Ca­ri let­to­ri,

Master Meeting - - INDICE INSERZIONISTI - Ma­rio Man­ci­ni

Tut­ti quel­li che viag­gia­no e al­log­gia­no ai pia­ni al­ti de­gli ho­tel di Mi­la­no, Lon­dra, Pa­ri­gi e New York (e non so­lo lo­ro) so­no ri­ma­sti pro­fon­da­men­te col­pi­ti per l’in­cen­dio che, nel giu­gno scor­so, ha di­strut­to la Gren­fell To­wer a Lon­dra uc­ci­den­do cir­ca 90 per­so­ne. Co­sa ci può in­se­gna­re pe­rò que­sta tra­ge­dia? Che le ri­chie­ste dei Vi­gi­li del Fuo­co che pre­ten­do­no ne­gli ho­tel equi­pag­gia­men­ti di spe­gni­men­to, com­par­ti­men­ta­zio­ni, “zo­ne cal­me”, vie di fu­ga e sca­le, tan­te sca­le esen­ti da fuo­co e fiam­me so­no cor­ret­te. Pur­trop­po so­no an­co­ra tan­ti gli al­ber­ghi che non ri­spet­ta­no gli stan­dard di si­cu­rez­za an­tin­cen­dio, tra uti­liz­zo di ma­te­ria­li di scar­sa qua­li­tà, vuo­ti di sor­ve­glian­za, di­sat­ten­zio­ni al ri­schio, pes­si­ma se­gna­le­ti­ca di emer­gen­za, man­can­za di al­lar­mi, as­sen­za di se­zio­ni spe­cia­li pro­tet­te per di­sa­bi­li, etc. So­no mi­glia­ia gli al­ber­ghi (di ca­te­na e non) che han­no que­sti pro­ble­mi, com­pre­si quel­li a tor­re, con cin­quan­ta an­ni di vi­ta, che al­log­gia­no i lo­ro clien­ti con l’au­to­ma­ti­co rin­no­vo del­le li­cen­ze e con le vec­chie au­to­riz­za­zio­ni dei VVFF. Co­me po­ten­zia­li ospi­ti dob­bia­mo sa­pe­re che, se non cam­bia il ti­to­la­re del­la ge­stio­ne, le au­to­ri­tà am­mi­ni­stra­ti­ve so­no igna­re, non ispe­zio­na­no. E si at­ti­va­no so­lo do­po gli in­ci­den­ti, op­pu­re quan­do è pre­vi­sta un’im­por­tan­te ri­strut­tu­ra­zio­ne. Se in al­ber­go si svi­lup­pa un in­cen­dio le re­spon­sa­bi­li­tà pe­na­li so­no tut­te dei pro­prie­ta­ri, quel­le ci­vi­li del­le ca­te­ne, dei ma­na­ger e de­gli ope­ra­to­ri spe­cia­liz­za­ti del­la ma­nu­ten­zio­ne tec­ni­ca. Pri­ma del­la tra­ge­dia di Gren­fell era co­sì, ora for­se gli al­ber­ghi ver­ran­no sot­to­po­sti a nuo­ve ispe­zio­ni che, se fos­se­ro det­ta­glia­te, por­te­reb­be­ro al­la chiu­su­ra del 20% de­gli ho­tel. Con que­sto non vo­glio di­re che gli al­ber­ghi con una vec­chia au­to­riz­za­zio­ne dei VVFF sia­no po­co si­cu­ri, ma se la ca­me­ra in cui al­log­gia­mo è al de­ci­mo pia­no e non è rag­giun­gi­bi­le dal­le sca­le dei Vi­gi­li del Fuo­co al­lo­ra con­vie­ne fa­re un gi­ro pri­ma di an­da­re a let­to per ve­ri­fi­ca­re se la sca­la an­tin­cen­dio esi­ste, do­ve si tro­va, e se è li­be­ra da pro­dot­ti in­fiam­ma­bi­li. Se gli stan­dard di si­cu­rez­za non ci so­no... con­vie­ne dor­mi­re in mac­chi­na. Quel­lo che ap­pa­re fol­le è che se al­log­gi in un ho­tel Star­wood, Mar­riott o Ho­li­day Inn i re­spon­sa­bi­li so­no lo­ro per­ché ti han­no in­di­riz­za­to in un ho­tel che non è si­cu­ro. Stes­sa co­sa per le OTA, sul­la cui re­spon­sa­bi­li­tà si nu­tro­no for­ti dub­bi per­ché le pa­gi­ne di pre­no­ta­zio­ne del­le OTA so­no pie­ne di di­sclai­mer espo­sti ov­via­men­te per evi­ta­re le re­spon­sa­bi­li­tà e la man­can­za ne­gli­gen­te di si­cu­rez­za de­gli edi­fi­ci che con­si­glia­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.