Mi­ni­ma­li­smo, lo­gor­roi­ci e poe­sia

Master Meeting - - LA PAROLA AL FORMATORE - A cu­ra di Pao­lo Maz­za­glia di Other­wi­se srl pmz@other­wi­se.it

Se tu amia­mo la ca­pa­ci­tà di es­se­re sin­te ci ne­gli al­tri non per for­za sia­mo in gra­do di es­se­re sin­te ci noi. Ep­pu­re la ca­pa­ci­tà di es­se­re chia­ri ed ef­fi­ca­ci in po­co tem­po (e con poche pa­ro­le) è fon­da­men­ta­le sopra u o og­gi in cui le fi­ne­stre di a en­zio­ne so­no sem­pre più pic­co­le. Di­cia­mo­ci la ve­ri­tà: quan­to tem­po ci dan­no col­le­ghi, ca­pi o clien per pre­sen­ta­re le no­stre idee? E sopra u o quan­to di quel tem­po è fa o di ve­ra at­ten­zio­ne e quan­to di un au­to­ma co an­nui­re men­tre con i pen­sie­ri si è già all’im­pe­gno suc­ces­si­vo o ma­ga­ri al­la li­sta del­la spe­sa? Quin­di è im­por­tan­te es­se­re ele­gan­te­men­te sin­te ci. Al­lo­ra co­me fare? E per­ché per qual­cu­no sem­bra un’im­pre­sa im­pos­si­bi­le e di­spe­ra­ta? De­vo di­re che man­ca le era­tu­ra a ri­guar­do (o al­me­no io non l’ho tro­va­ta) ma ab­bon­dan­do le ipo­te­si e le in­ter­pre­ta­zio­ni. La più sem­pli­ce è che ab­bia­mo tu un gran bi­so­gno di es­se­re ascol­ta , e vi­sto che l’ascol­to non ar­ri­va spon­ta­neo ce l’ho pren­dia­mo. Non trop­po di­stan­te da que­sta pri­ma idea è quel­la per cui la “lo­gor­rea” sia de ata in­nan­zi­tu o dall’an­sia: quel­la di pas­sa­re in se­con­do pia­no, di es­se­re igno­ra , di per­de­re il pal­co­sce­ni­co ru­ba­to da al­tri. E al­lo­ra nien­te spa­zio per nes­su­no, il pal­co è mio fin­ché par­lo. Al­tre ri­fles­sio­ni possono ve­ni­re dal mo­do in cui ela­bo­ria­mo i pen­sie­ri. Di fa o poi­ché la no­stra men­te con­scia può so­lo di­ri­ge­re la sua a en­zio­ne ver­so un cer­to quan ­ ta vo di in­for­ma­zio­ni, in un da­to mo­men­to ab­bia­mo dei programmi in­ter­ni che l’in­di­vi­duo u liz­za (spes­so a li­vel­lo non con­sa­pe­vo­le) per decidere ver­so co­sa e in che mo­do di­ri­ge­re la sua a en­zio­ne. E a vol­te ques programmi in­ter­ni ci “ob­bli­ga­no” a di­lun­gar­ci su aspe non cru­cia­li ri­spe o a quel­lo di cui s amo par­lan­do. C’è chi ad esem­pio in­far­ci­sce i di­scor­si di ri­fe­ri­men al tem­po, chi par­la os­ses­si­va­men­te di pos ed ag­giun­ge ri­fe­ri­men geo­gra­fi­ci a quel­lo che di­ce. Chi par­la di co­se e chi pre­fe­ri­sce fare co­stan­te­men­te ri­fe­ri­men­to al­le persone. Nien­te di ma­le in real­tà se non che a vol­te que­sto por­ta ad inu li al­lun­ga­men del di­scor­so. Fac­cia­mo un esem­pio: Do­man­da: qua­le so ware pos­sia­mo usa­re per fare que­sto la­vo­ro? Ri­spo­sta (di chi ama fare ri­fe­ri­men­to al­le persone): guar­da, una vol­ta è ve­nu­to a tro­var­ci in uf­fi­cio un ami­co del mio ca­po, Ma­rio, quel­lo di cui par­la­vo che si è spo­sa­to due vol­te e la se­con­da mo­glie Ca­te­ri­na è una cu­gi­na al­la lon­ta­na del pre­mier In­dia­no... co­mun­que que­sto po, Lu­ca, ci ave­va rac­con­ta­to di un suo col­le­ga, un po biz­zar­ro pa­re ma un ge­nio dell’in­for­ma ca che la­vo­ra sem­pre da so­lo in una bai­ta in Tren no, e ci ave­va det­to che lui era par co­lar­men­te af­fe­zio­na­to a Dream­wea­ver per que­sto po di ap­pli­ca­zio­ni. Be­ne, in­te­res­san­te, sopra u o da­van ad una bir­ra in una si­tua­zio­ne di relax. For­se in un con­te­sto la­vo­ra vo era suf­fi­cien­te di­re “mi han­no par­la­to be­ne di Dream­wea­ver”. Si­cu­ra­men­te meno ric­co, si­cu­ra­men­te più ef­fi­ca­ce. In­som­ma ca­pi­ta che non sap­pia­mo da­re le giu­ste prio­ri­tà al­le giu­ste in­for­ma­zio­ni. Sem­pre fan­tas ­ can­do sui mo vi per cui non riu­scia­mo ad es­se­re sin­te ci non dob­bia­mo di­men car­ci di uno fon­da­men­ta­le, che in real­tà ci ac­co­mu­na tu . In so­stan­za ci di­lun­ghia­mo e sbro­do­lia­mo per­ché s amo ri­fle en­do su un te­ma ad alta vo­ce. E lo s amo fa­cen­do in quel mo­men­to per­ché non l’ab­bia­mo fa o pri­ma. In so­stan­za non sia­mo pre­pa­ra e co­me di­ce­va qual­cu­no “mi ci vo­glio­no due mi­nu per pre­pa­ra­re un di­scor­so di due ore, e due ore per pre­pa­ra­re un di­scor­so di due mi­nu ”.

La vi­ta è co­me una scul­tu­ra: bi­so­gna to­glie­re Mau­ro Corona

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.