Nel cuo­re dell’ocea­no In­dia­no, c’è un’isola dai mil­le co­lo­ri...

In un viag­gio a me­tà tra la vacanza di lus­so e l’avventura estre­ma, vi por­tia­mo a Mau­ri­tius: sul­la spiag­gia e nei cam­pi in­fi­ni­ti di su­gar ca­ne, pas­san­do dal­la na­tu­ra in­con­ta­mi­na­ta ai mer­ca­ti di cit­tà, tra an­ti­che ca­se co­lo­nia­li, tem­pi hin­du, chie­se cri­sti

Master Meeting - - LE VIE DELL’INCENTIVE - Cristina Pic­ci­not­ti, fo­to di Pier­lui­gi Be­ni­ni

Im­ma­gi­na­te un pic­co­lo pun­to verde lus­su­reg­gian­te, di­se­gna­to in quel gran­de ma­re cal­do, az­zur­ro sme­ral­do che è l’ocea­no In­dia­no. Un’isola ba­cia­ta dal so­le qua­si tut­to l’an­no, ac­co­glien­te co­me la gen­te che la abi­ta e au­ten­ti­ca co­me le an­ti­che re­si­den­ze co­lo­nia­li dis­se­mi­na­te qua e là ne­gli in­fi­ni­ti cam­pi di can­na da zuc­che­ro. Mau­ri­tius è un luo­go di pa­ce e di in­te­gra­zio­ne, do­ve re­gna­no il ri­spet­to re­ci­pro­co e la con­vi­ven­za se­re­na tra i suoi abi­tan­ti. E una vol­ta lì la gio­ia di vi­ve­re della sua gen­te si sen­te su­bi­to, e sem­bra qua­si di toc­car­la ap­pe­na si at­ter­ra.

Un vul­ca­no di co­lo­ri

Impossibile non ri­ma­ne­re col­pi­ti dall’ani­ma va­rio­pin­ta di Mau­ri­tius, che no­no­stan­te l’ori­gi­ne vul­ca­ni­ca è una ter­ra pie­na di co­lo­ri. A di­pin­ger­la di un’esplo­sio­ne in­cre­di­bi­le di sfu­ma­tu­re so­no le lin­gue di­ver­se par­la­te dai mau­ri­zia­ni, che chiac­chie­ra­no in in­gle­se, fran­ce­se o hin­di, ma uni­ver­sal­men­te co­mu­ni­ca­no tra lo­ro in creo­lo, un dia­let­to che ha re­ga­la­to al fran­ce­se un po’ della vi­va­ci­tà afri­ca­na. Pen­nel­la­te di co­lo­ri sgar­gian­ti ar­ri­va­no dai mer­ca­ti di frut­ta e ver­du­ra, stra­col­mi di spe­zie pro­fu­ma­te co­me il curry e il pe­pe­ron­ci­no che ac­cen-

do­no e in­sa­po­ri­sco­no le ri­cet­te lo­ca­li. A man­te­ne­re vi­vo il co­lo­re della tra­di­zio­ne so­no i can­ti e i bal­li al rit­mo della sé­gà, una mu­si­ca afri­ca­na na­ta da­gli schia­vi che con strumenti ru­di­men­ta­li (trian­go­lo, tam­bu­ro di pel­le di ca­pra e ma­ra­cas di la­mie­ra e semi) rac­con­ta­va­no le lo­ro sto­rie di vi­ta e amo­re. Inon­da­no l’isola dei co­lo­ri della fra­tel­lan­za e del ri­spet­to re­ci­pro­co tra le per­so­ne le pre­ghie­re e i cul­ti in­dui­sti, mu­sul­ma­ni e cat­to­li­ci pra­ti­ca­ti li­be­ra­men­te nei vi­va­ci tem­pli Ta­mil, nel­le mo­schee dal­le fac­cia­te bian­che e ver­di, nel­le so­brie e più me­ste chie­se cri­stia­ne (co­me quel­la di San Fran­ce­sco d’As­si­si che si tro­va nel­la ca­pi­ta­le, pro­prio nel cuo­re del quar­tie­re mu­sul­ma­no). Ma, so­pra a ogni co­sa, do­mi­na­no i co­lo­ri della na­tu­ra che ri­co­pre tut­ta l’isola e co­sì ri­go­glio­sa e sel­vag­gia è lei la ve­ra cu­sto­de dell’ani­ma più spon­ta­nea e au­ten­ti­ca di Mau­ri­tius.

