LA VI­TA È PRO­PRIO ADES­SO

Sta­re nel mo­men­to pre­sen­te, sin­to­niz­za­ti so­lo sul re­spi­ro, sen­za nul­la da fa­re o da rag­giun­ge­re, ma più vi­ci­ni al­la gio­ia den­tro di noi

Marie Claire Maison (Italy) - - EDITORIALE - di CIN­ZIA FELICETTI

Tra le nuo­ve abi­tu­di­ni adot­ta­te dal­la sot­to­scrit­ta, quel­la che sta sor­ten­do gli ef­fet­ti più inat­te­si risponde al no­me di Min­d­ful­ness. De­vo es­se­re sin­ce­ra: co­me tut­ti i trend spi­ri­tua­li trop­po pub­bli­ciz­za­ti, che in­ge­ne­ra­no in me uno sno­bi­sti­co so­spet­to, era sta­ta re­le­ga­ta ini­zial­men­te in un cas­set­to ce­re­bra­le con­tras­se­gna­to dall’eti­chet­ta “Co­se da pro­va­re (con scar­sa con­vin­zio­ne) quan­do avrò un at­ti­mo li­be­ro (cioè mai)”. Poi una se­ra, re­du­ce da una gior­na­ta ispi­ra­ta – per i li­vel­li di stress – al film cult di Mar­tin Scor­se­se Fuo­ri

ora­rio (1985), mi so­no ri­tro­va­ta in un ano­ni­mo cen­tro yoga, cir­con­da­ta da vol­ti sco­no­sciu­ti (ma al­tret­tan­to stra­lu­na­ti) e ho spe­ri­men­ta­to una pratica es­sen­zia­le quan­to po­ten­te, de­sti­na­ta a di­ven­ta­re un ap­pun­ta­men­to ir­ri­nun­cia­bi­le del mio quo­ti­dia­no.

Quel­lo che vie­ne ri­chie­sto è tec­ni­ca­men­te sem­pli­ce (ma non fa­ci­le) e con­si­ste nel pre­sta­re at­ten­zio­ne per al­me­no die­ci mi­nu­ti (me­glio ven­ti) so­lo al pro­prio re­spi­ro. Nel suo “mi­ni­ma­li­smo” rap­pre­sen­ta la me­di­ta­zio­ne per ec­cel­len­za e si ef­fet­tua stan­do se­du­ti a ter­ra ap­pog­gia­ti a una pa­re­te (o su una sedia dal­lo schie­na­le ri­gi­do), per ga­ran­ti­re al­la co­lon­na ver­te­bra­le il giu­sto so­ste­gno. La co­mo­di­tà si de­cli­na pu­re nell’ab­bi­glia­men­to, con il con­si­glio di av­vol­ger­si in un plaid, per­ché il ri­las­sa­men­to fa ab­bas­sa­re la tem­pe­ra­tu­ra cor­po­rea. Quan­do ci si sen­te pron­ti, si chiu­do­no gli oc­chi sof­fer­man­do­si sull’aria che en­tra ed esce dal­le na­ri­ci, sul suo­no che pro­du­ce, sul suo te­po­re e sul lie­ve mo­vi­men­to del­la cas­sa to­ra­ci­ca. Que­sta fo­ca­liz­za­zio­ne co­sti­tui­sce un’an­co­ra per la con­sa­pe­vo­lez­za, ma non im­pe­di­sce – ahi­mè – al­la men­te di va­ga­re, ri­suc­chia­ta da un vor­ti­ce di pen­sie­ri. Ogni vol­ta che la con­cen­tra­zio­ne si eclis­sa, va ri­con­dot­ta con gen­ti­lez­za al com­pi­to ini­zia­le. Il sen­so ul­ti­mo di tut­to ciò è ria­bi­tuar­si a esi­ste­re nel pre­sen­te, spe­ri­men­ta­re la vi­ta nel suo svol­ger­si (an­zi­ché re­sta­re no­stal­gi­ca­men­te pri­gio­nie­ri del pas­sa­to op­pu­re, al con­tra­rio, at­ti­ra­ti co­me una ca­la­mi­ta dal­la pro­get­tua­li­tà fu­tu­ra). Gli ef­fet­ti nel me­dio pe­rio­do, a fron­te di una pratica gior­na­lie­ra: ri­du­zio­ne con­si­sten­te di an­sia e ne­ga­ti­vi­tà, mag­gio­re ener­gia vi­ta­le, mi­glio­ra­men­to del­la re­la­zio­ne con se stes­si e gli al­tri.

E ora, una co­mu­ni­ca­zio­ne di ser­vi­zio. Dal pros­si­mo nu­me­ro an­che que­sto edi­to­ria­le di­ven­te­rà più min­d­ful, ov­ve­ro ca­rat­te­riz­za­to da me­no pa­ro­le/mag­gio­re so­stan­za. Non ve­dre­te più la mia fo­to, ma io ci sa­rò, più “sin­to­niz­za­ta” che mai. Vi aspet­to!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.