un po­sto di la­vo­ro ten­go­no la boc­ca chiu­sa, in par­te per ri­spet­ta­re le buo­ne ma­nie­re e in par­te per­ché pen­sa­no che ta­glia­re i pon­ti non sia nel lo­ro in­te­res­se. Se non è que­sto prag­ma­ti­smo a im­ba­va­gliar­li, lo fa­rà cer­ta­men­te quel­la “clau­so­la di non-de­ni­gra­zio­ne” che han­no fir­ma­to nel con­trat­to. Que­ste stes­se clau­so­le do­vreb­be­ro es­se­re eli­mi­na­te, per­ché in­tac­ca­no la li­ber­tà di pa­ro­la e per­met­to­no al­le azien­de di con­ti­nua­re a com­por­tar­si ma­le. Tut­ti do­vreb­be­ro po­ter di­re quel che vo­glio­no quan­do vo­glio­no sui po­sti do­ve han­no lavorato, a pat­to di non ri­ve­la­re se­gre­ti azien­da­li. Ci so­no po­che pos­si­bi­li­tà che le re­pu­ta­zio­ni azien­da­li va­da­no di­strut­te sen­za che se lo me­ri­ti­no, per­ché il pub­bli­co è in gra­do di di­stin­gue­re i com­men­ti aci­di dal­le cri­ti­che sen­sa­te. AN­CO­RA ME­GLIO DI TUT­TE LE VERITÀ, era l’uso or­go­glio­so del­la pa­ro­la “li­cen­zia­ta”. Le persone dif­fi­cil­men­te am­met­to­no di es­se­re sta­te li­cen­zia­te, in par­te per ra­gio­ni le­ga­li, in par­te per­ché siamo an­co­ra­ti all’idea che sia una di­sgra­zia. Ho cer­ca­to esem­pi di per­so­nag­gi fa­mo­si che rac­con­ta­no dei pro­pri li­cen­zia­men­ti. Ho tro­va­to so­lo Ste­ve Jobs (che non con­ta per­ché par­lia­mo di Ste­ve Jobs) e qual­che vip di po­co con­to. La gen­te vie­ne con­ti­nua­men­te li­cen­zia­ta. Può es­se­re che ab­bia­no fat­to qual­co­sa di sba­glia­to, ma la mag­gior par­te del­le vol­te no. Più a lun­go la­vo­ria­mo e cam­bia­mo po­sto, più fa­cil­men­te ci po­trà ca­pi­ta­re. C’È SO­LO UNA NOTA STONATA nell’in­te­ra in­ter­vi­sta. « A di­re il ve­ro», si van­ta­va la si­gno­ra Cham­bers, «non leg­go Vo­gue da an­ni. I ve­sti­ti so­no ir­ri­le­van­ti per la mag­gior par­te del­le persone». Nem­me­no io leg­go Vo­gue da tem­po, per la pre­ci­sio­ne da 57 an­ni, an­che se a vol­te lo sfo­glio dal par­ruc­chie­re e so­no giun­ta al­la stes­sa con­clu­sio­ne sui ve­sti­ti. Pe­rò c’è una differenza tra noi due. Lei ha lavorato a Vo­gue per tut­ta la sua vi­ta, men­tre io no. Se non rie­sci nem­me­no a leg­ge­re la ri­vi­sta che ti pa­ga per es­se­re il suo di­ret­to­re mo­da, c’è qual­co­sa di ef­fet­ti­va­men­te ver­go­gno­so nel ve­ni­re licenziati. La si­gno­ra Cham­bers non do­ve­va aspet­ta­re di es­se­re cac­cia­ta: avreb­be do­vu­to ras­se­gna­re le di­mis­sio­ni pa­rec­chi an­ni fa.

Lu­cy Kel­la­way,

lon­di­ne­se, co­lum­ni­st del Fi­nan­cial Ti­mes. Stu­di di fi­lo­so­fia ed eco­no­mia, un ma­ri­to, 4 figli e una spre­giu­di­ca­ta iro­nia po­st fem­mi­ni­sta le per­met­to­no di da­re ot­ti­mi con­si­gli nel sot­ti­le gio­co di so­prav­vi­ven­za tra vi­ta pri­va­ta e la­vo­ra­ti­va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.