La mon­ta­gna del ricordo

Fi­no a tre­cen­to an­ni fa sull’isola di Mau­ri- tius non abi­ta­va nes­su­no (men­tre og­gi si con­ta­no un mi­lio­ne e due­cen­to­mi­la abi­tan­ti). Era­no la na­tu­ra sel­vag­gia e gli ani­ma­li – tra cui il leg­gen­da­rio Do­do, tri­ste­men­te estin­to –, a far­la da padroni. I pri­mi ad ar­ri­va­re fu­ro­no i di­scen­den­ti dei fran­ce­si, che si sta­bi­li­ro­no qui nel 1715, se­gui­ti dai fi­gli de­gli schia­vi ne­ri por­ta­ti dal sud dell’Afri­ca per la­vo­ra­re la can­na da zuc­che­ro. Nel 1810 fu la vol­ta de­gli in­gle­si e quin­di dei brac­cian­ti in­dia­ni e dei com­mer­cian­ti ci­ne­si che la­scia­ro­no le cam­pa­gne di Guang­z­hou sen­za sa­pe­re be­ne do­ve an­da­va­no. Sull’isola non ci fu­ro­no mai in­di­ge­ni espro­pria­ti e que­sto tutt’og­gi è mo­ti­vo di orgoglio per i mau­ri­zia­ni, che so­no mu­sul­ma­ni, cat­to­li­ci e in­dui­sti e vi­vo­no in­sie­me, se­re­na­men­te, e sen­za al­cun pro­ble­ma. Il pre­sen­te felice non can­cel­la pe­rò il ricordo della schia­vi­tù, che ri­mar­rà per sem­pre nel­la me­mo­ria col­let­ti­va del Pae­se. La li­be­ra­zio­ne dal­la schia­vi­tù coin­ci­de con una del­le vi­cen­de più tri­sti della sto­ria dell’isola. Era l’1 feb­bra­io del 1835 quan­do gli in­gle­si in­via­ro­no una spe­di­zio­ne di po­li­ziot­ti per an­nun­cia­re a un grup­po di cir­ca cin­quan­ta schia­vi creo­li, ri­fu­gia­ti nel­le grot­te dell’im­per­via mon­ta­gna di Le Mor­ne Bra­bant, che era­no fi­nal­men­te li­be­ri. Lon­ta­ni da tut­to e igna­ri della no­ti­zia che la schia­vi­tù era sta­ta abo­li­ta, gli schia­vi ve­den­do ar­ri­va­re i po­li­ziot­ti in­ter­pre­ta­ro­no male e si lan­cia­ro­no nel vuo­to, sui­ci­dan­do­si in mas­sa. Da al­lo­ra, ogni an­no, i mau­ri­zia­ni di ori­gi­ne creo­la com­me­mo­ra­no in que­sta data l’abo­li­zio­ne della schia-

In aper­tu­ra: nel Ca­se­la World of Ad­ven­tu­res per un tour in quad, una pas­seg­gia­ta tra i leo­ni o un tè ri­las­san­te con vi­sta spet­ta­co­la­re sul­lo sky­li­ne selvaggio e na­tu­ra­le di Mau­ri­tius: dal­la ter­ra fi­no al ma­re, do­ve l’oc­chio più non ve­de ar­ri­va l’im­ma­gi­na­zio­ne. Qui so­pra, il Tempio Ta­mil di Kay­las­son ad Aber­crom­bie (Port Louis) è il più rap­pre­sen­ta­ti­vo dell’isola: l’im­po­nen­te strut­tu­ra è in­te­ra­men­te de­co­ra­ta di di­vi­ni­tà e or­na­men­ti tutti di­pin­ti a ma­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.